I rilievi della Polizia di Stato e, nel riquadro, Raffaele Capriati
I rilievi della Polizia di Stato e, nel riquadro, Raffaele Capriati
Cronaca

Omicidio Capriati, «Lello» aveva una pistola: «La signora l'ha presa ed è scappata»

Secondo l'accusa, dopo l'agguato avvenuto la sera di Pasquetta a Torre a Mare, avrebbe raccolto da terra e fatto sparire l'arma

«Quando è arrivata l'ambulanza e ha preso il corpo dell'uomo, gli è caduta una pistola (mai più recuperata). La signora velocissimamente l'ha presa, si è messa in macchina ed è andata via come se niente fosse successo». A parlare agli inquirenti è una 16enne, testimone delle fasi successive al delitto di «Lello» Capriati.

La giovane, la sera di Pasquetta, intorno alle ore 21.30, stava aspettando l'autobus insieme a un'amica nel quartiere Torre a Mare di Bari, a pochi metri di distanza dal punto in cui fu ucciso il nipote del boss Tonino. Alle due giovani si rivolse, chiedendo aiuto, la donna che era in auto con Capriati al momento dell'omicidio, la 35enne Angela De Cosmo, finita in carcere stamattina con l'accusa di detenzione e porto illegale di arma da fuoco in luogo pubblico, con l'aggravante mafiosa.

I fatti risalgono allo scorso 1 aprile, quando i due, dopo avere trascorso alcune ore insieme in un bed and breakfast, hanno fatto rientro a Bari. «Ci siamo messi in auto - ha riferito la donna - e ci siamo diretti in via Bari. Ad un certo punto siamo stati raggiunti da una moto. Tutto è avvenuto velocemente. Ho sentito i rumori e ho creduto di aver urtato qualcosa perché ho visto il vetro anteriore destro che si infrangeva. Ho sentito due rumori, poi ho realizzato fossero delle esplosioni».

La 35enne ha detto di non avere «capito più nulla» e di essere «rimasta immobile per alcuni istanti. Ho accostato, delle ragazze si sono fermate e ho chiesto loro di aiutarmi». Ascoltate dagli inquirenti, le due 16enni hanno riferito di come, quella sera, furono avvicinate dalla Fiat 500 guidata da De Cosmo dopo l'omicidio. Fu la 35enne a raccogliere la pistola («aveva il manico marrone») di Capriati, caduta sull'asfalto mentre i soccorritori spostavano il corpo del 41enne sulla barella.

Ascoltata dagli inquirenti, però, De Cosmo ha detto di non sapere se Capriati fosse armato o meno. «L'acquisizione da parte di De Cosmo della disponibilità della pistola - scrive il giudice per le indagini preliminari Francesco Vittorio Rinaldi - si appalesa funzionale ad avvantaggiare il clan Capriati», di cui Raffaele (nipote del capoclan Antonio, condannato all'ergastolo) era un elemento di spicco, «assicurando al clan mafioso in questione il consolidamento del possesso dell'arma».

«L'indagata è tuttora nella disponibilità di un'arma comune da sparo», si legge nell'ordinanza e «potrebbe utilizzare l'arma posseduta per porre in essere ritorsioni, vendicando l'agguato letale subito dal suo compagno, anche avvalendosi dell'apporto di terze persone». Per questo ne è stata disposta la detenzione in carcere.
  • Raffaele Capriati
  • Angela De Cosmo
Altri contenuti a tema
Omicidio Capriati, la donna nega tutto: «Non ho preso io la pistola» Omicidio Capriati, la donna nega tutto: «Non ho preso io la pistola» L'indagata, la 35enne Angela De Cosmo, ha negato ogni addebito nel corso dell'interrogatorio di garanzia
Omicidio Capriati, arrestata la donna che era con lui in auto Omicidio Capriati, arrestata la donna che era con lui in auto Secondo le indagini aveva una pistola caduta dal corpo: è accusata di aver fatto sparire l'arma e poi di essersi dileguata
Omicidio Capriati: «Lello» è sceso dall'auto, forse conosceva il killer Omicidio Capriati: «Lello» è sceso dall'auto, forse conosceva il killer Continuano le indagini della Squadra Mobile: l'ultima ipotesi è che si sia avvicinato a chi lo ha ucciso
Omicidio Capriati: eseguita l'autopsia, oggi le esequie al cimitero di Bari Omicidio Capriati: eseguita l'autopsia, oggi le esequie al cimitero di Bari Il rito delle esequie si è svolto questa mattina, in forma privata, al cimitero monumentale di via Crispi. Intanto proseguono le indagini
Omicidio Capriati, le indagini: dalla vendetta ad un regolamento di conti Omicidio Capriati, le indagini: dalla vendetta ad un regolamento di conti Prosegue l'attività della Squadra Mobile, mentre oggi sarà sarà conferito l’incarico per l'autopsia al medico Vinci
Omicidio Capriati: rintracciata la donna che era seduta accanto a «Lello» Omicidio Capriati: rintracciata la donna che era seduta accanto a «Lello» Lei, alta e bionda, ha avuto al momento un atteggiamento «poco collaborativo», non del tutto esauriente
Omicidio Capriati: perché ora a Bari si teme una guerra di mafia tra i clan Omicidio Capriati: perché ora a Bari si teme una guerra di mafia tra i clan La sua uccisione, la sera di Pasquetta, fa capire che la tregua tra clan è saltata. Sullo sfondo il controllo delle attività illecite
Agguato a Torre a Mare, i figli di Capriati sui social: «Fai buon viaggio» Agguato a Torre a Mare, i figli di Capriati sui social: «Fai buon viaggio» «Lello», ucciso lunedì di Pasquetta a sud di Bari, viene ritratto in alcune foto alle giostre, con i nipotini
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.