polizia digos
polizia digos
Cronaca

Casi di assenteismo all'Arif, chiuse le indagini su tre dipendenti

I sospetti, secondo la polizia, si servivano di colleghi compiacenti per falsificare le firme di presenza

Nella mattinata di ieri sono stati notificati tre avvisi di conclusioni delle indagini preliminari emessi dalla Procura della Repubblica di Bari nei confronti di altrettante persone – del 1960, del 1964 e del 1988 – due dei quali dipendenti dell'Arif, Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali, ente strumentale della Regione Puglia, il terzo dipendente stagionale in servizio all'Arif durante il periodo estivo.

L'attività di indagine è iniziata sulla base di una denuncia riguardante delle presunte attività illecite commesse da alcuni dipendenti dell'Agenzia nell'esercizio delle loro funzioni e, in particolare, alcuni episodi di assenteismo.

L'attività investigativa delegata dalla Procura della Repubblica alla DIGOS di Bari ha consentito di individuare e raccogliere elementi idonei per deferire alla locale Autorità giudiziaria due dipendenti della stessa agenzia e un uomo, del 1988, già dipendente di un'agenzia di lavoro temporaneo, "somministrato" all'ARIF per lavori stagionali.

Gli uomini della Digos in particolare dopo aver ricevuto la denuncia si sono concentrati sulle attività del più giovane dei tre uomini: gli accertamenti tecnici, i servizi di pedinamento e di appostamento e i sopralluoghi hanno infatti consentito di documentare l'assenza dell'uomo dal posto di lavoro e la falsità delle firme apposte sui cd "fogli presenza".

I tre uomini, secondo l'impostazione accusatoria, pertanto, usando artifizi e raggiri, consistiti nella falsa attestazione da parte degli altri due dipendenti che controfirmavano le "presenze" sul luogo di lavoro inducendo in errore i pubblici funzionari dell'ente preposti al pagamento e determinando un esborso complessivo di alcune migliaia di euro.
  • Procura di Bari
  • digos
  • Arif
Altri contenuti a tema
Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Stessa misura anche proposta per "l'ape regina" Sabina Began e per il pr milanese Peter Faraone
Popolare di Bari, la Procura: «Amministrazione salvò la banca a spese di 70mila azionisti» Popolare di Bari, la Procura: «Amministrazione salvò la banca a spese di 70mila azionisti» L'accusa degli inquirenti: «Sottratti 800 milioni dall'istituto per finanziare impresse fallimentari legate a Jacobini»
Fallimento As Bari calcio, chiesto il processo per gli ex membri del Cda Fallimento As Bari calcio, chiesto il processo per gli ex membri del Cda Rischia di finire davanti ai giudici anche Antonio Matarrese, già presidente della Federcalcio
Stabilizzazione dei dipendenti Arif, revocato lo sciopero del 31 gennaio a Bari Stabilizzazione dei dipendenti Arif, revocato lo sciopero del 31 gennaio a Bari Sindacati soddisfatti dopo l'incontro nella sede della Regione Puglia: «Continueremo a lavorare per abolizione del precariato»
I lavoratori di Arif annunciano lo sciopero, la protesta il 31 gennaio a Bari I lavoratori di Arif annunciano lo sciopero, la protesta il 31 gennaio a Bari Sit-in davanti alla sede della presidenza regionale. Sul tavolo la stabilizzazione del personale a tempo determinato
Bari, chiesto il processo per l'ex giudice Bellomo. Calunnia a Conte fra le accuse Bari, chiesto il processo per l'ex giudice Bellomo. Calunnia a Conte fra le accuse Maltrattamenti ed estorsioni nei confronti di ex borsiste gli altri reati ipotizzati dagli inquirenti
Bari, arresti illustri sulle "gaming machine" grazie alla denuncia di un tabaccaio Bari, arresti illustri sulle "gaming machine" grazie alla denuncia di un tabaccaio Un ruolo determinante viene attribuito a Baldassarre D'Ambrogio e ad altri esponenti dei clan Anemolo, Strisciuglio e Capriati
Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole In manette un 53enne pregiudicato, già in carcere per maltrattamenti sulla nuova compagna. Il corpo fu ritrovato nel 2017
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.