francesco cacucci
francesco cacucci

Coronavirus, il messaggio dell'arcivescovo di Bari-Bitonto Cacucci

«Il numero quaranta racchiude importanti tappe della salvezza, che possono illuminarci in questi giorni dolorosi»

L'emergenza Coronavirus sta cambiando anche le abitudini dei fedeli, a causa della sospensione di messe e funzioni religiose pubbliche. Alla diocesi di Bari-Bitonto ha voluto mandare un messaggio l'arcivescovo Francesco Cacucci, che scrive una lettera e pubblica un video sui canali ufficiali diocesani.

Carissimi,

stiamo vivendo quest'anno la Quaresima in "quarantena".
Il numero quaranta racchiude in sé tappe significative della storia della salvezza, che possono illuminarci in questi giorni dolorosi che stiamo vivendo a motivo del coronavirus.

Durante il diluvio «cadde la pioggia sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti» (Gen 7,12). Prima di ricevere le tavole della Legge, «Mosè rimase con il Signore quaranta giorni e quaranta notti senza mangiare e senza bere acqua» (Es 34,28). Quarant'anni dura il cammino del popolo di Israele attraverso il deserto.

Ma la Quaresima proietta una luce inedita anche sui quaranta giorni e le quaranta notti trascorsi da Gesù nel deserto.

E può insegnarci ad attraversare il difficile deserto di questi giorni, perché con Gesù capofila, sappiamo superare ogni tentazione di scoraggiamento, e camminare verso la luce pasquale.
È questa la medicina spirituale che la Chiesa ha sperimentato da secoli e che anche in questi giorni di prova ci ripropone: l'ascolto della Parola e la preghiera, il digiuno, la carità.

L'ascolto della parola e la preghiera

Il deserto è il luogo della tentazione, ma anche il luogo della Parola (la radice di deserto deriva dall'ebraico dabar, che significa parola).
Siamo invitati a riscoprire quanto ci ha insegnato il Concilio Vaticano II: la liturgia, pur essendo «il culmine e la fonte» della vita della Chiesa, non ne «esaurisce tutta l'attività». Ritorna l'esortazione del caro arcivescovo Mons. Magrassi: «più Messa, meno Messe». Questa Quaresima è per noi il tempo di riscoprire che «preghiera» non è solo Messa, ma che proprio perché la celebrazione eucaristica sia feconda, è necessario nutrirsi della lettura e della meditazione della Sacra Scrittura.

Il digiuno

Piuttosto che subire il «digiuno» da tante cose da noi ritenute fondamentali, questa "quarantena" quaresimale ci offre l'opportunità di riscoprire le cose veramente essenziali, abbandonando ciò che è superfluo. Ci permette di fare più spazio a Dio e di considerare più consapevolmente la fragilità della nostra esistenza. Anche il digiuno eucaristico, non sconosciuto nella tradizione cristiana (perché la Messa trasmessa per televisione, pur buona, non ci rende partecipi sacramentalmente), può accrescere il desiderio di partecipare alla celebrazione liturgica domenicale.

La carità
Per amare concretamente dobbiamo essere pronti a condividere anche i beni. La nostra Caritas diocesana, le Caritas parrocchiali sono disponibili, tra l'altro, attraverso i centri di ascolto, le mense, il centro di accoglienza. Raccomando di rispettare pienamente le disposizioni governative; ognuno scopra rivoli di carità sempre nuovi. È atto di carità verso i più deboli e i più esposti, essere obbedienti alle disposizioni, rimanendo a casa.

Preghiera, digiuno, elemosina (carità). La comunità cristiana, fin dalle origini ha cercato di vivere così il vangelo. Sono i tre mezzi per vivere la nuova giustizia che Gesù chiede (cf. Mt 6, 1-18).
Questo ci fa rinascere all'amore, amando Dio con tutto il cuore (preghiera), con tutta l'anima (digiuno), con tutte le forze (carità, elemosina).

Così, pur provati nel deserto quaresimale di questi giorni, giungeremo a celebrare più lietamente la Pasqua di Risurrezione e sperimenteremo di aver percorso un cammino per essere sempre più un cuor solo, un'anima sola, mettendo in comune non solo i beni, ma la nostra stessa vita.

Bari, 14 marzo 2020

† Francesco Cacucci
Arcivescovo di Bari-Bitonto
  • Francesco Cacucci
  • arcidiocesi bari-bitonto
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, in Puglia si punta al vaccino anti-influenza per 2 milioni di persone in autunno Coronavirus, in Puglia si punta al vaccino anti-influenza per 2 milioni di persone in autunno La strategia per ammortizzare gli effetti di una possibile seconda ondata con il ritorno del freddo. Dal Ministero: «Gratis a partire da 60 anni»
1 Dopo l'emergenza Covid scelgono di sposarsi in Puglia, matrimonio ad Alberobello in diretta Rai Dopo l'emergenza Covid scelgono di sposarsi in Puglia, matrimonio ad Alberobello in diretta Rai Mirko e Paola, rispettivamente di Catania e di Roma, hanno detto il fatidico "sì" ripresi dalle telecamere di "La vita in diretta"
Corovavirus, in Puglia stazionari i dati di contagi e decessi Corovavirus, in Puglia stazionari i dati di contagi e decessi Oggi in tutta la regione si sono registrati cinque nuovi positivi e sette decessi
1 Spiagge libere, Decaro contro l'Iss: «Impossibile far rispettare le regole» Spiagge libere, Decaro contro l'Iss: «Impossibile far rispettare le regole» Il presidente Anci: «Qualcuno decide norme complicate senza coinvolgerci e poi scarica su di noi la responsabilità della loro applicazione»
Manovra economica da 750 milioni della Regione Puglia, partiti i primi tre avvisi Manovra economica da 750 milioni della Regione Puglia, partiti i primi tre avvisi Al via le iniziative di microprestito per le imprese. Emiliano: «Le regione riparte se si muovono le attività economiche»
Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi e tre decessi Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi e tre decessi Uno dei contagi accertati oggi e due morti sono in provincia di Bari. I guariti sono 3.022
Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, già oltre 6mila i moduli compilati Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, già oltre 6mila i moduli compilati Superano quota 80mila gli accessi registrati da questa mattina sulla piattaforma online. Emiliano: «Senso di responsabilità fa la differenza»
Coronavirus, la curva in Puglia è stabile. Anche oggi un solo nuovo caso Coronavirus, la curva in Puglia è stabile. Anche oggi un solo nuovo caso Il soggetto positivo è della provincia di Foggia, 3 i decessi di cui 1 in provincia di Bari. I guariti arrivano a quota 2.952
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.