ospedale di venere JPG
ospedale di venere JPG
Cronaca

Medico strangolato al pronto soccorso del Di Venere, lo salvano i colleghi

L'uomo, bitontino, è stato aggredito da un paziente psichiatrico. Pochi giorni fa la denuncia del primario

Un altro grave caso aggressione ai danni dei medici: stavolta all'ospedale Di Venere di Bari-Carbonara, dove un dottore del pronto soccorso, di origine bitontina, ha subito un tentativo di strangolamento da parte di un paziente psichiatrico. Il fatto nel pomeriggio di mercoledì: il medico era in servizio al pronto soccorso quando in triage è giunto un paziente in evidente stato di alterazione, in arrivo dal centro di salute mentale della vicina Triggiano, dove aveva dato i primi gravi segni di squilibrio. La situazione è fin da subito degenerata: il paziente è riuscito a eludere la sorveglianza del personale sanitario lanciandosi al collo del medico, che ha provato a strangolare e prendere a calci. Solo con l'aiuto di altri medici l'uomo è riuscito a sottrarsi all'aggressione. Con difficoltà il personale dell'ospedale è poi riuscito a tenere il paziente bloccato sulla barella, fino all'arrivo dei Carabinieri. Nonostante la violenza dell'aggressione il medico non ha subito gravi danni; le sue ferite sono state giudicate guaribili in 15 giorni.

L'aggressione giunge a poco più di un mese dalla denuncia del primario del pronto soccorso del Di Venere, Carlo Marzo, che è anche segretario nazionale USPPI Medici. Di Marzo aveva puntato il dito contro «La assoluta inadeguatezza della assistenza psichiatrica come prevista dalle leggi vigenti, con gravissimi disagi sia per i pazienti che per le famiglie, che sono abbandonati dalla sanità pubblica e pesino nella acuzie, scompensi e trattamenti sanitari obbligatori, sono abbandonati nei pronto soccorso senza psichiatri disponibili e costretti a frequenti trasferimenti, anche fuori regione».
  • aggressione
  • Di Venere
Altri contenuti a tema
Bari, insegnante leccese picchiato e rapinato Bari, insegnante leccese picchiato e rapinato Stando al racconto della vittima due uomini lo avrebbero fermato con una scusa, indagini in corso
All'ospedale Di Venere una nuova unità di chirurgia vascolare, Emiliano: «Reparto d'eccellenza» All'ospedale Di Venere una nuova unità di chirurgia vascolare, Emiliano: «Reparto d'eccellenza» Il presidente della Regione Puglia in visita ai raparti ospedalieri ristrutturati: «Maggiore sicurezza per gli operatori»
Sei anni dalla morte di Paola Labriola, la Puglia prima per aggressioni ai medici Sei anni dalla morte di Paola Labriola, la Puglia prima per aggressioni ai medici In questi giorni al via la nuova camoagna dell'Ordine dei Medici per sensibilizzare i cittadini sul tema
Bari, accusa i medici del pronto soccorso di averlo derubato e li aggredisce Bari, accusa i medici del pronto soccorso di averlo derubato e li aggredisce L'uomo, un 20enne del Gambia, è stato arrestato. Ha danneggiato apparecchiature e ferito due poliziotti
Bari, sedicenne aggredito in corso Cavour Bari, sedicenne aggredito in corso Cavour Il giovane, per futili motivi, è stato assalito da tre ragazzi suoi coetanei
Rider picchiato a Bari, Cgil: «Episodi come questo non possono più accadere» Rider picchiato a Bari, Cgil: «Episodi come questo non possono più accadere» Incontro tra Gigia Bucci e Raza Ahmed: «Nei suoi occhi e nelle sue parole solo il timore di perdere il lavoro e non la paura di denunciare o subire ritorsioni»
Aggredisce una donna alla fermata del bus, arrestato 33enne Aggredisce una donna alla fermata del bus, arrestato 33enne L'uomo ha agito sembra senza alcun motivo, nel tentativo di fuggire ha colpito anche gli uomini dei carabinieri
Aggredì trans a Bari, arrestato pregiudicato 58enne Aggredì trans a Bari, arrestato pregiudicato 58enne L'uomo dopo un incontro con la escort l'aveva picchiata e rapinata
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.