presentazione papa a bari
presentazione papa a bari

Bari si prepara alla visita del papa, già 40mila i biglietti gratuiti distribuiti

Sale l'attesa per la visita del santo padre il 23 febbraio. Il segretario della Cei: «Un incontro dal forte valore sociale»

Cresce l'attesa per la visita di papa Francesco a Bari, in programma domenica 23 febbraio quando il pontefice celebrerà la messa pubblica in piazza Libertà, a partire dalle 10:45. Sono già oltre 40mila i biglietti gratuiti distribuiti ai fedeli per assistere alla funzione religiosa officiata dal santo padre, a chiusura dell'incontro "Mediterraneo frontiera di pace" organizzato dalla Conferenza episcopale italiana (tutte le info sul sito ufficiale dell'evento) a partire dal 19 febbraio.

A Bari converranno sessanta vescovi dai venti paesi che si affacciano sul "Mare nostrum"; è attesa la presenza di oltre 500 volontari e 600 fra religiosi e religiose. Ad assistere alla messa del papa anche il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e il premier Giuseppe Conte. Per il 23 febbraio nel piazzale di San Nicola sarà istituito un punto di accoglienza per il santo padre, con i maxi schermi per assistere all'incontro in basilica prima della messa.«Un incontro improntato all'ascolto e allo stile ecclesiale - dice mons. Stefano Russo, segretario della Cei, nella conferenza stampa tenutasi stamattina a San Nicola. Al centro c'è il tema della pace, un valore cristiano che va trasmesso a chi incontriamo. Il documento finale sarà la sintesi del lavoro che proveremo a fare con i vescovi nelle giornate di Bari; lo consegneremo a Francesco. Fare un incontro del genere ha un significato importante per tutta la società; la pace è il luogo dell'uomo e interessa tutti».

Monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, commenta così l'imminente inizio dei lavori: «Il tema della pace attraversa tutta la storia della salvezza. Il Mediterraneo è stato il mare della pace e dell'armonia, ma oggi rischia di essere un cimitero; questo aiuta a comprendere perché l'incontro di Bari sia ancora una volta l'annuncio dello "shalom" del Signore».

Un momento importante non solo dal punto di vista religioso, ma anche da quello sociale e istituzionale. Non è, infatti, evento frequente che papa e presidente della Repubblica si incontrino fuori da Roma. Un aspetto che sottolinea Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia: «Nel 1980 papa Giovanni Paolo II in visita a Bari cercò di costruire per la Puglia un ruolo preminente nel dialogo ecumenico e per la pace nel Mediterraneo. Poi a Bari sono venuti Benedetto XVI e papa Francesco, già nel 2018. Il fatto che la Cei abbia convocato a Bari le chiese mediterranee è per noi una grande responsabilità ma anche una grande gioia. La presenza del presidente della Repubblica è una cosa straordinaria; sono due personalità che rappresentano la vita di molti italiani e mi riempie di orgoglio averli contemporaneamente a Bari. La Cei lavora in un'ottica dichiaratamente politica: la nostra fede cristiana è pacifica. Non sempre è stato così, ma adesso la Chiesa svolge questo ruolo con chiarezza ed energia grazie a Francesco».

A meno di due anni dall'ultima volta (luglio 2018), Francesco torna a visitare Bari: «La nostra città è palcoscenico di un evento che ha valenza simbolica ed evocativa - dice Antonio Decaro, sindaco di Bari. Il papa torna qui con una preghiera in piazza, alla presenza delle autorità istituzionali del nostro paese. Quando l'ho incontrato con i sindaci italiani ci disse che questo non è il momento di alzare la torre ma di allargare la piazza; il messaggio che ci sta dando in questi giorni sarà una preghiera indirizzata ai potenti del mondo ma anche ai popoli mediterranei. Stiamo organizzando, insieme a Regione, Diocesi e Cei, le attività di accoglienza: sarà una bella giornata nel segno dei valori di tolleranza e pace che sono propri di San Nicola, patrono di Bari».
  • Antonio Decaro
  • Michele Emiliano
  • Francesco Cacucci
  • Papa Francesco
  • basilica di san nicola
Altri contenuti a tema
Bari, al via le uscite dei medici volontari per monitorare situazioni di fragilità Bari, al via le uscite dei medici volontari per monitorare situazioni di fragilità Stamattina la prima "vestizione". Decaro: «Tanti professionisti e cittadini hanno già dato la loro adesione»
Coronavirus, Decaro: «Anche sulle spiagge in estate non si potrà stare vicini» Coronavirus, Decaro: «Anche sulle spiagge in estate non si potrà stare vicini» Il sindaco parla della ripresa dopo la pandemia. Intanto un lido di Bari si attrezza con ombrelloni a distanza di sicurezza
Emergenza Coronavirus, Rotary Bari Castello dona 6mila euro in buoni spesa ai bisognosi Emergenza Coronavirus, Rotary Bari Castello dona 6mila euro in buoni spesa ai bisognosi Decaro: «Tante le realtà cittadine che in questo momento stanno dimostrando la loro solidarietà»
Coronavirus, sei decessi e 21 nuovi positivi in provincia di Bari Coronavirus, sei decessi e 21 nuovi positivi in provincia di Bari I casi di Covid-19 in Puglia salgono a 2.240. Città metropolitana zona più colpita
Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Nella diretta del sindaco il dipendente Amiu contagiato: «Voi che potete, restate a casa»
Emergenza Coronavirus, in Puglia 60mila lavoratori beneficiari di cassa integrazione Emergenza Coronavirus, in Puglia 60mila lavoratori beneficiari di cassa integrazione Sono oltre 16mila le aziende che hanno fatto richiesta alla Regione. Prima tranche da 106 milioni
Coronavirus, venti decessi in Puglia nella giornata di oggi Coronavirus, venti decessi in Puglia nella giornata di oggi Crescono i contagi in provincia di Bari: sono 41 i nuovi casi di positività registrati
Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune I soldi saranno distribuiti ai bisognosi come buoni spesa da consumare nei supermercati del gruppo Megamark
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.