Aggressione
Aggressione
Associazioni

Picchia e minaccia la figlia perché lesbica, le associazioni: «Istituzioni intervengano»

Dopo anni di vessazioni la ragazza ha avuto il coraggio di denunciare. Bottalico: «Comune di Bari pronto ad attivare tutte le azioni possibili»

Una storia di reiterata violenza familiare a cui si lega l'omofobia. Accade a Bari vecchia, dove il padre violento avrebbe per anni picchiato e minacciato la figlia, oggi 29enne, perché lesbica. La ragazza, dopo le violenze, l'ultima il 12 novembre che le ha causato gravi ferite e lesioni, ha trovato finalmente il coraggio di denunciare.

La storia, riportata da Bari - Il Quotidiano Italiano, è stata amplificata dalle associazioni Lgbtqi di Bari, che si sono fatte megafono della vicenda della ragazza (con problemi di epilessia) chiedendo aiuto alle istituzioni. «Questa ragazza ha avuto il coraggio di denunciare, ma adesso ha paura di restare in quella casa e cerca una nuova sistemazione - scrive Mixed Lgbti. Noi le esprimiamo la nostra vicinanza, e speriamo con questo post di farle sapere che le porte della nostra associazione sono sempre aperte. Intanto rilanciamo al Comune di Bari il suo appello, e riflettiamo ancora una volta su come la Regione Puglia - approvando il ddl regionale contro l'omofobia (art. 6) - estenderebbe alla comunità lgbt i servizi di supporto abitativo. Inoltre questa ragazza cerca un lavoro che sia compatibile con i suoi problemi di salute. Troppo spesso la dipendenza economica ci costringe a subire: chiunque abbia un posto di lavoro da offrirle, lo faccia presente nei commenti», si legge sul post Facebook dell'associazione.

Un appello fatto proprio anche dall'organizzazione del Bari Pride 2019, che rilancia: «Come Bari Pride rilanciamo l'appello di Mixed lgbti alle istituzioni affinché si facciano carico di questa situazione e si adoperino per adottare tutti gli strumenti atti a prevenirne di simili in futuro. Il vuoto normativo dato dalla mancanza di una legge contro l'omobitransfobia regionale e nazionale si fa sentire sempre di più».

Dalla sua il Comune di Bari si dice pronto a sostenere la ragazza nel suo percorso di "liberazione" dalla violenza domestica e dall'omofobia. «Il Comune e l'assessorato al Welfare sono disponibili ad attivare tutte le azioni possibili per tutelare e supportare la ragazza - commenta Francesca Bottalico, assessore al Welfare. Per chi avesse info maggiori può contattarmi personalmente al fine di accompagnare nell'immediato la presa in carico».
  • Omofobia
  • Comunità LGBTQI
  • violenza di genere
Altri contenuti a tema
Su Raitre la terribile storia dell'omicidio di Anna Costanzo a Bari Su Raitre la terribile storia dell'omicidio di Anna Costanzo a Bari Il programma tv Commissari - sulle tracce del male ripercorre le indagini relative al caso della truccatrice del Petruzzelli
Bari, in arrivo al Politecnico un centro antiviolenza Bari, in arrivo al Politecnico un centro antiviolenza La richiesta avanzata dal comitato studentesco Link ha suscitato l'interesse dell'assessore per le Pari Opportunità
Picchia la convivente, arrestato 40enne a Bari Picchia la convivente, arrestato 40enne a Bari L'uomo, sottoposto già al regime dell'obbligo di dimora per maltrattamenti, è stato colto in flagranza
Bitritto, la ex protagonista del "Collegio" Mariana: «Cacciata di casa perché lesbica» Bitritto, la ex protagonista del "Collegio" Mariana: «Cacciata di casa perché lesbica» La sedicenne si sfoga su Instagram: «Mi hanno detto che non sono normale. Ora ho trovato il coraggio di parlare»
Camera di commercio di Bari, una panchina rossa come simbolo di lotta Camera di commercio di Bari, una panchina rossa come simbolo di lotta Installata questa mattina durante la Giornata contro la violenza sulle donne
"Generare culture non violente", tre giorni di eventi contro violenza e discriminazione a Bari "Generare culture non violente", tre giorni di eventi contro violenza e discriminazione a Bari In chiusura il 27 in piazza Balenzano ci sarà un flash mob e il murale d'artista di Giuseppe D'Asta
No a violenza e discriminazione di genere, nello spot di Arcigay una protagonista è di Bari No a violenza e discriminazione di genere, nello spot di Arcigay una protagonista è di Bari Alessia Nobile, ragazza trans che ha prestato il suo volto per il video di sensibilizzazione: «Un'esperienza molto intensa»
Bari contro l'omofobia, una raccolta fondi per aiutare Mariangela e la sua compagna Bari contro l'omofobia, una raccolta fondi per aiutare Mariangela e la sua compagna L'iniziativa è stata lanciata dall'associazione Mixed sulla piattaforma Produzioni dal basso per sostenere la ragazza vittima di violenza domestica
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.