porto di Bari
porto di Bari
Cronaca

Affari illeciti dei Capriati nel porto di Bari, 24 condanne

Il clan gestiva il servizio di logistica e assistenza nello scalo cittadino e imponeva ai commercianti l'acquisto loro prodotti

Il gup del Tribunale di Bari ha emesso, al termine del processo con rito abbreviato, 24 condanne comprese fra i 20 anni e i 4 mesi di reclusione all'indirizzo di altrettante persone ritenute affiliate al clan criminale Capriati e accusate a vario titolo di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati dal metodo mafioso e dall'uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate. Due sono, invece, le assoluzioni.

Secondo le indagini condotte dalla direzione distrettuale antimafia di Bari, la famiglia Capriati avrebbe preso il controllo del servizio di assistenza e viabilità all'interno del porto di Bari.
Le condanne alla pena di 20 anni di reclusione sono state comminate a Filippo Capriati, nipote dello storico capofamiglia Antonio, e al pregiudicato Gaetano Lorusso. Ammonta a 16 anni di reclusione la pena inflitta ai pregiudicati Michele Arciuli e Pasquale Panza, mentre a 14 anni è stato condannato Pietro Capriati, fratello di Filippo, e a 12 anni per Salvatore D'Alterio.
Il giudice ha respinto la richiesta di risarcimento danni avanzata dalla cooperativa Ariete, incaricata di gestire i servizi nel porto e che contava alcuni degli imputati fra i propri dipendenti. È stata accolta, invece, la richiesta di risarcimento avanzata delle altre parti civili costituite (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale-Adsp Mam, Ministero dell'Interno, Agenzia delle Entrate e Associazione Antiracket Puglia).
Le indagini della Polizia, coordinate dal pm Fabio Buquicchio, hanno fatto emergere come il clan mafioso avrebbe obbligato i commercianti del mercato di Santa Scolastica e i venditori ambulanti della festa patronale di San Nicola del 2015 ad acquistare merce da fornitori amici, utilizzando il nome della famiglia come strumento di intimidazione. Il gruppo criminale, inoltre, era attivo anche nel traffico di armi e droga, oltre a furti e rapine.
Contestualmente alla sentenza, il giudice ha rinviato a giudizio altri 9 imputati, tra i quali Sabino Capriati, figlio di Filippo. Questo processo prenderà il via il prossimo 1 aprile.
  • Porto di Bari
  • clan capriati
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
La più grande porta container entra nel porto di Bari La più grande porta container entra nel porto di Bari Si tratta della Msc Hannah. È lunga 211 metri e larga 32
Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma La giovane aveva abbandonato la piccola nata sana subito dopo il parto, riconosciuta la seminfermità mentale della donna al momento del fatto
Maltrattamenti nell'asilo a Capurso, chiesta condanna a due anni per la maestra Maltrattamenti nell'asilo a Capurso, chiesta condanna a due anni per la maestra Secondo l'accusa la donna avrebbe vessato i bambini con schiaffi, spintoni e altri atti di violenza
Scoperto con 51mila euro al porto di Bari: «Sono per beneficenza» Scoperto con 51mila euro al porto di Bari: «Sono per beneficenza» L'uomo è un cittadino albanese residente in Italia, sequestrati oltre 20mila euro
Gestivano un traffico di droga in provincia di Bari, dieci condanne Gestivano un traffico di droga in provincia di Bari, dieci condanne Pene dai 15 ai 6 anni. Al comando dell'organizzazione con base a Capurso ci sarebbe stata una giovane coppia
Nuovo polo della giustizia di Bari, il 20 gennaio via al tavolo tecnico Nuovo polo della giustizia di Bari, il 20 gennaio via al tavolo tecnico L'incontro è stato convocato nella sede del Ministero. A luglio lo stanziamento di 94 milioni per costruire la struttura
Omicidio Bruna Bovino a Mola di Bari, annullata l'assoluzione dell'ex amante Omicidio Bruna Bovino a Mola di Bari, annullata l'assoluzione dell'ex amante La decisione della Cassazione. Il processo d'appello dovrà essere celebrato di nuovo
Smantellato il business dei clan nelle sale da gioco, i nomi degli arrestati Smantellato il business dei clan nelle sale da gioco, i nomi degli arrestati In manette 36 soggetti, molti dei quali esponenti delle famiglie Anemolo, Strisciuglio e Capriati
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.