Università di Bari
Università di Bari
Cronaca

Caso di razzismo allo Student center? L'Università chiarisce: «Vigilante convive con ragazza di colore»

Dall'ateneo smentiscono: «In un momento storico così delicato bisogna prestare attenzione ad allarmismi inquietanti»

Ha destato scalpore la notizia di un presunto caso di razzismo all'Università di Bari. L'associazione Link ha, infatti, parlato nella giornata di ieri di un vigilante dello Student center che avrebbe chiesto il documento d'identità a uno studente di colore prima di accedere alle biblioteche, sottolineando l'irritualità del gesto.

Sull'episodio, vero o presunto, verificatosi presso l'ex palazzo delle Poste, ha provato a fare chiarezza la stessa UniBa, che in una nota ricostruisce la dinamica dei fatti. «L'episodio riguarda l'attività di controllo degli accessi alla sala lettura del Palazzo ex Poste svolta da un addetto della ditta appaltatrice della vigilanza. Ad una prima verifica, sembra che il vigilante, in esecuzione di quanto riportato dal capitolato di gara, si sia limitato a svolgere il proprio compito di controllo, senza porre in essere alcuna condotta discriminatoria. Nel caso di specie si è infatti limitato a chiedere se fosse uno studente, come peraltro abitualmente fa con persone sconosciute, di qualunque colore della pelle. Il vigilante ha manifestato dispiacere e stupore per l'accaduto e per come è stato riportato dalla stampa e dai social. Ha inoltre espresso sincero rammarico in considerazione della sua esperienza personale, convivendo con una ragazza di colore».

L'invito, quindi, dell'Università di Bari è a non creare falsi allarmi razzismo. La professoressa Aurora Vimercati, presidente del Comitato unico di garanzia dell'Università di Bari, e la Professoressa Francesca Recchia Luciani, delegata del rettore alle attività universitarie contro le discriminazioni etniche e di genere, avvertono che «In un momento storico così delicato bisogna prestare attenzione ad allarmismi inquietanti. Ricordando che l'Università di Bari ha una lunga tradizione di accoglienza, sottolineano che tale vocazione inclusiva è stata negli ultimi anni coraggiosamente coltivata attraverso una molteplicità di attività, in coerenza con i principi fondamentali richiamati nel suo Statuto dove, tra le finalità perseguite, si fa espresso riferimento al "dialogo e alla interazione tra le culture"».

Il rettore Uricchio, nel richiamare anche lui la tali principi, dalla sua evidenzia che l' Università «Promuove la diffusione di una cultura fondata sui valori fondamentali del rispetto della persona e riconosce e garantisce a tutti uguale dignità e pari opportunità, anche attraverso azioni idonee a rimuovere qualsiasi discriminazione».
  • Università
  • uniba
  • antonio uricchio
  • razzismo
Altri contenuti a tema
Popular music, da lunedì a Bari al via un ciclo di incontri Popular music, da lunedì a Bari al via un ciclo di incontri Gli appuntamenti si svolgeranno nel Dipartimento Leila di Lingue
Giornata mondiale contro il razzismo, a Bari una tre giorni di eventi Giornata mondiale contro il razzismo, a Bari una tre giorni di eventi L'assessorato al Welfare in collaborazione con la rete cittadina propone laboratori, approfondimenti e incontri aperti
Link: «Ecco perché l'università di Bari non è la Bocconi» Link: «Ecco perché l'università di Bari non è la Bocconi» I rappresentanti degli studenti rispondono alla classifica di Anvur sottolineando le criticità del nostro ateneo
Una commissione di esperti premia l'Università di Bari: «Fra le migliori d'Italia» Una commissione di esperti premia l'Università di Bari: «Fra le migliori d'Italia» La "Aldo Moro" è il primo megateneo del Mezzogiorno, a pari merito con Milano e Torino, secondo il rapporto Anvur
Il Miur premia Bari, previsti trentacinque posti per ricercatori di tipo B Il Miur premia Bari, previsti trentacinque posti per ricercatori di tipo B Obiettivo raggiunto grazie al miglioramento della ricerca, all'aumento degli iscritti e al calo dei fuoricorso
Bari, minore di colore multato ingiustamente sul bus Bari, minore di colore multato ingiustamente sul bus La madre: "Abbonamento valido, controllato solo lui". Vulcano Amtab replica: "Se c'è stato un abuso chiederemo scusa. Attendo il ragazzo in azienda"
L'Università di Bari conferisce la laurea ad honorem in Medicina a Michele Mirabella L'Università di Bari conferisce la laurea ad honorem in Medicina a Michele Mirabella Oggi pomeriggio la cerimonia nell'aula magna "De Benedictis" del Policlinico alla presenza del rettore Uricchio
Università di Bari, a Michele Mirabella la laurea honoris causa in Medicina Università di Bari, a Michele Mirabella la laurea honoris causa in Medicina Domani la cerimonia di consegna nell'aula magna De Benedictis del Policlinico
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.