La cerimonia in Uniba
La cerimonia in Uniba
Scuola e Lavoro

Post Covid, Uniba riparte consegnando diplomi ai laureati. Da settembre esami in presenza

Il rettore Bronzini: «Appuntamento importante, prima tappa verso il riappropriarsi dei nostri spazi e riabitarli»

Ventritré ragazzi laureatisi durante il lockdown come simbolo dell'università che piano piano ricomincia a vivere e a riprendersi i suoi spazi dopo l'emergenza Coronavirus. Sono i protagonisti della serata "Riprendiamoci" dell'Università di Bari, uno per ogni dipartimento, tutti laureati a cui stasera è stato consegnato il diploma.

«Quello di stasera è un appuntamento importante, "Riprendiamoci" significa tante cose per noi - sottolinea il Magnifico rettore Stefano Bronzini - Riprendersi gli spazi in primo luogo, riabitarli e possibilmente iniziare una nuova possibilità per l'intero paese. Aver laureato 1600 triennalisti e 800 magistrali vuol dire aver lavorato nonostante la situazione di precarietà, ma grazie ai loro sorrisi, al loro entusiasmo, ai loro colori noi siamo riusciti ad intraprendere una via importante. Da domani non solo si laureeranno in presenza le magistrali, ma noi potremo aprire le biblioteche e cominciare quel che percorso che ci permetterà di erogare la nostra offerta formativa in presenza».
La cerimoniaLa cerimoniaLa cerimoniaLa cerimoniaLa cerimoniaLa cerimoniaLa cerimoniaLa cerimonia
Da giovedì riapriranno le biblioteche, con disponibili un terzo dei posti a sedere. Riprenderanno i laboratori, e gli organismi si riuniranno in presenza, mentre per gli esami bisognerà aspettare la sessione di settembre per rivederli svolgersi nelle aule.

«Gli studenti iniziano a riappropriarsi delle propria normalità - dichiara il sindaco Antonio Decaro - stasera verrà loro consegnato il diploma di laurea in modo simbolico, ma in questo modo si permette agli studenti, che si sono laureati non in presenza, di essere gratificati».

Assente il ministro Boccia che avrebbe dovuto presenziare, e che ha mandato un video in cui ha voluto omaggiare gli studenti presenti: «Questo è il luogo in cui si mette in discussione tutto, in cui non ci sono dogmi. Mi dispiace non essere con voi, avrei voluto idealmente abbracciarvi. Ai ragazzi voglio dire prima di tutto auguri, soprattutto per la condizioni inimmaginabili in cui avete portato a termine il vostro percorso di studi. Continuate a mettere tutto in discussione, a studiare, ad approfondire per passione ma soprattutto per scoprire quanto è fantastico questo mondo aperto in cui viviamo».

«Stasera diciamo grazie per i vostri sacrifici - queste le parole del presidente Michele Emiliano - e per quello che farete dopo la laurea. Speriamo di avere la capacità di mettervi in campo e di farvi giocare. Questo è il mio timore maggiore, che si risolve trovando da lavorare con retribuzione adeguata e in base alle inclinazioni di ognuno. Questa università è dedicata a un uomo che ha immaginato il futuro dell'Italia dopo una guerra folle. Stasera celebriamo la costituzione incarnata, senza la libertà di formazione non potrebbe essere fruito alcun diritto. Le eccellenze si costruiscono in università aperte alla società, come lo sono le università pugliesi e soprattutto quella di Bari».
  • Università
  • uniba
Altri contenuti a tema
Bari, un progetto per favorire la passione dell'informatica nelle giovani studentesse Bari, un progetto per favorire la passione dell'informatica nelle giovani studentesse Parte "Nerd", iniziativa organizzata da IBM Italia in collaborazione con Università e Politecnico di Bari
Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Dovrebbe essere in grado di inibire un enzima necessario alla replicazione virale utilizzando la strategia del “drug repurposing”
Bari, identificata l’eruzione di una magnetar extragalattica Bari, identificata l’eruzione di una magnetar extragalattica Coinvolto nello studio un gruppo di ricercatori del Dipartimento Interateneo di Fisica dell’Università e del Politecnico di Bari, e della Sezione di Bari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni Era docente di Statistica Medica presso la Scuola di Medicina e Chirurgia
Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Il docente di Igiene: «Immunità dopo sette giorni dalla somministrazione della seconda dose»
Lotta al terrorismo, l'Università di Bari firma un accordo con la Direzione antimafia Lotta al terrorismo, l'Università di Bari firma un accordo con la Direzione antimafia Servirà a promuovere iniziative di studio e formazione volte a rafforzare e sostenere la cultura della legalità
Università di Bari, al via domani le attività online dello sportello antiviolenza Università di Bari, al via domani le attività online dello sportello antiviolenza Si inizia con la lezione aperta “La valutazione del rischio di recidiva nell’ambito della violenza intrafamiliare”
Covid, gli animali domestici si infettano ma non contagiano. La ricerca dell'Università di Bari Covid, gli animali domestici si infettano ma non contagiano. La ricerca dell'Università di Bari Lo studio, condotto dall'equipe del professor Nicola Decaro, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.