Il Fornelli di Bari
Il Fornelli di Bari

Pasqua, le sostanze profumate dell'arcivescovo donate dai detenuti del carcere minorile di Bari

Satriano: « Lasciamoci dilatare il cuore da un gesto così forte, ricco di comunione e partecipazione»

«Quest'anno le sostanze profumate, che infonderò per preparare il sacro Crisma, ci vengono donate dai ragazzi e giovani dell'istituto Penale Fornelli di Bari e ancora una volta dal lavoro di cooperative della locride che si oppongono alla 'Ndrangheta. Gesti che commuovono e ci provocano nel profondo». Lo annuncia monsignor Giuseppe Satriano, arcivescovo di Bari-Bitonto, in prossimità della Pasqua.

Il messaggio di Satriano continua: «Il buon profumo, elemento che esalta l'olfatto, ci parla di chi lo indossa e nella Parola è riferimento a Cristo. Questi fratelli che vivono nel dolore della reclusione e nell'impegno della ricerca di legalità, ci additano, con la bellezza del loro gesto, il significato alto di questa nostra celebrazione degli oli: liturgia che profuma la vita della Chiesa di rinnovata appartenenza a Cristo. Lasciamoci dilatare il cuore da un gesto così forte, ricco di comunione e partecipazione, e il profumo dell'amore di Cristo ci sospinga verso una vita rinnovata e capace di prossimità a chi è caduto sotto il peso delle fragilità... e sia Pasqua per tutti».

Di seguito la lettera inviata dai detenuti

Carissimi tutti,

anche noi da poco abbiamo terminato la consultazione sinodale nel nostro carcere. Questa esperienza ci ha fatto capire quanto sia importante nella vita di ogni giorno ascoltarci reciprocamente senza pregiudizi per camminare insieme e non sentirci mai soli anche quando si sbaglia e si commettono errori e reati gravi. È stato bello sentirci parte viva di una Chiesa che pensa a noi, che è con noi…che cammina con noi, che siamo noi. In questi giorni ci siamo sentiti abbracciati da una Chiesa che nella semplicità ci ha saputo ascoltare, accogliere, comprendere. Questa Chiesa ci piace e sogniamo; da parte nostra tutto l'impegno di prendere consapevolezza che è necessario cambiare vita ora a partire dalle scelte di ogni giorno per essere uomini migliori domani. Sappiamo che Dio non ci abbandona mai perché vede altro e va oltre, sempre! Non si scoraggia di fronte ai nostri sbagli e al male fatto ma ci ama di più; ci cerca, ci parla, ci guarda e ci salva. L'esperienza dura del carcere ci sta facendo apprezzare i piccoli gesti da parte di chi ci incontra…. gesti che ci ricordano a noi che forse non meritiamo nulla, quanto sia importante condividere quello che abbiamo e siamo. Aiutati dalla nostra guida spirituale abbiamo quest'anno approfondito il simbolismo dell'olio del Crisma: un olio che mescolato col profumo ha il potere e la forza di consacrare. E allora sentendoci parte viva della nostra Chiesa diocesana di Bari vogliamo farvi sentire il profumo della nostra presenza scomoda attraverso questo gesto di comunione e di partecipazione a questa Messa del Giovedì Santo mattina. Siamo orgogliosi e contenti di potervi offrire le essenze profumate che serviranno per comporre l'olio del Crisma come segno di speranza della nostra vita che può ancora sprigionare qualcosa di buono e di bello nonostante le fatiche e gli sbagli fatti. Profumare significa dare di qualcosa, esistere per qualcuno e accorgerti che realmente la vita ha valore, perché tu hai valore davanti alla vita. Noi siamo il profumo che sprigioniamo. Si può essere profumo anche in carcere iniziando a pensare diversamente le cose della vita, ritenendo che tutto sia un meraviglioso dono di Dio e che questo sia il tempo per ritrovare se stessi, per perdonarsi e perdonare. Ognuno di noi ha le sue macerie, ma la cosa sorprendente è che Dio ricomincia dalle nostre macerie e riparte da noi per rimetterci in piedi e per ridonarci quel profumo della dignità che abbiamo perso e che ci rende suoi figli amati: il profumo del perdono. Che questo profumo sia per tutti segno di testimonianza di un amore che riesce a vedere oltre gli sbagli come fa Gesù e allora sarà Pasqua!


I ragazzi e i giovani dell'Istituto Penale per i Minorenni N. Fornelli Bari
  • Pasqua
  • carcere di bari
  • giuseppe satriano
Altri contenuti a tema
Carcere di Bari, trentenne condannato per omicidio suicida in cella Carcere di Bari, trentenne condannato per omicidio suicida in cella La denuncia del Sappe: «Pazienti psichiatrici abbandonati a sé stessi»
Polizia penitenziaria a Bari, Sippe: «Servono almeno altre 10 unità» Polizia penitenziaria a Bari, Sippe: «Servono almeno altre 10 unità» La richiesta riguarda il personale in servizio presso il Nucleo Traduzione e Piantonamenti, pronti a manifestare
"Genitorialità oltre le sbarre", 93 utenti coinvolti a un mese dall'avvio "Genitorialità oltre le sbarre", 93 utenti coinvolti a un mese dall'avvio Progetto dell’assessorato al Welfare e della direzione del carcere in favore dei detenuti e dei loro figli
Detenuto dà fuoco alla cella, tragedia sfiorata nel carcere di Bari Detenuto dà fuoco alla cella, tragedia sfiorata nel carcere di Bari La denuncia del Sappe: «Coraggio e professionalità dei poliziotti determinanti in questo marasma»
Buona Pasqua Bari, Decaro: "Speriamo in un ritorno alla normalità" Buona Pasqua Bari, Decaro: "Speriamo in un ritorno alla normalità" Gli auguri del primo cittadino a tutti i baresi
“Pranziamo con i colori della Pace”, la pasquetta per i senza dimora di In.Con.Tra “Pranziamo con i colori della Pace”, la pasquetta per i senza dimora di In.Con.Tra Nella giornata di oggi donazione di uova di Pasqua ai bambini ricoverati al Giovanni XXIII
Venerdì Santo a Bari, processioni e riti per un ritorno alla normalità Venerdì Santo a Bari, processioni e riti per un ritorno alla normalità Le strade della città invase da fedeli in tutti i quartieri, dal centro a Ceglie, fino a Palese
Da Banksy alla mostra “Bari, storie e frammenti”, tutti gli appuntamenti culturali di Pasqua Da Banksy alla mostra “Bari, storie e frammenti”, tutti gli appuntamenti culturali di Pasqua Pierucci: «Per cittadini e visitatori una proposta varia e interessante, di respiro internazionale»
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.