Da sx Giulio Maggio e il dg Giovanni Migliore
Da sx Giulio Maggio e il dg Giovanni Migliore
Attualità

Centro Ustioni del Policlinico di Bari, il dottor Giulio Maggio è il nuovo direttore

Oltre 100 pazienti trattati nell’ultimo anno provenienti da tutto il Mezzogiorno. L’unità operativa sarà autonoma dalla chirurgia plastica

Il "Centro ustioni" del Policlinico di Bari ha un nuovo responsabile: il dottor Giulio Maggio. Al chirurgo plastico di origini molfettesi, affidata la guida della nuova unità operativa semplice a valenza dipartimentale.

Con la Chirurgia plastica condividerà ancora la collocazione, al terzo piano del padiglione Asclepios, ma il dottor Maggio avrà la responsabilità diretta di un reparto con 6 posti letto di terapia intensiva e 6 posti letto di terapia sub intensiva.

"Ringrazio la direzione per l'opportunità che mi è stata riconosciuta. Dal 2008 sino ad oggi ho trattato chirurgicamente come primo operatore la quasi totalità dei pazienti ustionati afferenti all'unità operativa di Chirurgia plastica ricostruttiva universitaria del Policlinico di Bari, diretta dal prof. Giuseppe Giudice, con il quale abbiamo fatto un pezzo di strada importante. Adesso il mio obiettivo è quello di riuscire ad avere un accreditamento europeo per il nostro centro", spiega il dottor Maggio.

Dal 'Centro ustioni' del Policlinico di Bari passano mediamente 100 pazienti l'anno e nel 2022 l'indice di mortalità è stato al di sotto dell'1%. È un centro di cura e di ricerca in cui sono in uso le più moderne tecniche ricostruttive come l'impiego di cellule staminali, l'escarolisi enzimatica selettiva, nonché l'uso dei biomateriali.

"Faccio i miei auguri al dottor Maggio, siamo fiduciosi che sotto la sua guida il Centro Ustioni, che è già un centro di riferimento per il Mezzogiorno, continuerà a crescere e offrire cure di altissima qualità ai pazienti", commenta il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore.

Il dottor Maggio chirurgo plastico e ricostruttivo, ha conseguito l'alta specializzazione nel trattamento di ustioni e ulcere, ha studiato e si è formato all'Università di Bari e mosso i primi passi in reparto con il professor Dioguardi. Da oltre 20 anni si occupa di ustioni e di altre lesioni della pelle, è un membro attivo di due società scientifiche internazionali e autore di numerose pubblicazioni.
  • Policlinico
Altri contenuti a tema
1 Record al Policlinico di Bari, 55 trapianti di cuore nel 2023 Record al Policlinico di Bari, 55 trapianti di cuore nel 2023 ​È la prima volta nella storia della sanità italiana che un unico centro raggiunge questo obiettivo
100 operatori sanitari stabilizzati al Policlinico di Bari da dicembre 100 operatori sanitari stabilizzati al Policlinico di Bari da dicembre Completato il piano delle assunzioni autorizzate dalla Regione Puglia
Medici cinesi in corsia al Policlinico di Bari  Medici cinesi in corsia al Policlinico di Bari  Oggi firma di un memorandum di cooperazione internazionale con il direttore del General Hospital of Ningxia
Assenteismo nella Sanitaservice a Bari, il Policlinico: «Pronti a costituirci parte civile» Assenteismo nella Sanitaservice a Bari, il Policlinico: «Pronti a costituirci parte civile» Michele Carrassi: «Ad agosto presentato una denuncia querela per il reato di truffa nei confronti di ignoti»
Morti per legionella al Policlinico di Bari, a giudizio il direttore Migliore Morti per legionella al Policlinico di Bari, a giudizio il direttore Migliore Quattro gli imputati a processo per il decesso di 4 pazienti
Reti ultraveloci per abilitare la sanità digitale: al Policlinico di Bari l’evento sul futuro connesso del settore Reti ultraveloci per abilitare la sanità digitale: al Policlinico di Bari l’evento sul futuro connesso del settore L’obiettivo del Piano Sanità Connessa è fornire servizi di connettività a banda ultralarga alle strutture del servizio sanitario pubblico
Chirurgia corneale, successo per il primo intervento da remoto al Policlinico di Bari Chirurgia corneale, successo per il primo intervento da remoto al Policlinico di Bari Il paziente, un 53enne, era affetto da distrofia epiteliale di Cogan
N-PATH, da Bari un modello di formazione europea per giovani nefrologi N-PATH, da Bari un modello di formazione europea per giovani nefrologi Quaranta giovani specialisti da 13 diversi nel progetto di Policlinico e Università di Bari
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.