Il presidio di Brsi a Bitritto
Il presidio di Brsi a Bitritto
Scuola e Lavoro

BRSI srl di Bitritto (Bari), 100 lavoratori a rischio

L'azienda ha denunciato in commissione di garanzia le segreterie provinciali di Fiom e Uilm per lo sciopero indetto il 12 maggio

Dalle segreterie provinciali Fiom e Uilm Bari riceviamo e pubblichiamo:

«Abbiamo appreso con sgomento che BRSI srl (Bitritto) ha denunciato in commissione di garanzia le segreterie provinciali di Fiom e Uilm Bari per lo sciopero indetto il giorno 12 maggio. Noi vogliamo restare nel "merito della complessità industriale", dopo anni di cessioni di rami d'azienda e attività connesse si è creata la BRSI srl dove oggi sono confluiti tutti i lavoratori e le lavoratrici. Questa nuova società ha avuto da parte dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali la massima collaborazione e rispetto nella formulazione della nuova azienda e nella disposizione della cessione del ramo d'azienda. Costituita la BRSI (come unica società) abbiamo assistito immediatamente alle richieste scellerate di cancellazione del contratto integrativo, oltre che alla riduzione del 30% del salario dei lavoratori. Al netto di queste fortissime discrepanze contrattuali Fiom e Uilm (Bari) hanno rifiutato immediatamente tale percorso industriale cercando nella collaborazione tra le parti soluzioni disciplinate dai contratti e non dall'arroganza imprenditoriale.

A tale apertura però è corrisposta una reazione aziendale sfociata in un licenziamento collettivo, questo ulteriore "atto di forza dell'azienda" ha generato grandissime pressioni tra azienda, parti sociali e politiche, tensioni che ancora oggi non si placano e che portano danno al business, alle persone e soprattutto alla tenuta occupazionale della società stessa. A tale percorso di sofferenza si è aggiunta la fase pandemica che ha determinato un lungo percorso di cassa integrazione Covid e che ancora oggi (dopo ben 14 mesi) vede nell'azienda non un interlocutore, ma un antagonista. Non è questo il nostro stile e la nostra disciplina , lo hanno dimostrato i lavoratori che ancora oggi, sebbene in cassa integrazione, credono nell'insediamento industriale e nella fiducia verso le istituzioni e le parti sociali.

Citiamo solo alcuni clienti della BRSI (il core business) FERRERO, MIUR, SAIPEM, MOTORIZZAZIONE CIVILE, ACCIAIERIE FALK è evidente che queste commesse sono frutto della professionalità e della competenza messa in campo dai lavoratori. E ci aspettiamo che tale disciplina e professionalità trovi nell'azienda non "barriere e contrapposizioni" ma rispetto reciproco. Al netto di queste contraddizioni in termine di condotta industriale e amministrativa, come FIOM e UILM abbiamo dichiarato e intrapreso un percorso di significative azioni di lotta. È da una settimana che i lavoratori sono in sciopero e "non lo sospenderemo". Non consentiamo a nessuno nel nostro territorio di rispondere alla mera logica del profitto a discapito dei lavoratori e per questo motivo abbiamo chiesto un incontro urgente con il governo regionale e con la task force. È arrivato il tempo di fare chiarezza, di prendere decisioni nel perimetro delle regole e di affermare i principi che regolamentano il mondo del lavoro
».
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Congresso Fim Cisl a Bari, Pascazio confermato segretario Congresso Fim Cisl a Bari, Pascazio confermato segretario La sua elezione è giunta al termine dell’evento il cui claim è stato “Insieme alla guida del Futuro”. 
BRSI a Bitritto verso la chiusura, 92 dipendenti rischiano il posto BRSI a Bitritto verso la chiusura, 92 dipendenti rischiano il posto I sindacati sul piede di guerra: «Siamo di fronte ad un licenziamento mascherato da fusione e trasferimento di sede»
I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» Ad un mese dall'inizio dell'anno scolastico sembrano ancora tanti i nodi da sciogliere per tornare in presenza
Sindacati in piazza a Bari contro il Decreto Sostegni Sindacati in piazza a Bari contro il Decreto Sostegni "L’obiettivo primario è conquistare la proroga della moratoria sui licenziamenti almeno fino al 31 ottobre"
Sindacalista ucciso a Novara, presidio di solidarietà a Bari Sindacalista ucciso a Novara, presidio di solidarietà a Bari A metterlo in atto la Camera del lavoro Autorganizzata - Cobas Bari davanti al Lidl nei pressi del Ponte Adriatico
Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Domani mattina manifestazione davanti al provveditorato regionale in via De Gasperi
Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Qualche mese fa abbassata definitivamente la saracinesca in via Sparano, ora tremano 230 dipendenti
Puglia, i lavoratori dei servizi museali a rischio licenziamento Puglia, i lavoratori dei servizi museali a rischio licenziamento Proclamato lo stato di agitazione, nei prossimi giorni si terranno dei sit-in dinanzi ai siti museali e archeologici
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.