La manifestazione a Bari
La manifestazione a Bari
Scuola e Lavoro

Lavoratori di mense e pulizie scolastiche in sit-in a Bari: «Chiediamo sostegno»

Ventrelli (FILCAMS Cgil): «Sono in una situazione di grave disagio sociale ed economico in quanto sono senza alcun reddito da mesi»

Elezioni Regionali 2020
Presidio di protesta questa mattina a Bari dei lavoratori delle mense e pulizie scolastiche e Aziendali. Ad organizzarlo i sindacati uniti di FILCAMS CGIL, Fisascat CISL, UILTUCS e UIL Trasporti di Bari, nell'ambito della mobilitazione nazionale.

«Le lavoratrici e i lavoratori delle mense e pulizie scolastiche – dichiara il segretario provinciale Antonio Ventrelli della Filcams-Cgil di Bari – versano in una situazione di grave disagio sociale ed economico in quanto sono senza alcun reddito da mesi per il ritardo nel pagamento degli ammortizzatori sociali da parte dell'INPS ed il mancato anticipo del trattamento di integrazione salariale da parte di numerose aziende. Sono in sospensione contrattuale da giugno a settembre rimanendo per tutto questo periodo senza retribuzione, senza ammortizzatori sociali e senza la possibilità di ricercare una temporanea occupazione a causa della crisi economica in atto. Una condizione che si unisce all'incertezza rispetto ai tempi e alle modalità di ripresa dei servizi per l'anno scolastico 2020/2021».

Pesanti difficoltà, che si aggiungono alle già esistenti difficoltà per redditi bassi per via di part-time minimi, e preoccupazioni per le prospettive di lavoro che coinvolgono anche gli addetti delle mense universitarie - dichiara Antonio Miccoli segretario generale della Filcams CGIL BARI, abbiamo chiesto soluzioni per garantire i redditi dei lavoratori e delle loro famiglie, chiediamo la proroga di almeno 27 settimane degli ammortizzatori con causale "Covid-19" e certezze sulla ripresa dell'anno scolastico a settembre, in presenza e in sicurezza per tutti, prevedendo il mantenimento del servizio mensa. Sono necessarie oggi risposte concrete visto il presente difficile e il futuro incerto"

La FILCAMS CGIL di Bari ritiene che non ci sia più tempo da perdere e che si debba procedere senza indugi da parte del Governo e delle istituzioni locali per individuare soluzioni condivise che consentano:
  • La proroga per almeno 27 settimane degli ammortizzatori sociali con causale Covid-19 e maggiore celerità da parte dell'INPS nel pagamento dei trattamenti di integrazione salariale;
  • Una riforma degli ammortizzatori sociali che non discrimini i lavoratori in appalto e dia risposte strutturali a quelli in part time ciclico;
  • L'accesso agli ammortizzatori sociali ordinari senza condizionalità rispetto al committente per i lavoratori delle mense e pulizie aziendali private;
  • Di introdurre misure di sostegno economico straordinarie per affrontare l'emergenza in atto;
  • La ripresa a settembre dell'anno scolastico in presenza ed in sicurezza per tutti prevedendo il mantenimento del servizio mensa ed il rafforzamento del servizio di pulizia necessario per la salubrità degli ambienti in cui si recano bambini ed adolescenti.
Ci sono stati incontri con i Prefetti e sono stati stilati verbali con le richieste delle sigle sindacali. riguardanti la corresponsione dei benefit previsti dal decreto Rilancio, la questione contrattuale che non prevede il salario per i mesi estivi ( per i lavoratori delle mense scolastiche), il danno economico per gli operatori causato dalla crisi sanitaria, l'organizzazione del servizio in vista della ripresa della scuola a settembre.
  • Scuola
  • manifestazione
Altri contenuti a tema
I braccianti agricoli annunciano protesta a Bari, ci sarà Aboubakar Soumahoro I braccianti agricoli annunciano protesta a Bari, ci sarà Aboubakar Soumahoro I lavoratori migranti protesteranno sotto la sede della giunta regionale della Puglia con le casse di frutta e verdura
A Bari protestano Rsa e centri diurni: «Destinati a una crisi drammatica» A Bari protestano Rsa e centri diurni: «Destinati a una crisi drammatica» La manifestazione convocata davanti alla sede del consiglio regionale da Fmpi Sanità
Anno scolastico 2020/2021, ecco il calendario della Regione Puglia Anno scolastico 2020/2021, ecco il calendario della Regione Puglia Si comincia il 24 settembre e si finisce l'11 giugno, tutti i ponti e le festività. Le scuole possono modificarlo in base alle loro esigenze
A Bari protestano giostrai e ambulanti pugliesi di fiere e sagre A Bari protestano giostrai e ambulanti pugliesi di fiere e sagre La manifestazione davanti al Consiglio regionale. De Santis: «Saremo i primi a ripristinare queste attività»
Puglia, l'anno scolastico inizierà il 24 settembre Puglia, l'anno scolastico inizierà il 24 settembre Trovato l'accordo con l'assessorato, ma i sindacati insistono: «Servono certezze e risorse per evitare disagi»
Ex Auchan, la rabbia dei dipendenti in sit-in a Bari, in 100 sono di troppo? Ex Auchan, la rabbia dei dipendenti in sit-in a Bari, in 100 sono di troppo? Manifestazione davanti alla presidenza della Regione Puglia, Neglia: «Incontro entro le prossime 2 settimane o occupiamo l'ipermercato»
Si ritorna a scuola il 14 settembre, ingressi scaglionati e addio classi pollaio Si ritorna a scuola il 14 settembre, ingressi scaglionati e addio classi pollaio Il presidente Conte: «Obiettivo contrastare povertà educativa e dispersione scolastica», Azzolina: «Dall'1 luglio tour negli istituti di tutta Italia»
Aule in sicurezza a settembre, lo chiede Uil scuola Aule in sicurezza a settembre, lo chiede Uil scuola Verga: "Al governo chiediamo conferma delle dirigenze, organico aggiuntivo del personale e assunzione precari"
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.