La spesa sospesa al mercato di Campagna Amica di Piazza del Ferrarese a Bari
La spesa sospesa al mercato di Campagna Amica di Piazza del Ferrarese a Bari
Servizi sociali

Crisi legata al Covid, aumenta la povertà in Puglia, ma anche la solidarietà

Le iniziative si sono estese dalle organizzazioni di volontariato ai singoli cittadini, ai contadini e alle associazioni dei consumatori

Con la crescita della povertà in Puglia, quasi 1 cittadino su 3 (30%) ha partecipato quest'anno a iniziative di solidarietà, facendo beneficienza e donazioni per aiutare le famiglie più bisognose piegate dal peso della crisi causata dall'emergenza sanitaria dovuta al Covid.

Sulla base del rapporto ISTAT, il numero di poveri ha raggiunto il record dal 2005, mentre contro la povertà è cresciuta la solidarietà che si è estesa dalle organizzazioni di volontariato ai singoli cittadini, ai contadini e alle associazioni dei consumatori.

Per 'aiutare ad aiutarli' al Mercato di Campagna Amica di Piazza del Ferrarese a Bari, sono stati consegnati i prodotti agroalimentari di qualità e a km0 dei contadini di Campagna Amica, destinati alle famiglie indigenti, ai Servizi Sociali del Comune di Bari, dalla rappresentanza delle associazioni dei consumatori Casa del Consumatore, ACU, ASSOCONSUM, MC, MDC, UNC, con Giulia De Marco del Servizio Tutela Consumatori della Regione Puglia, Lorenzo Leonetti, presidente del primo Municipio di Bari e con l'assessore ai servizi Sociali del Comune di Bari, Francesca Bottalico.

"Coldiretti ha reso strutturali le iniziative di solidarietà, un segno tangibile della filiera agroalimentare verso le fasce deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche. A pagare il prezzo più alto alla crisi sono stati mamme e papà single e le coppie con uno o due figli e per questo le iniziative solidali sono tanto più importanti considerato che l'avanzare dell'emergenza coronavirus ha fatto esponenzialmente il numero di nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dalla pandemia e dalla conseguente perdita di opportunità di lavoro", afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Con la crisi un numero crescente di persone è stato costretto a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente – sottolinea la Coldiretti regionale – ai pacchi alimentari, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia. Fra i nuovi poveri ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid. Persone e famiglie che mai prima d'ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche.

"L'emergenza Covid ha fatto emergere prepotentemente – aggiunge Giulia De Marco del Servizio Tutela Consumatori della Regione Puglia - il ruolo economico e sociale della filiera corta e della vendita diretta dei prodotti agroalimentari e di quanto i consumatori stessi possano stringersi attorno agli oltre 210mila poveri in Puglia, con iniziative di sostegno e di comunità per aiutare le fasce più fragili della popolazione".

Dall'inizio della pandemia sono oltre 5,5 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometro zero e di altissima qualità distribuiti dagli agricoltori della Coldiretti e Campagna Amica per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi. Si è trattato della più grande iniziativa di solidarietà mai realizzata dagli agricoltori italiani resa possibile anche dalla partecipazione volontaria dei cittadini al programma della "Spesa sospesa". Tutti i cittadini nei mercati e nelle fattorie di Campagna Amica diffusi in Puglia possono decidere di donare cibo e bevande alle famiglie più bisognose sul modello dell'usanza campana del "caffè sospeso", quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Agosto torrido in Puglia, sulle tavole aumenta del 25% il consumo di frutta e verdura Agosto torrido in Puglia, sulle tavole aumenta del 25% il consumo di frutta e verdura L'incremento legato anche alla riapertura delle attività di ristorazione con l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati
Incendi in Puglia, sono 47 i roghi attivi. Quattro in provincia di Bari Incendi in Puglia, sono 47 i roghi attivi. Quattro in provincia di Bari Coldiretti: "Provvedere a una ricognizione dei danni e all’individuazione delle aree colpite con il ristoro delle perdite subite dagli agricoltori e dagli allevatori"
La siccità non dà scampo ai cocomeri, bruciati uno su quattro in Puglia La siccità non dà scampo ai cocomeri, bruciati uno su quattro in Puglia Qualche consiglio su etichette e su come scegliere le angurie migliori al mercato e non solo
Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" L'associazione: "Monitoraggi col contagocce, solo 15 squadre impegnate rispetto alle 90 dell'anno scorso"
Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Secondo le stime di Coldiretti Puglia, sono 250mila gli animali selvatici in Puglia, 15% in più rispetto al 2020.
Estate caldissima in Puglia, cresce la voglia di gelato Estate caldissima in Puglia, cresce la voglia di gelato I consumi hanno superato i 6 chili a testa all’anno in Italia secondo stime della Coldiretti
Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Le mucche a causa delle alte temperature stanno producendo fino al 15% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali
Turismo, vacanze in Puglia per 1,2 milioni di stranieri grazie al Green Pass UE Turismo, vacanze in Puglia per 1,2 milioni di stranieri grazie al Green Pass UE Svolta importante dopo che la scorsa estate gli arrivi dai Paesi europei sono crollati del 43%
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.