Cisterna piazza Diaz
Cisterna piazza Diaz
Territorio

Ceglie, altra sorpresa dal cantiere di piazza Diaz: dall'antica cisterna spunta un rilievo dell'800

In una settimana la Soprintendenza fornirà indicazioni al Comune. Galasso: «L'idea è valorizzare la scoperta. Possibili ritardi nei lavori»

Il territorio di Ceglie del Campo si conferma preziosa miniera di patrimoni archeologici per ricostruire la storia di Bari. Una settimana fa il ritrovamento di un'antica cisterna durante i lavori di riqualificazione di piazza Diaz, e stamattina nello stesso luogo un'altra importante scoperta. Durante il la visita agli scavi dell'assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, accompagnato dal soprintendente all'Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Bari Luigi La Rocca e dal funzionario archeologo della stessa Soprintendenza Francesca Radina, è stato ritrovato sulla parete un rilievo raffigurante due angeli, uno nudo e l'altro vestito, che reggono un'iscrizione che riporta la data di realizzazione dell'opera - 16 aprile 1811 - unitamente ai nomi di Giustiniani e Pancotto - susseguitisi alla carica di sindaco negli anni successivi al restauro della cisterna, datato al 1857/58 -, e di due muratori impegnati nei lavori.

L'ambiente, che si trova a circa 6 metri di profondità rispetto all'attuale livello stradale, è tipico di queste particolari opere idrauliche e si presenta parzialmente rivestito da un intonaco stagno. La circostanza che l'iscrizione utilizzi alcune lettere al contrario (N, D, P) è riconducibile all'appartenenza sia di Giustiniani sia di Pancotto ad una confraternita della Carboneria dal nome "La Costanza". La volta della struttura, eccezion fatta per l'apertura che ha consentito di introdursi nella cisterna, si trova in buono stato di conservazione.

Come procedere?
Nel giro di una settimana la Soprintendenza formalizzerà al Comune le prescrizioni alle quali attenersi per procedere con l'intervento di riqualificazione della piazza. «Sappiamo che il territorio del IV Municipio, in particolare Ceglie del Campo, reca impresse le tracce di un passato antico che si presentano ogni qualvolta si proceda a scavarne il terreno: dopo le tombe a fossa del giardino Manzari, che ci portano indietro nel tempo fino al V secolo avanti Cristo, in questo caso con piazza Diaz, che per secoli si è chiamata Largo delle Piscine, ci troviamo di fronte a un tempo molto più vicino, ma non per questo privo di suggestioni - dice Galasso. L'idea di massima, che sarà comunque modulata alla luce delle indicazioni che ci arriveranno dalla Soprintendenza, è quella di realizzare un calco del rilievo esistente da riprodurre in superficie accanto ad un totem informativo che racconti la storia e il significato di questo ritrovamento. Quanto all'apertura nella volta della cisterna, contiamo di poterla salvaguardare per consentirne l'accesso in futuro ipotizzando uno svuotamento del materiale accumulato nel tempo e una valorizzazione del sito a seguito del recupero degli ambienti sottostanti. Il cantiere, ad ogni modo, potrà proseguire con un lieve allungamento dei tempi inizialmente previsti per accogliere le indicazioni della Soprintendenza e prevedere le necessarie variazioni di progetto».

Al sopralluogo hanno partecipato anche la neo-eletta presidente del Municipio IV Grazia Albergo e il presidente uscente Nicola Acquaviva, che commenta: «
L'obiettivo sarà valorizzare al meglio il ritrovamento e di inserire nella nuova piazza Diaz una testimonianza dello stesso. In ottica di ciò, i lavori del cantiere della piazza subiranno un leggero rallentamento al fine di recepire le indicazioni per la tutela del patrimonio artistico culturale ed effettuare all'occorrenza le variazioni di progetto necessarie».
cantiere piazza diaz a ceglie del campo sopralluogo allinterno della cisternacantiere piazza diaz a ceglie del campo sopralluogo allinterno della cisternacantiere piazza diaz a ceglie del campo sopralluogo allinterno della cisternacantiere piazza diaz a ceglie del campo sopralluogo allinterno della cisterna
  • Giuseppe Galasso
  • soprintendenza ai beni culturali
  • Ceglie del Campo
Altri contenuti a tema
Illuminazione e videosorveglianza nella pineta San Francesco, cantiere al via da ottobre Illuminazione e videosorveglianza nella pineta San Francesco, cantiere al via da ottobre Interventi da 900mila euro su tutta l'area. Galasso: «Interventi che renderanno lo spazio verde frequentabile anche la sera»
Libertà, nuova illuminazione in piazza Risorgimento. Lavori al via da settembre Libertà, nuova illuminazione in piazza Risorgimento. Lavori al via da settembre Un cantiere da 90 giorni e 150mila euro. Galasso: «Maggiore percezione di sicurezza e miglioramento dell'estetica»
Parco Giovanni Paolo II preda dei vandali, arriva la videosorveglianza Parco Giovanni Paolo II preda dei vandali, arriva la videosorveglianza Aggiudicata la gara per telecamere e illuminazione nell'area verde al San Paolo. Galasso: «Lavori partiranno a fine settembre»
Parco 2 Giugno, a fine settembre iniziano i lavori per la nuova illuminazione e la videosorveglianza Parco 2 Giugno, a fine settembre iniziano i lavori per la nuova illuminazione e la videosorveglianza Saranno 269 i nuovi i corpi illuminanti e 30 le telecamere. Galasso: «Questo spazio verde sarà più fruibile e sicuro»
Carbonara, in corso la manutenzione delle basole nelle strade del centro storico Carbonara, in corso la manutenzione delle basole nelle strade del centro storico Galasso: «Purtroppo non sempre sono stati rispettati i divieti di transito. Al termine degli interventi è stato eseguito il lavaggio per eliminare la polvere»
Bari vecchia, la fontana capa di ferro "siamese" in piazza San Marco pronta per il restauro Bari vecchia, la fontana capa di ferro "siamese" in piazza San Marco pronta per il restauro Galasso: «Cinquantanove sono già state ripristinate, saranno ottanta entro la fine dell'anno. Saranno come i "nasoni" di Roma»
Santo Spirito, nuove panchine in piazza San Francesco. Galasso: «Riqualificazione conclusa» Santo Spirito, nuove panchine in piazza San Francesco. Galasso: «Riqualificazione conclusa» I basamenti sono in pietra, con sedute e spalliere in legno. L'assessore: «Scelta la stessa tipologia usata in via Sparano»
Estensione della fogna bianca in viale Di Vittorio, partiti i lavori. Appalto da 230mila euro Estensione della fogna bianca in viale Di Vittorio, partiti i lavori. Appalto da 230mila euro Previste 130 nuove caditoie. Galasso: «Dopo aver risolto i problemi di via Re David adesso ci occupiamo di quest'altra zona a ridosso della chiesa di San Marcello»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.