Aggressione
Aggressione
Associazioni

Picchia e minaccia la figlia perché lesbica, le associazioni: «Istituzioni intervengano»

Dopo anni di vessazioni la ragazza ha avuto il coraggio di denunciare. Bottalico: «Comune di Bari pronto ad attivare tutte le azioni possibili»

Una storia di reiterata violenza familiare a cui si lega l'omofobia. Accade a Bari vecchia, dove il padre violento avrebbe per anni picchiato e minacciato la figlia, oggi 29enne, perché lesbica. La ragazza, dopo le violenze, l'ultima il 12 novembre che le ha causato gravi ferite e lesioni, ha trovato finalmente il coraggio di denunciare.

La storia, riportata da Bari - Il Quotidiano Italiano, è stata amplificata dalle associazioni Lgbtqi di Bari, che si sono fatte megafono della vicenda della ragazza (con problemi di epilessia) chiedendo aiuto alle istituzioni. «Questa ragazza ha avuto il coraggio di denunciare, ma adesso ha paura di restare in quella casa e cerca una nuova sistemazione - scrive Mixed Lgbti. Noi le esprimiamo la nostra vicinanza, e speriamo con questo post di farle sapere che le porte della nostra associazione sono sempre aperte. Intanto rilanciamo al Comune di Bari il suo appello, e riflettiamo ancora una volta su come la Regione Puglia - approvando il ddl regionale contro l'omofobia (art. 6) - estenderebbe alla comunità lgbt i servizi di supporto abitativo. Inoltre questa ragazza cerca un lavoro che sia compatibile con i suoi problemi di salute. Troppo spesso la dipendenza economica ci costringe a subire: chiunque abbia un posto di lavoro da offrirle, lo faccia presente nei commenti», si legge sul post Facebook dell'associazione.

Un appello fatto proprio anche dall'organizzazione del Bari Pride 2019, che rilancia: «Come Bari Pride rilanciamo l'appello di Mixed lgbti alle istituzioni affinché si facciano carico di questa situazione e si adoperino per adottare tutti gli strumenti atti a prevenirne di simili in futuro. Il vuoto normativo dato dalla mancanza di una legge contro l'omobitransfobia regionale e nazionale si fa sentire sempre di più».

Dalla sua il Comune di Bari si dice pronto a sostenere la ragazza nel suo percorso di "liberazione" dalla violenza domestica e dall'omofobia. «Il Comune e l'assessorato al Welfare sono disponibili ad attivare tutte le azioni possibili per tutelare e supportare la ragazza - commenta Francesca Bottalico, assessore al Welfare. Per chi avesse info maggiori può contattarmi personalmente al fine di accompagnare nell'immediato la presa in carico».
  • Omofobia
  • Comunità LGBTQI
  • violenza di genere
Altri contenuti a tema
Legge contro omotransfobia, l'onorevole Zan da Bari: «Identità di genere concetto inclusivo» Legge contro omotransfobia, l'onorevole Zan da Bari: «Identità di genere concetto inclusivo» Il deputato Pd firmatario del Ddl in discussione alla Camera: «Importante che queste definizioni entrino nel codice penale»
Università di Bari, parte domani il punto di ascolto antiviolenza all'ex PalaPoste Università di Bari, parte domani il punto di ascolto antiviolenza all'ex PalaPoste L'iniziativa, in collaborazione fra ateneo e assessorato comunale al Welfare, sarà gestita dalla cooperativa Comunità San Francesco
Bonus matrimoni, Gay center attacca la Regione Puglia: «Non vale per coppie omosessuali» Bonus matrimoni, Gay center attacca la Regione Puglia: «Non vale per coppie omosessuali» La risposta del dirigente di Pugliapromozione Luca Scandale: «Un bando aperto anche alle unioni civili»
Carrassi, picchia la moglie disabile. Scatta l'obbligo di allontanamento Carrassi, picchia la moglie disabile. Scatta l'obbligo di allontanamento La donna aveva chiesto al marito di restare in casa per aiutarla, subendo l'ennesima violenza dall'inizio dell'inizio della malattia
Torre a Mare, maltratta e minaccia la moglie. Scatta il divieto di avvicinamento Torre a Mare, maltratta e minaccia la moglie. Scatta il divieto di avvicinamento La vittima, una donna di 33 anni, ha dichiarato ai poliziotti di aver ricevuto botte e umiliazioni fin dall'inizio del matrimonio
Picchia la moglie davanti ai due figli, arrestato 20enne al Libertà Picchia la moglie davanti ai due figli, arrestato 20enne al Libertà L'uomo è stati rintracciato dalla polizia in via Dante. Per la donna frattura del setto nasale
Il Bari pride ai tempi del Covid-19, la manifestazione "statica" in piazza Libertà Il Bari pride ai tempi del Covid-19, la manifestazione "statica" in piazza Libertà Tema di quest'anno è il ddl Zan contro l'omo-bi-transfobia. Il portavoce Nigri: «Chiediamo approvazione senza "mutilazioni"»
Oggi il Bari pride, limitazioni al traffico in piazza Libertà Oggi il Bari pride, limitazioni al traffico in piazza Libertà Evento "statico" previsto a partire dalle ore 18
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.