uno psicologo
uno psicologo
Servizi sociali

Centri diurni, psicologi sul piede di guerra: "Ci stanno cancellando"

Il presidente dell'Ordine: "Al Policlinico, nei distretti socio sanitari e nelle scuole le figure che si occupano di salute mentale stanno scomparendo"

Continua l'ondata di proteste di diverse categorie contro la Regione Puglia. Dopo gli agricoltori e i pescatori ora è la volta degli psicologi. "Pensavamo a banali distrazioni, ma a questo punto crediamo che ci sia un vero disegno per far scomparire gli psicologi dal panorama socio-assistenziale della Regione Puglia". Lo ha detto il presidente dell'Ordine degli Psicologi, Antonio Di Gioia, che annuncia una mobilitazione "se non avremo risposte immediate e, soprattutto, la revoca delle ultime modifiche al regolamento 4 della legge 19/2006, che disciplina l'organizzazione dei centri diurni".
"La Regione sta smantellando la psicologia in Puglia", prosegue Di Gioia. "Si va dall'emergenza in corso al Policlinico, dove l'assistenza psicologica e psicoterapeutica è ormai quasi del tutto assente, all'ormai cronica carenza di psicologi negli ospedali, nei distretti, nei centri di salute mentale, in tutti i dipartimenti, dove dovrebbe essere garantita l'assistenza psicologica di base. Per non parlare della mancata applicazione della legge 31, che prevede l'istituzione dell'Unità di Psicologia Scolastica. Assente, nonostante il protocollo firmato con Anci, lo psicologo del territorio: i centri di ascolto alle famiglie sono presenti a macchia di leopardo, mancano gli sportelli di supporto nelle situazioni di difficoltà. A tutto ciò si aggiungano, ora, le ultime modifiche al regolamento 4 della legge 19/2006, che disciplina i centri diurni, dove il coordinamento non viene più affidato agli psicologi, ma ad altre figure professionali. Lo psicologo viene relegato a ruolo di consulente. Ci sono strutture del tutto prive di assistenza psicologica e professionalità adeguate nella gestione delle relazioni e delle organizzazioni. Così facendo non stanno soltanto cancellando una professione, ma stanno minando il diritto alla salute dei cittadini, sancito dall'articolo 32 della Costituzione. Inoltre non stanno garantendo l'applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, che rivolgono particolare attenzione al bisogno di psicologia e psicoterapia. E tutto questo a fronte di una richiesta che cresce esponenzialmente nelle varie fasi del ciclo di vita dell'individuo della famiglia e della comunità. Sia chiaro: sono prestazioni obbligatorie e dovute ai cittadini, la Regione quindi non può scegliere se offrirle o meno: se non lo fa, si deve assumere le proprie responsabilità".
"Le segnalazioni da parte dei colleghi su tutto il territorio regionale sono ormai all'ordine del giorno", prosegue il presidente degli psicologi pugliesi. "Ore ridotte al minimo, psicologi che si ritroveranno senza lavoro, livelli di assistenza sempre più bassi. Non siamo disposti ad accettarlo passivamente. Attendiamo risposte immediate e concrete. Se questo non dovesse accadere, siamo pronti a scendere in piazza e a manifestare, se questa è l'unica lingua che la Regione comprende".
  • Igiene e salute pubblica
Altri contenuti a tema
Trapianti, anche a Bari arriva un rene "samaritano" Trapianti, anche a Bari arriva un rene "samaritano" La donazione alla collettività, libera e gratuita, effettuata al policlinico di Milano, ricevente un paziente barese
Tania Cagnotto a Bari madrina di un evento sulla prevenzione della meningite Tania Cagnotto a Bari madrina di un evento sulla prevenzione della meningite In piazza Ferrarese un minivillaggio dedicato al gioco e alla salute per famiglie e bambini per combattere le fake news
Influenza, settimana di picco ma la Puglia tra le regioni meno colpite Influenza, settimana di picco ma la Puglia tra le regioni meno colpite Nel Tacco d'Italia solo dieci casi gravi e due decessi. l consigli dei medici per evitare ulteriori contagi
Trapianto riuscito per il piccolo Alex, dal Bambin Gesù di Roma una nuova speranza Trapianto riuscito per il piccolo Alex, dal Bambin Gesù di Roma una nuova speranza Il bambino di 20 mesi, in attesa di trapianto di midollo osseo, è stato al centro di una rete di solidarietà che ha riguardato anche Bari
Giornata mondiale del diabete, a Bari stand e test gratuiti Giornata mondiale del diabete, a Bari stand e test gratuiti Appuntamento stamattina in corso Vittorio Emanuele e alla Biblioteca dei Ragazzi[e]
Screening gratuito al seno, ma che fine hanno fatto le lettere Asl? Screening gratuito al seno, ma che fine hanno fatto le lettere Asl? In Puglia una comunicazione su tre torna indietro perché l'indirizzo è sbagliato
Finestre chiuse con lo scotch e un solo infermiere, lo scandalo del padiglione Chini a Bari Finestre chiuse con lo scotch e un solo infermiere, lo scandalo del padiglione Chini a Bari La denuncia dei pazienti ripresa dall'associazione SOS Città: «Si prendano provvedimenti affinchè un diritto del cittadino, non si trasformi in una tortura medievale
Teresa 101 anni e in piedi a 48 ore dall'intervento Teresa 101 anni e in piedi a 48 ore dall'intervento Il suo segreto le lunghe passeggiate a cui non sa rinunciare
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.