Un bazar cinese a Bari
Un bazar cinese a Bari
Attualità

Bari, negozi cinesi in crisi per il corona virus? Alcuni hanno la soluzione

Casalinghi, abbigliamento e ristoranti puntano sulla pubblicità informativa: "I nostri dipendenti non vanno in Cina da un anno"

Tutti comprano cinese, tutti producono in Cina, tutti ora hanno paura dei prodotti con gli occhi a mandorla. Con la psicosi del corona virus anche l'economia ha frenato. Se n'è accorta anche Bankitalia che ha stimato di perdere un paio di punti di PIL a causa della contrazione del mercato cinese dall'inizio dell'anno. In piccolo quelli che stanno soffrendo di più sono i negozi di quartiere, "il cinese sotto casa", quello che vende dai calzini alle viti, agli articoli da regalo ai detersivi, i bazar insomma. Ce ne sono tanti in diverse zone della città, dal centro alle periferie. A San Pasquale, zona Parco 2 giugno, ce ne sono due abbastanza grandi. In entrambi la clientela è diminuita sebbene chi li gestisce vive a Bari da circa vent'anni (le figlie frequentano le scuole, loro parlano perfettamente in italiano) e frequentano quindi gli stessi posti di tutti i baresi - dalla posta al supermercato, al medico. Non tutti però amano parlarne, molti evitano l'argomento per una sorta di sentimento di emarginazione che da circa un mese inizia a serpeggiare negli ambienti più diversi, da quelli più popolari a quelli più elevati. Per evitare di perdere clientela ecco allora che in molti studiano mosse di contrasto al fenomeno.

Le modalità sono diverse a seconda del settore. Per quanto riguarda i ristoranti, diversi di loro, sia a Bari che in provincia, stanno sfruttando i social come Facebook e Instagram per postare documentazione relativa alla provenienza delle materie prime utilizzate e dimostrare che è tutto Made in Italy. Un ristorante di Mola di Bari ha addirittura reso pubblico un certificato rilasciato dalla Confesercenti in cui si attesta la provenienza del cibo e che tutti i dipendenti non sono andati in Cina nell'ultimo periodo.

Per quanto riguarda, invece, i negozi di abbigliamento o gli ingrossi, anche loro stanno cercando di correre ai ripari prima che il panico possa diventare tale da svuotarli completamente. L'ingrosso MaxCina, presente sulla strada che da Bari conduce a Modugno, ha voluto mettere in chiaro con un cartello che non ci sono pericoli a frequentare il negozio. Oltre a sottolineare che «I prodotti made in China non possono trasmettere il virus e gli oggetti non presentano un rischio diverso rispetto a qualsiasi altro prodotto» hanno voluto, anche loro, precisare che i dipendenti sono italiani o non vanno in Cina da tempo.

Amaro comunque lo sfogo di una commerciante di Triggiano: «Ci fa davvero male vedere delle clienti essere richiamate da altre persone per digli "non entrare sono cinesi" oppure quando camminiamo per strada e la gente ci insulta da dietro per additarci come mostri. Possiamo capire, anche noi abbiamo paura di tutto questo, ma spero soltanto che possiate capire che quelle poche parole razziste fanno davvero male».
  • Commercio
  • Corona virus
Altri contenuti a tema
Fiera del Levante, rinviati due saloni specialistici previsti a marzo Fiera del Levante, rinviati due saloni specialistici previsti a marzo Come misura di prevenzione per il Coronavirus, saltano gli appuntamenti con Externa e Enoliexpo
Primo caso di Coronavirus in Puglia a Taranto Primo caso di Coronavirus in Puglia a Taranto Il soggetto, sembra proveniente da Codogno, è isolato all'ospedale Moscati
"Assalto" ai supermercati, Confesercenti Bari: «Nei negozi di vicinato approvvigionamento costante» "Assalto" ai supermercati, Confesercenti Bari: «Nei negozi di vicinato approvvigionamento costante» L'associazione si esprime a seguito della fobia da Coronavirus: «Invito a fare spesa quotidiana. Importante evitare sprechi alimentari»
Coronavirus, l'appello della Regione Puglia a donare sangue: «Non si rischia contagio» Coronavirus, l'appello della Regione Puglia a donare sangue: «Non si rischia contagio» Imposte solo specifiche restrizioni. Il centro regionale: «Dobbiamo garantire continuità di tutte le attività sanitarie»
Coronavirus, negativi altri 24 test effettuati in Puglia Coronavirus, negativi altri 24 test effettuati in Puglia Emiliano: «Allo stato non risultano contagi nella nostra regione. Campioni arrivati anche dalla Basilicata»
Coronavirus in Puglia, Emiliano: «Non dimentichiamo che è un virus influenzale, seppur imprevedibile» Coronavirus in Puglia, Emiliano: «Non dimentichiamo che è un virus influenzale, seppur imprevedibile» Il presidente fa il punto della situazione. In serata dal Consiglio dei Ministri dovrebbe arrivare l'ordinanza da rispettare a livello nazionale
Emergenza Coronavirus, Conte: «No a chiusura scuola nelle zone non direttamente coinvolte» Emergenza Coronavirus, Conte: «No a chiusura scuola nelle zone non direttamente coinvolte» Il premier in conferenza stampa ha fatto il punto della situazione, nel pomeriggio l'ordinanza completa relativa anche alle regioni senza contagi
Prevenzione Coronavirus, al Tribunale di Bari udienze a porte chiuse Prevenzione Coronavirus, al Tribunale di Bari udienze a porte chiuse Testimoni, avvocati e parti residenti nelle "zone rosse" di Lombardia e Veneto devono dichiararlo
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.