Museo civico Bari
Museo civico Bari
Attualità

Il Museo civico di Bari verso la digitalizzazione, affidato il servizio

La gara è stata vinta dal consorzio Idria. Curerà l'archivio e la catalogazione online

Con apposita determina dirigenziale, la ripartizione Culture e Marketing territoriale ha affidato, a seguito di trattativa diretta sul Me.Pa e ai sensi del D.L. n 76/2020, c.d. "Decreto Semplificazioni", e successive modifiche, al Consorzio Idria scrl, già soggetto gestore del Museo Civico e della sua biblioteca, il servizio di digitalizzazione del Museo Civico e dei suoi archivi - progetto BA.6.1.1.c "DigiMuBa_nuovi servizi di digitalizzazione per il Museo Civico di Bari e i suoi archivi" - Piano Operativo PON Metro.

Obiettivo dell'intervento, finanziato con fondi PON Metro-React Eu per un importo complessivo di € 163.480 (IVA inclusa), è quello di promuovere la fruizione pubblica della biblioteca e dell'archivio storico del Museo Civico di Bari attraverso un'azione complessiva di digitalizzazione puntuale di una parte significativa del suo patrimonio archivistico e librario.

«Nel solco del percorso di valorizzazione del Museo Civico - commenta Ines Pierucci, assessora alle Culture - abbiamo colto la possibilità di digitalizzare buona parte del patrimonio librario e di quello relativo alle arti grafiche con la finalità di migliorarne la fruizione da parte dei visitatori, italiani e stranieri, che sono sempre più interessati a conoscere il patrimonio storico-artistico di Bari anche grazie al Museo, che in questi ultimi anni ha saputo diventare un riferimento culturale consolidato».

Costituitasi nel 1919 in occasione della "Mostra storica" allestita nel teatro Margherita, grazie soprattutto alle donazioni della famiglia De Grecis, la biblioteca del Museo Civico si compone di un'interessante sezione dedicata alla Grande Guerra e di un'altrettanto importante emeroteca. La consistenza numerica della biblioteca è attualmente stimabile in circa 5.600 volumi ai quali devono aggiungersi 6.300 volumi già appartenenti alla biblioteca comunale di Bari e i 378 volumi della donazione Lovero. Nel 2018 la biblioteca si è arricchita di ulteriori 1.200 volumi frutto della donazione della biblioteca di famiglia dello scrittore Gianrico Carofiglio. Nel 2022 la biblioteca ha ricevuto inoltre in deposito circa 800 volumi già conservati presso la scuola De Marinis di Carbonara di Bari, appartenenti a Simone e Maria Carella.

Per quanto riguarda i volumi in questione, in base al capitolato prestazionale il Consorzio Idria dovrà procedere al servizio di catalogazione, inventariazione ed etichettatura dei beni individuati utilizzando il software di catalogazione e gestione delle biblioteche "Sebina Next" o "ISBN web", allo scopo di incrementare il catalogo SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) e di fornire un agile inventario interattivo per consentire all'utenza di accedere con modalità di ricerca semplificate al catalogo digitale della biblioteca. Il servizio di catalogazione, realizzato nel rispetto delle norme e degli standard previsti, dovrà renderà fruibile i beni della biblioteca nel catalogo SBN, all'interno dell'Opac SBN (catalogo informatizzato del Servizio Bibliotecario Nazionale).

L'affidamento prevede anche la catalogazione e digitalizzazione, secondo le "Linee guida alla catalogazione in SBN. Materiale grafico: manifesti, stampe, disegni", dell'emeroteca del Museo Civico, che si compone di 320 volumi rilegati riferiti alle seguenti testate: Avanti (1914-1924); Corriere delle Puglie (1914-1922); Corriere della Sera (1914-1924); Il fronte interno (1917-1918); La tribuna (1914-1921); Il giorno (1914-1920); Il popolo d'Italia (1914-1924); L'idea nazionale (1915-1922); Il mattino (1914-192); Il giornale d'Italia (1914-1924); Il messaggero (1914-1920); Il mezzogiorno (1918-1920); Il piccolo (1914-1924); Il mondo (1922-1924); La gazzetta di Puglia (1922-1924).

