Equipe Ortopedia Ospedale Di Venere Bari
Equipe Ortopedia Ospedale Di Venere Bari
Attualità

Fratture del calcagno, innovativo fissatore esterno impiantato per la prima volta al Di Venere

Si tratta del risultato di tre anni di studio sul campo

Impiantato per la prima volta al mondo un innovativo fissatore esterno per il trattamento delle fratture del calcagno. Nei giorni scorsi, l'équipe di Ortopedia e Traumatologia dell'Ospedale "Di Venere" di Bari ha utilizzato con successo un nuovo modello di fissatore su un paziente traumatizzato. Il fissatore è il risultato di tre anni di studio sul campo, in cui sono stati impegnati gli ortopedici guidati dal dott. Vincenzo Caiaffa, direttore dell'Ortopedia del presidio e del Dipartimento Ortopedico della ASL Bari e dell'esperienza di un'azienda del settore in grado di trasferire il lavoro e le indicazioni degli specialisti nella realizzazione del nuovo dispositivo. «In questo progetto – sottolinea il dott. Caiaffa – ci sono risorse ed energie affidate ad un gruppo di progettisti ortopedici traumatologi pugliesi e questo è sicuramente un bel traguardo raggiunto e motivo di orgoglio per tutta la scuola ortopedica barese».
Versatile, grazie al design unico e compatto, di facile impiego per gli ortopedici, il fissatore è soprattutto un trattamento stabile e mininvasivo per i pazienti che subiscono fratture articolari scomposte, con benefici in termini di tempi chirurgici più brevi rispetto ai trattamenti classici "a cielo aperto", riduzione di rischio e complicanze, possibilità di carico parziale o completo già dopo quattro settimane, più rapido recupero funzionale e, non ultimo, la rimozione in ambulatorio evitando un secondo intervento chirurgico.
«Pur essendo il trattamento delle fratture di calcagno con fissazione esterna un metodo acquisito sin dagli anni Ottanta – aggiunge Caiaffa – con questo nuovo dispositivo la tecnologia medicale in materia di traumatologia ortopedica compie un notevole passo in avanti dovuto all'evoluzione dei materiali, all'esperienza clinica e alla possibilità di condividere sempre più grandi numeri in studi scientifici multicentrici».
Questo nuovo modello, inoltre, presenta una tecnologia evoluta che semplifica il lavoro del chirurgo traumatologo, ad esempio sfruttando la migliore visualizzazione radiologica connessa alla ridotta presenza di metallo oppure l'estrema adattabilità al piede (destro e sinistro), ed ottimizza l'adesione al trattamento da parte del paziente anche per via della buona compatibilità e tenuta meccanica. «Il risultato – conclude il dott. Caiaffa - è stato eccellente come peraltro ampiamente dimostrato dai test pre-clinici e come potrà verificare direttamente il paziente nella sua vita quotidiana quando potrà muovere i primi passi appoggiando il piede grazie alla capacità del fissatore di mantenere la riduzione della frattura nel tempo».
  • Di Venere
Altri contenuti a tema
Parto trigemellare al Di Venere, centro di eccellenza per le nascite Parto trigemellare al Di Venere, centro di eccellenza per le nascite Il senatore Melchiorre: "Evento raro ed eccezionale"
Centro dedicato alla Genetica Medica e alla Medicina Fetale, inaugurazione per la nuova struttura Centro dedicato alla Genetica Medica e alla Medicina Fetale, inaugurazione per la nuova struttura Si trova al Di Venere, cerimonia lunedì mattina
Intervento record al Di Venere, asportata massa tumorale di 8 chili Intervento record al Di Venere, asportata massa tumorale di 8 chili Il paziente una donna di 61 anni, l'operazione effettuata dall'equipe del professor Vicino
Carenze igienico sanitarie alla mensa del Di Venere, multa dai Nas di Bari Carenze igienico sanitarie alla mensa del Di Venere, multa dai Nas di Bari La Asl: "La società appaltatrice ha garantito la correzione immediata delle criticità rilevate"
Chirurgia del Di Venere, Michele Simone è il nuovo primario Chirurgia del Di Venere, Michele Simone è il nuovo primario Esperto in chirurgia laparoscopica avanzata è anche impegnato nello sviluppo della chirurgia robotica
Asl Bari, 8.640 dosi del vaccino bivalente anti-Covid inviate al Di Venere Asl Bari, 8.640 dosi del vaccino bivalente anti-Covid inviate al Di Venere I frigoriferi a -80 gradi dell'istituto tumori Giovanni Paolo II sono il riferimento per lo stoccaggio
Di Venere, aggredito infermiere: aveva chiesto a paziente con la tosse di mettere la mascherina Di Venere, aggredito infermiere: aveva chiesto a paziente con la tosse di mettere la mascherina Il fatto è accaduto al triage. Per l'operatore sanitario è stata emessa una prognosi di 10 giorni dopo il pugno
Ospedali Di Venere e San Paolo, il sindacato Usppi: «Pronto soccorso al collasso» Ospedali Di Venere e San Paolo, il sindacato Usppi: «Pronto soccorso al collasso» La sigla di medici e infermieri: «Il direttore generale Asl ritiri i due provvedimenti di mobilità»
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.