Aula del tribunale
Aula del tribunale
Cronaca

Bari, condannati all'ergastolo per omicidio ora sono liberi

La Cassazione ha ribaltato la sentenza della Corte d'appello nei confronti di due baresi vicini al clan Strisciuglio

Erano stati accusati di aver ammazzato il 29enne Vito Napoli a Bitonto, nel tentativo di eliminare il boss Mimmo Conte - rimasto solo ferito - e di aver poi ucciso a sangue freddo il presunto complice, Giuseppe Dellino, il cui cadavere fu gettato in un pozzo e ritrovato solo 6 anni dopo, ma il processo a loro carico, che aveva portato alla condanna in secondo grado, è tutto da rifare. Possono festeggiare la libertà ritrovata il 30enne bitontino Giuseppe Di Giacomantonio e il barese 33enne Salvatore Ficarelli, dopo la decisione della Corte di Cassazione che ha annullato il processo a loro carico perchè la sentenza di secondo grado si sarebbe limitata a confermare le affermazioni di quella di primo grado senza, sempre secondo i giudici di Cassazione, aver offerto alle parti una vera occasione di discussione.

Per i due pregiudicati, dunque, condannati in primo e secondo grado all'ergastolo e per il 38enne Giosuè Perrelli, che resta in carcere per altri reati di droga, condannato a 30 anni, il processo ricomincia da capo. Secondo quanto accertato dai carabinieri, Di Giacomantonio e Ficarelli il 20 luglio del 2007 avrebbero partecipato, insieme a Giuseppe Ladisa (che si è suicidato in carcere nel 2009) e Giuseppe Dellino all'uccisione di Vito Napoli, anche se il vero obiettivo del raid era Mimmo Conte, colpito solo a una mano. Il timore di Dellino, alla guida della sua auto durante la spedizione, di essere scoperti fu la causa della sua condanna a morte, eseguita, secondo i Carabinieri, proprio dai suoi presunti complici che l'avrebbero prima tenuto nascosto alcuni giorni in una casa tra Triggiano e Noicattaro, poi trasferito in un casolare nelle campagne di Bitonto e qui ucciso con un colpo alla testa. Il suo cadavere, occultato in un pozzo, verrà ritrovato fortuitamente solo il 13 luglio del 2013, in rustico abbandonato nei pressi della chiesa della Madonna delle Grazie sulla via per Palombaio.

I responsabili furono arrestati nel 2013 per ordine della DIA, processati e condannati in primo grado nel 2016 e in secondo nel 2018, dopo che furono individuati anche i moventi e i mandanti, tutti legati al clan Strisciuglio di Bari.
Adesso però si riparte da zero.
  • Tribunale
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Tribunale di Bari, il detenuto perde le staffe durante l'udienza. Sei agenti in ospedale Tribunale di Bari, il detenuto perde le staffe durante l'udienza. Sei agenti in ospedale La denuncia del sindacato di polizia penitenziaria: «Non siamo carne da macello per i carcerati»
Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino La Corte d'assise d'appello di Bari non concede le attenuanti dopo la parziale confessione
Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Nella stessa sentenza 4 anni alla madre, i bambini all'epoca dei fatti avevano un'età compresa tra 7 e 10 anni
Omicidio Vessio a Enziteto nel 2014, condannato a 10 anni l'assassino Omicidio Vessio a Enziteto nel 2014, condannato a 10 anni l'assassino Durante il processo con rito abbreviato è stata riconosciuta l'aggravante mafiosa al clan Strisciuglio. Fondamentali le dichiarazioni dei pentiti
Uccise l'ex compagna e nascose il corpo nell'armadio, condannato a 22 anni Uccise l'ex compagna e nascose il corpo nell'armadio, condannato a 22 anni I fatti risalgono al 2017. Il cadavere venne ritrovato avvolto in un telo di chellophane e in un tappeto
Calcioscommesse, assolti gli ex capi ultras del Bari. Non minacciarono i calciatori Calcioscommesse, assolti gli ex capi ultras del Bari. Non minacciarono i calciatori Erano accusati di aver fatto pressioni su alcuni elementi della squadra 2010/2011 per ricavare soldi dalle combine
Con un pugno causò la morte di un uomo, pena ridotta a tre anni con l'indulto Con un pugno causò la morte di un uomo, pena ridotta a tre anni con l'indulto Il responsabile ha visto dimezzata la sua condanna per i fatti accaduti in piazza Umberto il 21 luglio 2005
Bimba morì per un problema cardiaco non diagnosticato, chiesti i danni ad Asl Bari Bimba morì per un problema cardiaco non diagnosticato, chiesti i danni ad Asl Bari Il fatto risale a quindici anni fa. In corso il processo, si attende la decisione da parte del Tribunale dopo la perizia medico-legale
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.