conf st opposizioni su inceneritore
conf st opposizioni su inceneritore
Politica

Inceneritore Bari-San Paolo, l'opposizione: «Chiediamo dimissioni di Petruzzelli»

Stamani la conferenza stampa delle opposizioni sul caso inceneritore. Melini: «Decaro? Ciuccio o in malafede»

Il caso dell'inceneritore che l'azienda Newo SpA costruirà nel rione di Bari-San Paolo torna al centro del dibattito politico cittadino. Tutti, infatti, sembrano dire no alla possibilità che l'impianto venga realizzato, ma di fatto le autorizzazioni della Regione Puglia a procedere ci sono, con tanto di parere positivo dei tecnici della Ripartizione Ambiente del Comune di Bari.

Una pietra d'inciampo per il sindaco Decaro, che in più occasioni ha manifestato la sua contrarietà all'inceneritore salvo, come nei giorni scorsi ha comunicato il consigliere comunale Pasquale Di Rella, aver dato un tacito assenso alla sua realizzazione.

Ieri è andato in scena un incendiario consiglio comunale monotematico sulla questione inceneritore, che però si è concluso con un nulla di fatto, data l'uscita dall'aula delle opposizioni al momento del voto. Gli stessi consiglieri che ieri hanno disertato la votazione stamani hanno convocato una conferenza stampa per spiegare le ragioni di questo gesto. «Noi - afferma il consigliere comunale d'opposizione Fabio Romito - non intendiamo nascondere le responsabilità di nessuno. Con l'ordine del giorno che ieri Decaro e la sua compagine politica volevano sottoporre all'attenzione della città di Bari, nei fatti si voleva dire che tutta la questione delle autorizzazioni alla costruzione dell'inceneritore è avvenuta casualmente, senza che lui ne fosse al corrente. La versione del sindaco, infatti, è che l'amministrazione ha fatto tutto quanto in suo potere per evitare il problema dell'inceneritore».

«Con quell'ordine del giorno - continua Romito - volevano votare il falso, e noi non possiamo renderci corresponsabili di una votazione che vorrebbe proporre ai cittadini il falso. Il sindaco è venuto in aula a dire di aver saputo dell'inceneritore da un suo non meglio specificato amico di Modugno. La fiera dell'assurdo si conclude oggi con le dichiarazioni del sindaco che chiede alle opposizioni di vergognarsi. Noi, invece, non solo non ci vergogniamo, ma vogliamo inchiodare questa amministrazione alle responsabilità che non si è assunta, lasciando concludere la procedura amministrativa senza muovere un dito».

Troppi punti oscuri, quindi, sulla gestione della procedura amministrativa che ha portato nei fatti il via libera alla costruzione dell'inceneritore da parte di un'amministrazione «Dimostratasi semplicemente incapace di governare», come sottolinea l'ex candidato sindaco Domenico Di Paola. Ecco, quindi, che i consiglieri d'opposizione Melini, Romito, Melchiorre, Picaro, Carrieri e lo stesso Di Paola hanno dato mandato ai loro avvocati di studiare la possibilità di rivolgersi alla Procura per far chiarezza su una questione ancora troppo torbida.

«Noi questo inceneritore non lo vogliamo - rilancia la consigliera Irma Melini - e per questo ieri c'è stato un consiglio monotematico nel quale speravamo che venissero chiarite le responsabilità di chi ha emesso un parere positivo per conto del Comune di Bari alla costruzione del coinceneritore. Purtroppo così non è stato, e il sindaco Decaro continua a nascondere la polvere sotto il tappeto. Le possibilità sono solo due: o è "ciuccio", quindi non sa vigilare sulla salute dei cittadini, oppure è in malafede. A questo gioco noi non ci stiamo: il sindaco deve smettere di strumentalizzare la politica, per iniziare a pensare alla salute dei baresi, innanzitutto individuando e punendo il responsabile. Tardiva, infatti, è stata la decisione di Decaro di procedere alle vie giudiziarie».

«Nel prossimo consiglio comunale - va avanti Melini - ripresenteremo un ordine del giorno secco nel tentativo di chiarire le responsabilità, sperando che almeno questa volta non ci venga bocciato dal sindaco come è già successo».

Serve, quindi, secondo le opposizioni un gesto di responsabilità da parte dell'amministrazione comunale, che però non sembra intenzionata a fare passi indietro. Ancora Melini: «Chiediamo le dimissioni dell'assessore all'Ambiente Pietro Petruzzelli, perché è inconcepibile che fosse all'oscuro della procedura amministrativa per il via libera alla costruzione dell'inceneritore. Il sindaco e l'assessore di Modugno, per esempio, hanno partecipato personalmente alla conferenza dei servizi per ribadire il no della loro amministrazione comunale. Com'è possibile, quindi, che assessore e sindaco di Bari non sapessero cosa stava accadendo?».

  • irma melini
  • domenico di paola
  • inceneritore newo
  • fabio romito
Altri contenuti a tema
Bari in lutto: è morto Vito Guerra. Addio al Piripicchio di Carbonara Bari in lutto: è morto Vito Guerra. Addio al Piripicchio di Carbonara Grazia Albergo: "Ha lasciato un pezzettino del suo grande cuore in ognuno di noi"
Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Da capire cosa sarà possibile fare ora per impedire la realizzazione dell'impianto ritenuto inquinante
Autovelox sulla statale 16 a Palese, dopo le proteste sarà spostato Autovelox sulla statale 16 a Palese, dopo le proteste sarà spostato Esulta il consigliere d'opposizione Fabio Romito: «La legge impone che siano ben visibili e segnalati»
Verso Latina-Bari, si fa largo l'ipotesi maxischermo in piazza Verso Latina-Bari, si fa largo l'ipotesi maxischermo in piazza La proposta è del consigliere comunale Romito: «Chiesto di predisporre distanziamento»
Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Tre settimane fa una sentenza del Tar aveva dato ragione ai comitati e ai Comuni
Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Quanto deciso è: "Un vademecum, da tenere presente in materia di smaltimento rifiuti"
Il Tar dice no all'inceneritore a Bari, Comitati e Comune festeggiano Il Tar dice no all'inceneritore a Bari, Comitati e Comune festeggiano Decaro: "Spero che sia calato definitivamente il sipario su questa vicenda”
Inceneritore Newo, il Tar rinvia la decisione a novembre Inceneritore Newo, il Tar rinvia la decisione a novembre Il Comitato dei cittadini No Inceneritore: «Questo rinvio ci lascia sgomenti»
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.