guardia di finanza
guardia di finanza
Cronaca

Evasione fiscale nel settore delle scommesse, sequestro beni da 1,6 milioni a imprenditore di Bari

L'uomo avrebbe incassato 2,5 milioni di euro, non dichiarati al fisco, operando da “master” per una società maltese

I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Bari stanno dando esecuzione a un decreto di sequestro preventivo avente per oggetto, in via diretta, le disponibilità finanziarie di una impresa individuale con sede a Bari e, per equivalente, i beni del suo titolare, per un valore complessivo di circa 1,6 milioni di euro, quale profitto delle ipotesi di reato configurate. L'attività svolta dalle fiamme gialle baresi avrebbe permesso, infatti, di rilevare la presentazione di dichiarazioni infedeli ai fini delle imposte dirette e dell'imposta sul valore aggiunto per l'anno 2016, nonché l'omessa presentazione delle medesime per il 2017 (accertamento compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa).

Il decreto di sequestro preventivo - emesso dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica di Bari - costituisce l'epilogo di un controllo fiscale e delle correlate indagini di polizia giudiziaria delegate al II gruppo tutela entrate del nucleo di polizia economico-finanziaria di Bari, articolazione specializzata nel contrasto agli illeciti in materia di evasione fiscale.

Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), il citato imprenditore barese avrebbe percepito corrispettivi per circa 2,5 milioni di euro, non dichiarati al fisco, operando quale "master" negli anni 2016-2017 per conto di una società maltese la quale – pur essendo autorizzata alla raccolta del gioco e delle scommesse sul territorio nazionale – si sarebbe avvalsa di una "rete parallela" di promotori di gioco illegale.

Considerato l'elevato valore indiziario degli elementi acquisiti dal nucleo Pef Bari, la Procura di Bari - in virtù della normativa che prevede la possibilità di applicazione anche della "confisca per equivalente" - ha avanzato una richiesta di sequestro di beni ed utilità, al fine di inibire il consolidamento del vantaggio economico derivante dalla presunta evasione. Il Gip, aderendo alla predetta richiesta, ha quindi emesso il decreto di sequestro preventivo dei beni nella disponibilità della impresa individuale e del suo titolare.
  • Guardia di Finanza
  • evasione fiscale
Altri contenuti a tema
Sottraevano soldi a cooperative in liquidazioni, nei guai tre persone tra cui un avvocato di Bari Sottraevano soldi a cooperative in liquidazioni, nei guai tre persone tra cui un avvocato di Bari È in corso il sequestro dei beni nella loro disponibilità per un valore di circa 1 milione di euro pari all’ammontare complessivo del profitto dei reati
Evasione fiscale, sequestrati un milione di euro ad un odontoiatra in provincia di Bari Evasione fiscale, sequestrati un milione di euro ad un odontoiatra in provincia di Bari Il professionista avrebbe omesso di indicare parte dei compensi percepiti
Guardia di Finanza, a Bari in visita il generale di divisione Fabrizio Toscano Guardia di Finanza, a Bari in visita il generale di divisione Fabrizio Toscano Il comandante regionale si è complimentato per l’attività svolta a tutela della legalità e della sicurezza economico-finanziaria
Agopuntura e massaggi abusivi, sequestri in provincia di Bari Agopuntura e massaggi abusivi, sequestri in provincia di Bari I controlli della gdf in un centro a Putignano gestito da un cittadino cinese
Bonus edilizi, crediti d'imposta falsi da 17 milioni: perquisizioni in provincia di Bari e in altre quattro regioni Bonus edilizi, crediti d'imposta falsi da 17 milioni: perquisizioni in provincia di Bari e in altre quattro regioni Secondo gli investigatori, si tratterebbe di un sodalizio criminale dedito ad avanzare indebite richieste di accesso alle agevolazioni
Crediti d'imposta falsi, sequestrati 2 milioni a imprenditore barese. Perquisizioni nella sede della Reggina Crediti d'imposta falsi, sequestrati 2 milioni a imprenditore barese. Perquisizioni nella sede della Reggina Maxi operazione della Guardia di finanza, la presunta somma illecita era nella disponibilità di un'azienda di Lecce
Perquisizioni ai Matarrese: «Sola acquisizione di documentazione ritenuta utile ai fini dell’indagine» Perquisizioni ai Matarrese: «Sola acquisizione di documentazione ritenuta utile ai fini dell’indagine» La famiglia con una nota chiarisce l'accaduto
Matarrese, la guardia di finanza perquisisce gli uffici. Ipotesi bancarotta fraudolenta Matarrese, la guardia di finanza perquisisce gli uffici. Ipotesi bancarotta fraudolenta Le indagini riguardano il fallimento di alcune società
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.