inquinamento centrale elettrica
inquinamento centrale elettrica
Territorio

Inquinamento atmosferico, Bari protagonista del progetto Passepartout

Di Sciascio: «Essere la prima città in cui verrà testato questo framework di sensori innovativi per il controllo della qualità dell’aria è motivo di orgoglio»

Nell'ambito del programma di ricerca Information and Communication Technologies - Horizon 2020, l'Unione Europea ha finanziato con oltre 8,5 milioni di euro "Passepartout", iniziativa "innovation action". Al progetto, che rientra tra i programmi di H2020 in cui sono coinvolti 18 partner di 10 nazioni, partecipa anche il Comune di Bari, assieme al Politecnico (dipartimenti di Ingegneria elettrica e dell'Informazione e di Meccanica, Matematica e Management) e all'Università degli Studi "Aldo Moro" (dipartimento interateneo Uniba e Poliba di Fisica), e al Cork Institute of Technology irlandese (coordinatore di progetto), la Technical University di Vienna, la Technical University di Monaco e ad aziende internazionali come la Ecospray Technologies, azienda italiana leader nei sistemi di depurazione, idraulica navale e biocombustibili, e la Nanoplus (Germania), leader nella realizzazione di laser a semiconduttori.

Passepartout nasce per realizzare il primo sistema tridimensionale per il monitoraggio di inquinanti e il controllo della qualità dell'aria e dei processi industriali in grado di operare su un'area urbana: sarà costituito da un network IOT di sensori di gas ottici, innovativi e ad alte prestazioni, montati su stazioni fisse, su veicoli circolanti e su droni. Il network fornirà informazioni in tempo reale sulla concentrazione di gas inquinanti, quali ossidi di azoto (NOx), anidride solforosa (SO2), ammoniaca (NH3), metano (CH4), monossido di carbonio (CO), anidride carbonica (CO2) e particolato atmosferico all'interno delle aree urbane. Il progetto, inoltre, consentirà ai cittadini di conoscere le aree urbane a maggior livello di inquinamento e i percorsi alternativi da percorrere attraverso l'uso di una app dedicata. Parte delle attività di sperimentazione e validazione si terranno proprio nella città di Bari con il supporto dell'amministrazione comunale. Ai partner baresi di Passepartout sono stati riconosciuti circa 1 milione 300 mila euro: 605 mila euro al Politecnico, 620 mila euro all'Università Aldo Moro e 50 mila euro al Comune di Bari.

«L'inquinamento atmosferico, costituito da gas tossici e particolato, è una delle principali cause di mortalità prematura - afferma Vincenzo Spagnolo, docente di Fisica del Poliba -. Si stimano oltre 4 milioni di morti all'anno a causa di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e problemi respiratori cronici».

«Il 97% delle città dei Paesi a basso e medio reddito, con più di 100.000 abitanti - aggiunge Pietro Patimisco, docente di Fisica dell'Università di Bari - non soddisfa le linee guida sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità».

«Essere la prima città in cui verrà testato questo framework di sensori innovativi per il controllo della qualità dell'aria - sostiene il vicesindaco Eugenio Di Sciascio - è motivo di orgoglio per la città di Bari. Il progetto si inserisce perfettamente nel programma che punta a rendere Bari una città sempre più smart e senziente per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini».

Per queste ragioni sono già previsti test di sensori del network nel Campus universitario barese e nelle vicinanze del porto di Bari, così come in Irlanda, presso l'osservatorio del Black Castle.
  • Inquinamento
  • poliba
Altri contenuti a tema
Bari, villa Capriati diventerà residenza universitaria Bari, villa Capriati diventerà residenza universitaria In progetto il recupero e riutilizzo del palazzo Cedam e realizzare qualcosa dai salesiani
Politecnico di Bari, ripartono le attività in presenza Politecnico di Bari, ripartono le attività in presenza Per ora riguarderanno gli studenti del primo anno dei corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico
Auto Diesel e benzina: stop alla circolazione dal 2035 Auto Diesel e benzina: stop alla circolazione dal 2035 Sono molte le novità che hanno inaugurato questo 2021, e ce ne sono altre in cantiere che riguardano le quattro ruote
Elezioni studentesche Politecnico di Bari, la lista di Aup fa "en plein" Elezioni studentesche Politecnico di Bari, la lista di Aup fa "en plein" Per il voto online si è registrata una partecipazione del 54% degli aventi diritto al voto. Un eletto negli organismi generali anche per Adi Poliba
Il Politecnico di Bari festeggia i suoi 30 anni, in primavera una mostra aperta alla città Il Politecnico di Bari festeggia i suoi 30 anni, in primavera una mostra aperta alla città L'ateneo ripercorrerà le tappe della sua storia con una serie di eventi previsti per tutto l'anno accademico
Sviluppo sostenibile, il Politecnico di Bari studia come il Covid cambierà il trasporto pubblico Sviluppo sostenibile, il Politecnico di Bari studia come il Covid cambierà il trasporto pubblico Sarà il settore che subirà il maggior calo in termini percentuali in caso di rischio sanitario ancora alto per la pandemia in corso
1 Premio per l'architettura a Camerino, tre progetti del Politecnico di Bari fra i vincitori Premio per l'architettura a Camerino, tre progetti del Politecnico di Bari fra i vincitori Gli studenti dell'ateneo barese hanno lavorato sulla zona monumentale di Alberobello e su un’area periferica di Trani. Erano le 64 proposte in concorso
La nave Vespucci torna in Puglia, l'impresa velica a Taranto in collaborazione con il PoliBa La nave Vespucci torna in Puglia, l'impresa velica a Taranto in collaborazione con il PoliBa Due postazioni meccanografiche per fornire informazioni utili al vascello per attraversare il Mar grande e entrare nel Mar piccolo
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.