Puglia pride
Puglia pride
Associazioni

Legge contro l'omofobia bloccata da due anni, il Bari pride rifiuta il patrocinio della Regione

Il coordinamento della manifestazione in programma il 29 giugno attacca: «Nessun sostegno alle nostre rivendicazioni è possibile se manca volontà di realizzarle»

«Noi non siamo interessati alle briciole. Noi vogliamo tutto. Per questo, rifiutiamo il patrocinio morale che la Regione Puglia ha concesso al Bari Pride del prossimo 29 giugno. Nessun logo istituzionale della Regione comparirà, dunque, sulle nostre bandiere o sui nostri manifesti. Nessun sostegno simbolico alle nostre rivendicazioni è possibile se manca la volontà politica di realizzarle». Con queste parole il coordinamento del Bari pride, la manifestazione per i diritti Lgbtqi in programma il 29 giugno, rifiuta il patrocinio della Regione Puglia.

Il perché è presto detto: la legge regionale contro l'omo-bi-transfobia è bloccata in consiglio da oltre due anni, da dissidi interni anche alla maggioranza di centrosinistra. «La decisione assunta in assemblea dal Coordinamento Bari Pride è radicale: dopo l'affossamento del disegno di legge regionale contro le discriminazioni omo-bi-transfobiche, di cui si è resa impossibile persino la calendarizzazione, vogliamo sottrarci alla doppiezza di chi strizza l'occhio alle nostre battaglie sociali, ma le sacrifica per gli equilibri della maggioranza - si legge nel duro comunicato del Bari pride. Rifiutiamo le logiche dell'opportunismo politico e della convenienza elettorale: in questo controverso tempo storico - un tempo in cui la presidente della Commissione per le Pari opportunità della nostra Regione sceglie il Family Day di Verona per aggiornarsi sui diritti delle donne - ogni minaccia di ambiguità va respinta».

L'appello è, quindi, direttamente rivolto al governo pugliese: «Per queste ragioni, al presidente della Regione Michele Emiliano, alla giunta che egli presiede, alla sua maggioranza politica in Consiglio, ai partiti e le forze sociali che lo sostengono, noi chiediamo che il ddl venga messo in discussione in tempi certi - incalzano dal Bari pride. Non è più il tempo dei rinvii: a nulla serve nascondersi dietro l'alibi dell'ostruzionismo dell'opposizione o dietro i fantasmi del meccanismo di voto segreto. Vogliamo che questo Consiglio regionale si assuma, prima della scadenza del suo mandato, la responsabilità politica dell'approvazione o della bocciatura della legge, affinché siano chiari, finalmente, nomi e numeri di chi cavalca strumentalmente le lotte della nostra comunità. Se i diritti delle persone Lgbtqi non sono solo una bandiera da agitare in cerca di consenso elettorale, questo è il momento di dimostrarlo.Chiediamo risposte immediate e precise. Rifiuteremo ogni divagazione. Perché non vogliamo le briciole. Noi vogliamo tutto».
  • Regione Puglia
  • Comunità LGBTQI
Altri contenuti a tema
Ripagnola, la Regione e i manifestanti pro parco  Ripagnola, la Regione e i manifestanti pro parco  Michele Emiliano: ”Faremo tutte le verifiche. Quello che è sicuro è che la destinazione alberghiera è in contrasto con il piano regolatore”
Lotta all'abbandono rifiuti, in provincia di Bari finanziamenti per Adelfia, Modugno e Valenzano Lotta all'abbandono rifiuti, in provincia di Bari finanziamenti per Adelfia, Modugno e Valenzano Dalla Regione Puglia fondi per 15 milioni. Stea: «Conservare la bellezza della nostra terra e la salute dei cittadini»
Puglia: turismo stabile, bene le prenotazioni nei villaggi Puglia: turismo stabile, bene le prenotazioni nei villaggi Per l'estate 2019 tra le mete più gettonate per le famiglie
Strage Ferrotramviaria, la Regione Puglia citata come responsabile civile Strage Ferrotramviaria, la Regione Puglia citata come responsabile civile Il nuovo collegio conferma la decisione precedente e la esclude dalle parti civili, prossima udienza il 18 settembre
Regione Puglia, la versione di Leo Di Gioia: «Poca autonomia nel gestire la delega» Regione Puglia, la versione di Leo Di Gioia: «Poca autonomia nel gestire la delega» L'assessore all'Agricoltura dimissionario: «Fatto tanto per l'emergenza Xylella. Nomine Arif? Non sono stato d'accordo. Non ho opzioni politiche al momento»
Regione Puglia, per il dopo Di Gioia forti i nomi di Campo e Zinni Regione Puglia, per il dopo Di Gioia forti i nomi di Campo e Zinni Stamattina l'assessore dimissionario all'Agricoltura spiegherà le sue ragioni in conferenza stampa
Tornano i "Dialoghi di Trani": dal 17 al 22 settembre approfondimenti sul tema della responsabilità Tornano i "Dialoghi di Trani": dal 17 al 22 settembre approfondimenti sul tema della responsabilità Nell'ambito dell'iniziativa si svolgerà la quarta edizione del premio letterario Fondazione Megamark, dedicato agli scrittori esordienti
La SSC Bari supporta il Pride, gli organizzatori: «Prima società in Italia» La SSC Bari supporta il Pride, gli organizzatori: «Prima società in Italia» Il club biancorosso ha promosso la manifestazione del 29 giugno sui suoi canali: «Bel gesto in un mondo dove spesso c'è razzismo e discriminazione»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.