Il Museo Civico conserva altresì alcuni importanti fondi archivistici - quali il fondo del Museo Storico Civico di Bari, il fondo Generale De Bernardis, il fondo De Ninno, il fondo Tanzi, il fondo Acquedotto Pugliese, il fondo Maselli Campagna, il fondo Opere Pie e il fondo Comizio agrario - costituiti da documenti manoscritti, a stampa e iconografici, provenienti per la maggior parte da raccolte private, la cui catalogazione sarà effettuata nel rispetto delle "Linee guida alla descrizione e alla gestione del patrimonio documentario".

È prevista infine la realizzazione di un'app mobile pensata per ampliare la fruizione dei beni conservati presso la struttura museale, con approfondimenti sulla storia della città accessibili tramite la realtà aumentata. L'app mobile sarà realizzata animando immagini in alta risoluzione di illustrazioni e dipinti di volumi rari conservati nel Museo Civico di Bari, tramite Adobe After Effects e il Game Engine Unity (con l'aiuto di Vuforia per la parte di AR). I personaggi animati, raccontando le loro storie, racconteranno anche la storia della città di Bari e del museo, in un itinerario interattivo per ogni età. Questo approccio è pensato per ampliare il pubblico del museo e della biblioteca, in una prospettiva di interattività più attrattiva per tutti coloro, in special modo i nativi digitali, per i quali l'interazione spazio fisico/spazio virtuale è fondamentale.

Le attività di digitalizzazione del Museo Civico e dei suoi archivi avranno inizio il prossimo 1 ottobre per una durata complessiva di 12 mesi.
  • Museo civico
  • ines pierucci
Altri contenuti a tema
La Fondazione Silvana Ghiazza si presenta al Museo Civico di Bari La Fondazione Silvana Ghiazza si presenta al Museo Civico di Bari La serata di oggi è volta a ricordare la professoressa scomparsa un anno fa a causa di un cancro
Un itinerario storico-turistico sul culto di San Nicola a Bari, approvato il progetto artistico Un itinerario storico-turistico sul culto di San Nicola a Bari, approvato il progetto artistico C'è il sì della giunta comunale. In programma l'installazione di pietre d'inciampo e totem esplicativi
A Bari la decima edizione del festival "Pagine di Russia", appuntamento dal 7 all'11 novembre A Bari la decima edizione del festival "Pagine di Russia", appuntamento dal 7 all'11 novembre Il programma è stato presentato questa mattina a Palazzo di città. Ecco le iniziative in programma
Riapre alle visite la basilica di Santa Candida, la più grande chiesa rupestre della Puglia Riapre alle visite la basilica di Santa Candida, la più grande chiesa rupestre della Puglia Pierucci: «Necessario intervenire per scongiurare il deterioramento e favorire la fruizione di questo tesoro»
"Olivi e oleastri. Chiancaluna-oleaterrae", al Museo civico di Bari la personale di Manlio Chieppa "Olivi e oleastri. Chiancaluna-oleaterrae", al Museo civico di Bari la personale di Manlio Chieppa Il pittore pugliese è tra gli esponenti più interessanti del vasto panorama delle arti visive contemporanee
A Bari torna la festa della "Vidua Vidue", la città celebra la liberazione dall'assedio saraceno A Bari torna la festa della "Vidua Vidue", la città celebra la liberazione dall'assedio saraceno Ecco il programma degli eventi organizzati sabato 21 ottobre dai Cavalieri di San Nicola
A Bari torna il Villaggio di Natale con gli eventi a tema, online la procedura di accordo quadro A Bari torna il Villaggio di Natale con gli eventi a tema, online la procedura di accordo quadro Il bando si riferisce al biennio 2023/24 e 2024/25 e ha un valore complessivo di 200mila euro
Stagione teatrale di Bari 2023/2024, al Piccinni l'omaggio ai cento anni di Italo Calvino Stagione teatrale di Bari 2023/2024, al Piccinni l'omaggio ai cento anni di Italo Calvino Tutte le iniziative in programma nel weekend per celebrare il centenario dello scrittore simbolo del '900
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.