Prostituzione sulla provinciale 231
Prostituzione sulla provinciale 231
Cronaca

Prendevano le ragazze dalla stazione di Bari per farle prostituire sulla 231. Fermati due nigeriani

Operazione della Polizia Locale di Terlizzi: erano i guardiaspalle di alcune donne straniere

La polizia locale di Terlizzi ha fermato due nigeriani accusati di favoreggiamento della prostituzione, sorpresi a fare da «guardiani» presso i casolari di alcune meretrici del posto. I due uomini, 48 e 32 anni, richiedenti asilo, entrambi residenti a Bari, in particolare sono accusati di aver prestato attività di «guardiania e assistenza» a favore di cinque donne (tre colombiane, una venezuelana e una dominicana) che ogni giorno stazionavano all'interno di casolari lungo la complanare «lato monte» strada provinciale 231 ad altezza di Terlizzi.

Secondo le indagini condotte dagli agenti del nucleo «Stranieri e Prostituzione» della Polizia Locale di Terlizzi (anche con l'ausilio di riprese fotografiche e pedinamenti), i due fungevano da veri e propri guardiaspalle delle cinque donne: passavano a prendere le giovani donne dalle stazione di Bari centrale e le scortavano sia all'arrivo sul posto di lavoro sia al ritorno e le assistevano per tutte le attività quotidiane. Una protezione a tutto tondo diventata necessaria nella zona a causa del dilagare del fenomeno delle rapine alle prostitute, fa sapere il responsabile del nucleo «Stranieri e Prostituzione», il maresciallo Gaetano Barione.

Grazie alle testimonianze delle donne e dei clienti ascoltati, la polizia locale ha potuto ricostruire la giornata tipo dei due nigeriani: alle otto del mattino partivano in due taxi distinti con le meretrici fino a tre casolari in territorio terlizzese; una volta giunti sul posto, il primo si nascondeva all'interno di una intercapedine tra due «casette», mentre l'altro si rifugiava tra la vegetazione di fronte a un terzo casolare. Restavano così per tutta la giornata svolgendo funzioni di vedetta, oltre che di supporto logistico (si occupavano della fornitura di acqua e di altro materiale). A sera, intorno alle 19, tornavano indietro a Bari sempre in taxi.

Il blitz della della Polizia Locale è scattato lo scorso 23 giugno al termine di una serie di osservazioni sul campo: gli agenti, accompagnati da una interprete, hanno fermato i due stranieri risultati privi di documenti di identità.

«L'intervento si è reso necessario per una questione di ordine pubblico e di sicurezza, anche a seguito delle numerose proteste ricevute dai residenti che vivono nelle zone dell'agro a ridosso della complanare», spiega il comandante della Polizia Locale, Giovanni Di Capua. I due nigeriani, entrambi con piccoli precedenti, sono stati identificati nella caserma dei carabinieri di Molfetta. Al momento del fermo uno dei due stava posizionato su una sdraio, mentre l'altro si trovava all'ombra sotto alcuni alberi di pino. Le indagini ora sono al vaglio della procura di Trani.
  • Prostituzione
Altri contenuti a tema
60 anni dalla legge Merlin, Carrieri: «Società cambiata e ha bisogno di regole diverse» 60 anni dalla legge Merlin, Carrieri: «Società cambiata e ha bisogno di regole diverse» Intervento sull'argomento del consigliere regionale Ignazio Zullo: «Le 'case' vanno riaperte»
Bari, condannati i due aguzzini della giovane rumena costretta a prostituirsi per 5 euro Bari, condannati i due aguzzini della giovane rumena costretta a prostituirsi per 5 euro La ragazza era stata fatta venire in Italia con la promessa di un lavoro come badante
Prostituzione al Quartierino, pronto l'esposto alle forze dell'ordine Prostituzione al Quartierino, pronto l'esposto alle forze dell'ordine La denuncia dell'associazione dei residenti stanchi dello spettacolo in pieno giorno: «Periferie abbandonate a sé stesse»
Bari, sesso con 13enne nel parcheggio del San Nicola. Condannati due anziani Bari, sesso con 13enne nel parcheggio del San Nicola. Condannati due anziani I due, processati con rito abbreviato, sconteranno una pena pari a sei anni di reclusione
Prostituzione minorile allo stadio San Nicola di Bari. Arrestato 45enne incensurato Prostituzione minorile allo stadio San Nicola di Bari. Arrestato 45enne incensurato L'indagine scaturita dal servizio de "Le Iene" dello scorso marzo. In manette Francesco Catalano
Coniugi arrestati per sfruttamento della prostituzione Coniugi arrestati per sfruttamento della prostituzione Insieme ad altre tre persone gestivano un giro d'affari di oltre 300 mila euro in diversi immobili in città e fuori
Sesso con un minore, chiesti 6 anni per due pensionati Sesso con un minore, chiesti 6 anni per due pensionati La vicenda, legata al frastuono sollevato da Le Iene e al presunto giro di prostituzione con minori in zona stadio, risale alla scorsa primavera
Lotta alla prostituzione, la polizia ferma tre nigeriane e una quarantenne italiana Lotta alla prostituzione, la polizia ferma tre nigeriane e una quarantenne italiana La donna italiana è stata trovata come già in passato con diverse migliaia di euro nella borsa
© 2001-2018 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.