I rilievi della Polizia Scientifica
I rilievi della Polizia Scientifica
Cronaca

Omicidio Capriati: perché ora a Bari si teme una guerra di mafia tra i clan

La sua uccisione, la sera di Pasquetta, fa capire che la tregua tra clan è saltata. Sullo sfondo il controllo delle attività illecite

A Bari ora si teme una nuova guerra di mafia. L'uccisione, a Pasquetta, di Raffaele Capriati, figlio di Sabino e nipote del boss indiscusso di Bari Vecchia Tonino, fa capire che la tregua tra clan è saltata. Le modalità dell'agguato lasciano poco spazio ad altre interpretazioni: quella di Capriati è di certo un'esecuzione mafiosa.

E sullo sfondo potrebbe esserci questa volta il piatto della movida, tutto da raccontare secondo i codici degli affari. Non c'è dubbio alcuno sulla matrice mafiosa dell'agguato nel quale è caduto «il pacifista della famiglia» mafiosa contrapposta a quella degli Strisciuglio. E proprio nei confronti degli uomini della «Luna», ieri, fra Adelfia e Carbonara, sono scattati controlli e perquisizioni: i poliziotti della Questura hanno svolto verifiche su persone e, poi, setacciato luoghi e abitazioni.

L'agguato è avvenuto in una strada buia di Torre a Mare, lungo via Bari: uno o più uomini, arrivati a bordo di una moto, si sarebbero accostati all'auto di Capriati e, impugnando un revolver, avrebbero esploso almeno quattro proiettili, per poi fuggire. All'arrivo degli agenti delle Volanti dell'auto di Capriati non c'era più neanche l'ombra, tanto che risalendo alla targa e al modello, gli inquirenti stanno cercando di capire che fine abbia fatto e se Capriati non fosse solo. Ma con una donna.

Chi ha agito per colpire Capriati, scarcerato a fine agosto 2022 dopo aver scontato 17 anni per concorso nell'omicidio del 16enne Michele Fazio, non ha lasciato tracce. Per questo, oltre alle risultanze della Scientifica che ha repertato quattro bossoli di grosso calibro, considerato una firma degli ambienti mafiosi, saranno fondamentali le immagini di videosorveglianza che la Squadra Mobile sta recuperando su un percorso più ampio, vista l'assenza di occhi elettronici in via Bari.

Per comprendere la direzione dei colpi esplosi, se la distanza sia stata o meno ravvicinata e quale colpo di pistola abbia causato la morte di Capriati, sarà invece necessario attendere l'esito dell'autopsia sul corpo dell'uomo - l'incarico è stato dato al medico Francesco Vinci - che sarà svolta all'Istituto di Medicina Legale di Bari. E poi bisogna considerare la zona: Capriati abitava a Bari vecchia. Cosa ci facesse lì, a due passi dal regno dei Parisi e Palermiti, resta ancora un mistero.

Intanto il prefetto Francesco Russo ha convocato per domani una riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza, mentre il sindaco, Antonio Decaro, sottolinea che «la città non può vivere nel terrore dell'attesa di un regolamento di conti tra clan. È importante agire ora per bloccare qualunque potenziale recrudescenza».
  • Raffaele Capriati
Altri contenuti a tema
Omicidio Capriati: eseguita l'autopsia, oggi le esequie al cimitero di Bari Omicidio Capriati: eseguita l'autopsia, oggi le esequie al cimitero di Bari Il rito delle esequie si è svolto questa mattina, in forma privata, al cimitero monumentale di via Crispi. Intanto proseguono le indagini
Omicidio Capriati, le indagini: dalla vendetta ad un regolamento di conti Omicidio Capriati, le indagini: dalla vendetta ad un regolamento di conti Prosegue l'attività della Squadra Mobile, mentre oggi sarà sarà conferito l’incarico per l'autopsia al medico Vinci
Omicidio Capriati: rintracciata la donna che era seduta accanto a «Lello» Omicidio Capriati: rintracciata la donna che era seduta accanto a «Lello» Lei, alta e bionda, ha avuto al momento un atteggiamento «poco collaborativo», non del tutto esauriente
Agguato a Torre a Mare, i figli di Capriati sui social: «Fai buon viaggio» Agguato a Torre a Mare, i figli di Capriati sui social: «Fai buon viaggio» «Lello», ucciso lunedì di Pasquetta a sud di Bari, viene ritratto in alcune foto alle giostre, con i nipotini
Chi era Lello Capriati: nipote del boss Antonio, aveva scontato 17 anni Chi era Lello Capriati: nipote del boss Antonio, aveva scontato 17 anni 40 anni, figlio di Sabino, era stato scarcerato nel 2022 dopo essere stato arrestato per l'omicidio del 15enne Michele Fazio
Omicidio Capriati: il nipote del boss ucciso con tre proiettili alla testa Omicidio Capriati: il nipote del boss ucciso con tre proiettili alla testa Era stato condannato per l'omicidio del 15enne Michele Fazio. I killer hanno usato un revolver, forse erano su una moto
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.