Farmaci
Farmaci
Servizi sociali

Consegna medicinali a domicilio, dal Comune di Bari ok all'accordo con i farmacisti

Pronta a partire l'intesa con l'ordine provinciale e Federfarma. Il servizio sarà curato dai volontari della rete Welfare

Su proposta dell'assessora al Welfare Francesca Bottalico, la giunta ha approvato lo schema di protocollo d'intesa tra il Comune di Bari, l'Ordine provinciale dei farmacisti di Bari e le sezioni di Bari e della Bat di Federfarma per la consegna a domicilio ai pazienti più fragili dei medicinali prescritti dal loro medico. Considerata la straordinaria necessità di adottare ogni tipo di iniziativa per contrastare e contenere la diffusione del virus Covid 19, l'amministrazione comunale ha inteso formalizzare la collaborazione già avviata tra assessorato al Welfare, Ordine dei farmacisti di Bari, Federfarma Bari e della Bat affinché non manchi il supporto alle farmacie della città che non riescono ad assicurare pienamente il servizio a domicilio, a causa dell'aumento delle richieste, e a quanti non sono nelle condizioni di ritirare i medicinali.

Il servizio, rivolto esclusivamente a coloro che si trovano in condizione di documentata vulnerabilità (ultrasessantacinquenni, persone con disabilità, in isolamento domiciliare, anziani soli o privi di rete familiare), prevede la consegna dei medicinali richiesti dai pazienti al loro medico di base a cura della rete dei volontari creata dall'assessorato al Welfare.

«Abbiamo formalizzato un servizio gratuito e particolarmente richiesto in questo periodo di grandi difficoltà per tutti - commenta Bottalico. Vogliamo tutelare le categorie più fragili della cittadinanza e garantirgli tutto il supporto possibile, cosa che fortunatamente siamo riusciti ad assicurare sin dal primo giorno dell'emergenza sanitaria, grazie al lavoro della straordinaria rete di oltre 700 volontari, degli assistenti sociali, delle associazioni e del privato-sociale della città. Ancora una volta ringrazio l'Ordine provinciale dei farmacisti di Bari e Federfarma per la loro preziosa collaborazione».

Saranno i volontari, quindi, ad effettuare la consegna in tempi compatibili con il numero di richieste, assicurando la priorità del servizio ai soggetti in isolamento domiciliare con sorveglianza sanitaria. Alla farmacia spetta il compito di richiedere alla rete dei volontari la consegna dei medicinali richiesti, che avverrà in busta chiusa, mentre il volontario li porterà al domicilio del paziente assieme allo scontrino.
Dopo aver ritirato il denaro per il pagamento dei prodotti, nonché il modulo di avvenuta consegna, il volontario potrà recarsi in farmacia per consegnare il denaro ricevuto.
  • Farmaci
  • Francesca Bottalico
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Firmata l'ordinanza del presidente Michele Emiliano valida dal 3 giugno. Necessario dichiarare anche il comune di soggiorno
Coronavirus, c'è un solo nuovo positivo in Puglia Coronavirus, c'è un solo nuovo positivo in Puglia Si tratta di un paziente della provincia di Bari. Due i decessi registrati oggi e i guariti sono quasi 3 mila
Bari, positivo al Coronavirus va al lavoro per non perdere il posto. Denunciato Bari, positivo al Coronavirus va al lavoro per non perdere il posto. Denunciato È successo in un ristorante del quartiere Libertà, indagini in corso. Sembra che nessun cliente si sia infettato
In Puglia parte la sperimentazione di "Immuni", la app disponibile per il download In Puglia parte la sperimentazione di "Immuni", la app disponibile per il download Lo strumento digitale sarà scaricabile su base volontaria. Emiliano: «Elemento in più per il contact tracing»
Crisi Covid, Emiliano e Capone incontrano le agenzie viaggi della Puglia: «In campo misure di rilancio» Crisi Covid, Emiliano e Capone incontrano le agenzie viaggi della Puglia: «In campo misure di rilancio» Il presidente della Regione e l'assessore al Turismo in video conferenza con gli addetti ai lavori: «Gli investimenti devono guardare avanti»
Ora è davvero 'liberi tutti' in Puglia si entra anche dalle altre regioni Ora è davvero 'liberi tutti' in Puglia si entra anche dalle altre regioni Per chi arriva da fuori territorio nessuna quarantena ma solo una registrazione per la tracciabiltà di un eventuale contagio
Fase due, dal Comune di Bari un avviso pubblico per le famiglie a rischio povertà socioeconomica Fase due, dal Comune di Bari un avviso pubblico per le famiglie a rischio povertà socioeconomica Approvato in giunta lo schema per l'erogazione di nuove misure nella fase due. Bottalico: «Previsti kit e buoni alimentari, farmaceutici e per i libri»
Crisi post Covid-19, Carrisiland in Puglia decide di non riaprire Crisi post Covid-19, Carrisiland in Puglia decide di non riaprire Appuntamento al 2021: «Intendiamo salvaguardare la salute dei nostri visitatori e collaboratori non potendo garantire il distanziamento sociale»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.