porto di Bari
porto di Bari
Cronaca

Affari illeciti dei Capriati nel porto di Bari, 24 condanne

Il clan gestiva il servizio di logistica e assistenza nello scalo cittadino e imponeva ai commercianti l'acquisto loro prodotti

Il gup del Tribunale di Bari ha emesso, al termine del processo con rito abbreviato, 24 condanne comprese fra i 20 anni e i 4 mesi di reclusione all'indirizzo di altrettante persone ritenute affiliate al clan criminale Capriati e accusate a vario titolo di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati dal metodo mafioso e dall'uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate. Due sono, invece, le assoluzioni.

Secondo le indagini condotte dalla direzione distrettuale antimafia di Bari, la famiglia Capriati avrebbe preso il controllo del servizio di assistenza e viabilità all'interno del porto di Bari.
Le condanne alla pena di 20 anni di reclusione sono state comminate a Filippo Capriati, nipote dello storico capofamiglia Antonio, e al pregiudicato Gaetano Lorusso. Ammonta a 16 anni di reclusione la pena inflitta ai pregiudicati Michele Arciuli e Pasquale Panza, mentre a 14 anni è stato condannato Pietro Capriati, fratello di Filippo, e a 12 anni per Salvatore D'Alterio.
Il giudice ha respinto la richiesta di risarcimento danni avanzata dalla cooperativa Ariete, incaricata di gestire i servizi nel porto e che contava alcuni degli imputati fra i propri dipendenti. È stata accolta, invece, la richiesta di risarcimento avanzata delle altre parti civili costituite (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale-Adsp Mam, Ministero dell'Interno, Agenzia delle Entrate e Associazione Antiracket Puglia).
Le indagini della Polizia, coordinate dal pm Fabio Buquicchio, hanno fatto emergere come il clan mafioso avrebbe obbligato i commercianti del mercato di Santa Scolastica e i venditori ambulanti della festa patronale di San Nicola del 2015 ad acquistare merce da fornitori amici, utilizzando il nome della famiglia come strumento di intimidazione. Il gruppo criminale, inoltre, era attivo anche nel traffico di armi e droga, oltre a furti e rapine.
Contestualmente alla sentenza, il giudice ha rinviato a giudizio altri 9 imputati, tra i quali Sabino Capriati, figlio di Filippo. Questo processo prenderà il via il prossimo 1 aprile.
  • Porto di Bari
  • clan capriati
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Stop alle visite per i genitori non collocatari, lo decide il Tribunale di Bari Stop alle visite per i genitori non collocatari, lo decide il Tribunale di Bari La sentenza è stata espressa in relazione a una causa di separazione: precedenza alla salute del minore
Porto di Bari, sequestrate 18 tonnellate di rifiuti elettronici Porto di Bari, sequestrate 18 tonnellate di rifiuti elettronici Il carico, circa 300 elettrodomestici tra forni e lavatrici, era pronto ad essere imbarcato per l'Albania
Bari, 80 mila guanti in lattice pronti a partire per il Montenegro, scatta il sequestro Bari, 80 mila guanti in lattice pronti a partire per il Montenegro, scatta il sequestro Il carico è stato intercettato al porto, per eludere i controlli il carico riportava la scritta "guanti di sicurezza antinfortunistica"
Porto di Bari, i silos granai si tingono di tricolore Porto di Bari, i silos granai si tingono di tricolore L'iniziativa durerà fino alla fine dell'emergenza Coronavirus in Italia
Omicidio Romito al San Paolo nel 2004, arrestati mandante ed esecutore. I nomi Omicidio Romito al San Paolo nel 2004, arrestati mandante ed esecutore. I nomi In manette finiscono due esponenti del clan Capriati, ritenuti responsabili del fatto di sangue contro i rivali Strisciuglio
Accuse sessiste a Irma Melini in aula Dalfino, assolto Colella Accuse sessiste a Irma Melini in aula Dalfino, assolto Colella L'ex consigliera: «Dispiace constatare che un innocente sia stato sotto processo e che la persona che mi ha offeso abbia mentito davanti al giudice»
Porto di Bari, 15enne ha un attacco epilettico. Salvato dalla polizia Porto di Bari, 15enne ha un attacco epilettico. Salvato dalla polizia Il fatto domenica scorsa, quando il giovane era sbarcato da Durazzo per la visita del Papa. Fermato un anziano con demenza che voleva espatriare
Al porto di Bari disinfezione straordinaria dei terminal Al porto di Bari disinfezione straordinaria dei terminal Incontro con Assoporti nella giornata di ieri, recepite le direttive nazionali in materia di prevenzione del Coronavirus
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.