Polizia arresta albanese
Polizia arresta albanese
Cronaca

Messaggi in codice per "ordinare" la droga, otto arresti a Bari

Una persona è ancora ricercata, disarticolata una rete di spaccio che quotidianamente riforniva consumatori di ogni categoria professionale

L'operazione della polizia di questa mattina a Bari ha permesso di disarticolare una straordinaria rete di spaccio che quotidianamente riforniva, trasversalmente, decine e decine di consumatori di ogni categoria professionale, utilizzando una strategia utile ad ostacolare eventuali indagini di polizia. Le indagini sono state avviate dalla Sezione Omicidi della Squadra Mobile, a seguito di alcuni omicidi perpetrati nei primi mesi del 2017 nel quartiere Japigia di Bari, roccaforte del clan Parisi. Si sfruttava un sofisticato sistema di gestione delle chiamate provenienti dai clienti e destinate ai pusher ed agli organizzatori del sodalizio. Un sistema messo a punto per rendere più difficili le indagini, ma che gli investigatori hanno abilmente disvelato. I pusher, poi, erano organizzati con dislocazione in vari punti della città, di volta in volta decisi dagli addetti alle consegne ed erano organizzati in veri e propri turni di servizio di otto ore giornaliere.

L'impiego di questa tecnica di spaccio comportava una serie di vantaggi:
a) gli acquirenti non avevano mai contatti diretti con i responsabili del sodalizio;
b) l'eventuale arresto di un pusher ed il sequestro del suo cellulare "dedicato" non avrebbe pregiudicato l'attività futura del gruppo.

Gli organizzatori erano in sostanza in possesso di una vera e propria "phone list", composta da più di 300 numeri telefonici; l'organizzazione a cadenza mensile inviava veri e propri messaggi promozionali ai clienti, del tipo "fatti sentire amico mio" - "fatti sentire, è come piace a te, rimarrai contento … come vieni poi vedrai" - "fatti sentire amico mio, menù bomba, non ti pentirai". L'attività di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, essenzialmente cocaina, registrava un volume di affari di oltre 60 mila euro di "guadagno netto" al mese, attraverso un flusso telefonico medio di 200 telefonate e 40 acquisti giornalieri. I clienti, utilizzando un linguaggio convenzionale preordinato, facevano espresso riferimento ad un colore per fare intendere il quantitativo di cocaina richiesto: il colore "nero" corrispondeva ad una dose da 30 € (gr. 0,30 di cocaina); il colore "rosso" ad una dose da 50 € (gr. 0,50); il colore "giallo" ad una dose da 90 € (gr. 0,90).

I numerosi riscontri acquisiti nel corso dell'indagine hanno favorito l'arresto in flagranza di reato di 6 persone, il sequestro di circa 6 kg di stupefacente (cocaina, hashish e marijuana) ed il sequestro di una pistola di marca "Kimar" calibro 9 mm nel quartiere Madonnella di Bari. Hanno altresì favorito il sequestro, nel mese di settembre del 2017, della somma contante di circa un milione di euro, provento del traffico e dello spaccio di droga. L'ingente somma di danaro era "murata" in una casa in via Peucetia, quartiere Japigia, abitata da un nucleo familiare apparentemente insospettabile.

Sulla scorta dei gravi indizi di colpevolezza emersi dalle indagini e puntualmente riferiti dalla Squadra Mobile, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia il Giudice per le Indagini Preliminari ha emesso il provvedimento cautelare eseguito questa mattina, con il quale è stata applicata la custodia carceraria a Antonio Busco di anni 36, Michele Citarelli di anni 36, Roberto Mezzina Troiani di anni 27, Emanuele Bevilacqua di anni 22 e D'addabbo Michele detto "bocchino" di anni 21, la misura degli arresti domiciliari a Nicola Dell'aglio di anni 22 e Enrico Mallucci detto "il romano" di anni 55, l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a Ferdinando Bevilacqua di anni 57. Un 'altra persona ancora ricercata. Sono state eseguite anche numerose perquisizioni domiciliari nei confronti di soggetti contigui ai destinatari del provvedimento cautelare.



Social Video1 minutoGli arresti a Bari
  • Polizia di Stato
  • antimafia
Altri contenuti a tema
Giro di scommesse illegali, arrestato a Malta latitante barese vicino alla 'Ndrangheta Giro di scommesse illegali, arrestato a Malta latitante barese vicino alla 'Ndrangheta Il 43enne è accusato di associazione mafiosa e truffa aggravata ai danni dello Stato. Il suo nome era emerso nell'indagine "Galassi" della Gdf
Settimana Santa, la Polizia di stato in servizio nelle chiese di Bari e provincia Settimana Santa, la Polizia di stato in servizio nelle chiese di Bari e provincia Gli agenti impegnati negli edifici di culto per il piano di controlli predisposto dal ministero dell'Interno
Troppe persone rispetto alla capienza del locale. Chiuso un bar di viale Einaudi Troppe persone rispetto alla capienza del locale. Chiuso un bar di viale Einaudi La segnalazione alla Polizia è arrivata da un cittadino. All'interno anche diversi minori di 16 anni non accompagnati
Bari, trascinano una Mercedes rubata e fuggono dopo l'inseguimento. Recuperata l'auto Bari, trascinano una Mercedes rubata e fuggono dopo l'inseguimento. Recuperata l'auto Il fatto nella mattinata di ieri, nei pressi dello stadio San Nicola. La Polizia si è messa sulle tracce della Giulietta guidata dai malviventi
Ruba due portafogli nel Policlinico di Bari. Arrestato 44enne Ruba due portafogli nel Policlinico di Bari. Arrestato 44enne Nei guai anche un 34enne georgiano trovato in possesso di documenti falsi all'interno del nosocomio
La Mobile di Bari piange Marco Lagna La Mobile di Bari piange Marco Lagna Il poliziotto, 42enne, è venuto a mancare per un cancro ai polmoni
La Polizia festeggia i suoi 167 anni. A Bari le celebrazioni nella città vecchia La Polizia festeggia i suoi 167 anni. A Bari le celebrazioni nella città vecchia La cerimonia in piazza Odegitria. Il questore Bisogno: «Inflessibili con chi delinque, vicini alla gente che ha bisogno di risposte»
Rubano borse di lusso da un negozio in centro. Interviene poliziotto fuori servizio Rubano borse di lusso da un negozio in centro. Interviene poliziotto fuori servizio Il fatto in via Dante: i ladri sono riusciti a fuggire dopo una colluttazione, ma gli oggetti sono stati recuperati e restituiti
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.