Antonio Decaro
Antonio Decaro
Politica

Cassa prestanza, Decaro risponde: «Solo bugie per fini elettorali. Io tutelo tutti i dipendenti»

La replica del sindaco alle accuse: «Pensionati hanno avuto quel che gli spetta, non possono pretendere altro. Parlerò con gli iscritti»

Il tema della crisi di Cassa prestanza, il fondo interno ai dipendenti del Comune di Bari, torna prepotentemente al centro del dibattito cittadino. Nel pomeriggio di oggi è stato annunciato l'esposto dei dipendenti pensionati e in servizio alla Procura della Repubblica, di cui si è fatta portavoce la consigliera comunale e candidata sindaco Irma Melini. In mattinata, invece, avevano scagliato l'attacco al sindaco i consiglieri di centrodestra Caradonna, Carrieri e Picaro, che hanno parlato di «Gravissime dichiarazioni del cda di Cassa prestanza nei confronti di Decaro e del presidente della Cassa (il vicesindaco Introna)», annunciando la «Richiesta di una seduta monotematica sul tema, nella quale sono sollecitate - ancora una volta - le immediate dimissioni di Introna e la nomina di un commissario giudiziale che faccia finalmente conoscere i conti dell'ente e faccia luce sulle modalità di gestione delle rilevantissime risorse economiche negli anni amministrate».

Non si è fatta attendere la risposta del destinatario delle pesanti accuse. Decaro in una nota passa al contrattacco: «Ancora una volta assisto, sulla vicenda della Cassa Prestanza, alla fiera delle bugie e delle furbizie - dice il sindaco. Candidati alle prossime elezioni comunali alla ricerca disperata di visibilità. Non si stancano di speculare su un problema drammatico per i dipendenti comunali, convocando ben due conferenze stampa nello stesso giorno. Come al solito non è emersa una sola proposta di soluzione che sia sostenibile sul piano giuridico e finanziario».

Il sindaco ricostruisce la vicenda offrendo la sua versione dei fatti: «Nel 2016 ci è cascato addosso un problema, quello della Cassa prestanza, istituita nel 1924. Problema, per altro posto in modo dirompente dal gruppo del Movimento 5 stelle con un esposto alla procura della Corte dei conti - ricorda il sindaco. Ho cercato di affrontare il problema rispettoso sia delle funzione inquirente della magistratura contabile sia dei tantissimi iscritti alla Cassa, che rischiano addirittura di non veder corrisposto neanche i soldi versati. Tutelare i dipendenti continua ad essere il mio unico obiettivo in questa vicenda. Oggi, invece in conferenza stampa hanno parlato persone che hanno ben altri obiettivi. Da una parte, i politici che cercano qualche voto e non mi scandalizzo. Dall'altra, alcuni pensionati comunali, protestare duramente e rivendicare i loro soldi. Si tratta di ex dipendenti che hanno già ottenuto quanto da loro versato alla Cassa, cioè circa 15.000 € e ne pretendono altri 30.000. Infatti, lo Statuto attuale consente agli ex dipendenti di ottenere anche il 300% di quanto versato. Ma se la Cassa dovesse oggi pagare queste somme (a loro come agli altri pensionati) fallirebbe all'istante, con buona pace dei 1229 dipendenti ancora in servizio che, ovviamente perderebbero tutto. Non credo, per equità e giustizia, che si possa fare una tale pesante discriminazione».

Decaro, poi, ribadisce che «L'obiettivo è restituire le somme versate a tutti, nessuno escluso. A tutti nella stessa proporzione, a condizione di rispettare della legge. Io ho lavorato per raggiungere questo fine, gli altri sono liberi di gridare, sbraitare, minacciare. Per questo – conclude il sindaco -, ancora una volta sceglierò la strada che ho intrapreso dall'inizio, non convocherò una contro conferenza stampa ma chiederò che sia convocata l'assemblea della Cassa di prestanza per parlare con tutti gli iscritti e presentare loro i risultati del lavoro che ho chiesto di predisporre a esperti e professionisti esterni all'amministrazione comunale. Sulle risultanze di questo lavoro chiederò all'assemblea di decidere, ricordando a tutti che le decisioni le prendono gli iscritti alla cassa e non l'amministrazione comunale».
  • Antonio Decaro
  • cassa prestanza
Altri contenuti a tema
«Mi sono distratta e non ho raccolto», e gli agenti in borghese la multano «Mi sono distratta e non ho raccolto», e gli agenti in borghese la multano Succede al Libertà, nella zona della ex Manifattura Tabacchi, dove si è costretti a camminare facendo lo slalom tra i bisogni dei cani
Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Le operazioni sono cominciate la scorsa notte dal lato di via Messapia. La parte centrale sarà montata fra il 10 e l'11 aprile
Bari, prende forma la rotatoria della Fiera. Iniziati i lavori Bari, prende forma la rotatoria della Fiera. Iniziati i lavori Decaro: «Redere più sicura zona molto frequentata e diminuire le emissioni di CO2»
Occupazione di suolo per attività commerciali, c'è l'accordo Comune di Bari-Soprintendenza Occupazione di suolo per attività commerciali, c'è l'accordo Comune di Bari-Soprintendenza Il protocollo prevede l’esatta perimetrazione delle aree di maggior pregio e l’avvio di una «Progettazione unitaria per aree vincolate omogenee»
Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Critiche da parte della consigliera Melini: «Così si espongono i soldi dei baresi a molti più ricorsi di quanti non siano già arrivati»
La giornata dei papà sui social, ecco quello del sindaco di Bari La giornata dei papà sui social, ecco quello del sindaco di Bari Tra volti noti e meno noti anche Decaro fa gli auguri a suo padre
Bari, cantiere di Porta Futuro II allo sprint finale. Decaro: «Lavori conclusi a maggio» Bari, cantiere di Porta Futuro II allo sprint finale. Decaro: «Lavori conclusi a maggio» Questa mattina il sopralluogo con i delegati delle 7 città europee del progetto Urbact. Romano: «Qui un incubatore di idee innovative»
Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Decaro: «Nostra città pronta a valorizzare i suoi immobili più belli per ospitare uno dei momenti più importante della vita»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.