arresti clan strisciuglio
arresti clan strisciuglio
Cronaca

Estorsioni per assegnare le case popolari e racket agli imprenditori. Dieci arresti nel clan Strisciuglio

I malviventi operavano per il sodalizio criminale nei rioni Enziteto e San Pio. Imponevano la loro "legge" alle imprese del nord-ovest barese

Elezioni Regionali 2020
Scacco dei carabinieri al clan Strisciuglio: questa mattina i militari della compagnia di Bari San Paolo hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica – DDA, a carico di dieci soggetti affiliati al clan Strisciuglio, attivo nei quartieri Enziteto San Pio. I reati contestati, a vario titolo, sono di concorso in attività estorsive aggravate dal metodo mafioso, lesioni aggravate, spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi. Dei dieci destinatari della misura quattro erano già detenuti per altra causa. I provvedimenti sono arrivati al termine di un'indagine con cui i carabinieri hanno raccolto indizi di colpevolezza a carico degli indagati, presunti autori di estorsioni per assegnare le case popolari di San Pio e di racket nei confronti di alcuni imprenditori. Il tutto con la "regia" del boss dal carcere. A Enziteto, a casa e nel garage di un incensurato non destinatario del provvedimento restrittivo, i militari hanno rinvenuto 3 fucili ak 47 kalashnikov, una pistola mitragliatrice di produzione est europea, due pistole semiautomatiche, un giubbotto antiproiettile, munizioni e altro materiale. Gli inquirenti ritengono possano appartenere al clan egemone nel quartiere. Verranno eseguite perizie ed accertamenti tecnico-balistici. L'indagine, avviata nel 2017 e conclusa a luglio del 2019, trae origine da un'attività investigativa della stazione di Bari Santo Spirito, coordinata dalla DDA, eseguita attraverso indagini tecniche e tradizionali. All'attenzione degli inquirenti è emersa una pervicace attività estorsiva posta in essere ai danni di imprenditori locali dei quartieri Santo Spirito, Palese e San Pio-Enziteto ad opera di affiliati al clan Strisciuglio i quali, grazie al forte potere intimidatorio del gruppo di appartenenza e alla disponibilità di armi, riusciva a controllare in modo incontrastato le aree a nord-ovest della città di Bari.
arresti clan strisciuglioarresti clan strisciuglio
In particolare, dopo l'arresto di uno degli indagati che aveva imposto un servizio di "guardiania", a scanso di più gravi conseguenze, a un'impresa edile in procinto di realizzare alcune abitazioni in Palese, le investigazioni hanno permesso di accertare che dal carcere, dove era detenuto il capo del gruppo di criminali operanti nei citati quartieri, partivano e giungevano ordini veicolati agli altri affiliati tramite la moglie che si recava in visita al marito detenuto. Il gruppo criminale oltre a gestire le piazze di spaccio dei quartieri, taglieggiava gli imprenditori locali che per timore di gravi ritorsioni aderivano alle richieste estorsive.

In aggiunta, dalle indagini è anche emerso che le abitazioni popolari del quartiere San Pio erano "assegnate" dal gruppo criminale che consentiva l'occupazione degli immobili solo a sodali ovvero previo pagamento di un corrispettivo o in cambio di favori. In particolare, a riscontro sono state deferite all'autorità giudiziaria 8 persone delle quali 4 affiliate al sodalizio per occupazione abusiva di immobili. Sempre dal carcere, grazie alle "ambasciate", venivano gestite le affiliazioni e le alleanze nonché le eventuali controversie sorte con gli esponenti di altri gruppi. Nel corso delle indagini sono stati arrestati nr. 3 soggetti e sequestrate diverse armi e quantitativi di droga, quale riscontro all'intero impianto investigativo.
  • Carabinieri
  • Procura di Bari
  • Quartiere San Pio
  • clan strisciuglio
Altri contenuti a tema
Gravina, si scontrano dopo una gara di velocità con le auto. Denunciati due ventenni Gravina, si scontrano dopo una gara di velocità con le auto. Denunciati due ventenni I carabinieri hanno approfondito la dinamica e hanno scoperto che non si trattava di un banale incidente. Patenti sospese
Bitetto, scoperto a rubare in casa di due anziani. Arrestato 37enne di Bari Bitetto, scoperto a rubare in casa di due anziani. Arrestato 37enne di Bari L'azione dell'uomo è stata notata da alcuni cittadini, che hanno avvertito i carabinieri. A fermarlo un militare fuori servizio
Estorsioni a imprenditore agricolo, cinque arresti a Bari e provincia Estorsioni a imprenditore agricolo, cinque arresti a Bari e provincia In manette finiscono tre baresi e due residenti a Polignano. Chiedevano il pizzo a un'azienda del brindisino
Estorsioni ai danni di imprenditori agricoli in provincia di Bari, arrestato 45enne Estorsioni ai danni di imprenditori agricoli in provincia di Bari, arrestato 45enne L'uomo, pluripregiudicato, avrebbe operato per anni un sistematico taglieggiamento alle vittime. Poche le denunce
Estorsione alla "Pizzeria da Nicola" al San Paolo, i carabinieri: «Evitare disinformazione» Estorsione alla "Pizzeria da Nicola" al San Paolo, i carabinieri: «Evitare disinformazione» Le voci circolate in seguito alla chiusura dell'attività ritenute nocive per il buon andamento delle indagini, e per eventuali nuove denunce
Estorsioni mafiose agli imprenditori edili al San Paolo, arrestato il mandante Estorsioni mafiose agli imprenditori edili al San Paolo, arrestato il mandante In manette finisce un esponente del clan Telegrafo, accusato anche di spaccio di cocaina. Altri tre furono trasferiti in carcere a novembre
Auto rubate in provincia di Bari ritrovate nel foggiano, due denunce Auto rubate in provincia di Bari ritrovate nel foggiano, due denunce I carabinieri hanno scoperto ad Ascoli Satriano un vero e proprio "cimitero" di veicoli
Arrestato carabiniere a Cassano Murge (Bari), aveva preso parte di una refurtiva Arrestato carabiniere a Cassano Murge (Bari), aveva preso parte di una refurtiva Si tratta del comandante della Stazione. L'uomo aveva dato ad un conoscente una cisterna rubata
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.