Puglia pride
Puglia pride
Associazioni

Legge contro l'omofobia bloccata da due anni, il Bari pride rifiuta il patrocinio della Regione

Il coordinamento della manifestazione in programma il 29 giugno attacca: «Nessun sostegno alle nostre rivendicazioni è possibile se manca volontà di realizzarle»

«Noi non siamo interessati alle briciole. Noi vogliamo tutto. Per questo, rifiutiamo il patrocinio morale che la Regione Puglia ha concesso al Bari Pride del prossimo 29 giugno. Nessun logo istituzionale della Regione comparirà, dunque, sulle nostre bandiere o sui nostri manifesti. Nessun sostegno simbolico alle nostre rivendicazioni è possibile se manca la volontà politica di realizzarle». Con queste parole il coordinamento del Bari pride, la manifestazione per i diritti Lgbtqi in programma il 29 giugno, rifiuta il patrocinio della Regione Puglia.

Il perché è presto detto: la legge regionale contro l'omo-bi-transfobia è bloccata in consiglio da oltre due anni, da dissidi interni anche alla maggioranza di centrosinistra. «La decisione assunta in assemblea dal Coordinamento Bari Pride è radicale: dopo l'affossamento del disegno di legge regionale contro le discriminazioni omo-bi-transfobiche, di cui si è resa impossibile persino la calendarizzazione, vogliamo sottrarci alla doppiezza di chi strizza l'occhio alle nostre battaglie sociali, ma le sacrifica per gli equilibri della maggioranza - si legge nel duro comunicato del Bari pride. Rifiutiamo le logiche dell'opportunismo politico e della convenienza elettorale: in questo controverso tempo storico - un tempo in cui la presidente della Commissione per le Pari opportunità della nostra Regione sceglie il Family Day di Verona per aggiornarsi sui diritti delle donne - ogni minaccia di ambiguità va respinta».

L'appello è, quindi, direttamente rivolto al governo pugliese: «Per queste ragioni, al presidente della Regione Michele Emiliano, alla giunta che egli presiede, alla sua maggioranza politica in Consiglio, ai partiti e le forze sociali che lo sostengono, noi chiediamo che il ddl venga messo in discussione in tempi certi - incalzano dal Bari pride. Non è più il tempo dei rinvii: a nulla serve nascondersi dietro l'alibi dell'ostruzionismo dell'opposizione o dietro i fantasmi del meccanismo di voto segreto. Vogliamo che questo Consiglio regionale si assuma, prima della scadenza del suo mandato, la responsabilità politica dell'approvazione o della bocciatura della legge, affinché siano chiari, finalmente, nomi e numeri di chi cavalca strumentalmente le lotte della nostra comunità. Se i diritti delle persone Lgbtqi non sono solo una bandiera da agitare in cerca di consenso elettorale, questo è il momento di dimostrarlo.Chiediamo risposte immediate e precise. Rifiuteremo ogni divagazione. Perché non vogliamo le briciole. Noi vogliamo tutto».
  • Regione Puglia
  • Comunità LGBTQI
Altri contenuti a tema
Fiera del Levante, Ezio Bosso ospite del padiglione della Regione Puglia Fiera del Levante, Ezio Bosso ospite del padiglione della Regione Puglia Sala gremita per l'intervento del famoso artista: «Musica focolare attorno al quale incontrarsi»
Puglia, online il bando per il servizio civile. Ecco come partecipare Puglia, online il bando per il servizio civile. Ecco come partecipare Sono più di 2 mila i progetti nella nostra Regione, Piemontese: "Un grande accumulatore di energie giovanili"
Cinghiale aggredì un cane al San Paolo, il giudice di pace: «Risarcimento spetta a Regione Puglia» Cinghiale aggredì un cane al San Paolo, il giudice di pace: «Risarcimento spetta a Regione Puglia» La decisione deresponsabilizza Comune e Città metropolitana di Bari, oltre al parco di Lama Balice
La Regione Puglia ospite d'onore al forum economico internazionale di San Pietroburgo La Regione Puglia ospite d'onore al forum economico internazionale di San Pietroburgo La candidatura è stata proposta da Michele Bollettieri, console onorario della Federazione Russa a Bari
Costa Ripagnola, la Procura di Bari apre un'inchiesta Costa Ripagnola, la Procura di Bari apre un'inchiesta I carabinieri forestali in Regione per acquisire i documenti relativi alle autorizzazioni a costruire
Fermo pesca obbligatorio esteso fino a domenica 8 settembre da Bari a Manfredonia Fermo pesca obbligatorio esteso fino a domenica 8 settembre da Bari a Manfredonia Emiliano: «Richiesta delle associazioni fondata dal punto di vista economico e doverosa da quello ambientale»
Giovani videomaker di Puglia in concorso Giovani videomaker di Puglia in concorso Sino al 15 settembre si può partecipare al contest lanciato dall'agenzia regionale ARTI
Diritto allo studio, in Puglia 11 milioni per migliorare i servizi scolastivi Diritto allo studio, in Puglia 11 milioni per migliorare i servizi scolastivi C'è il sì della giunta regionale. L'assessore Leo: «Obiettivo garantire sostegno alle prestazioni essenziali»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.