L'operazione Gaming Machine a Bari
L'operazione Gaming Machine a Bari
Cronaca

Bari, arresti illustri sulle "gaming machine" grazie alla denuncia di un tabaccaio

Un ruolo determinante viene attribuito a Baldassarre D'Ambrogio e ad altri esponenti dei clan Anemolo, Strisciuglio e Capriati

Carcere e arresti per 36 soggetti intercettati dall'operazione Gaming Machine. Tra gli arrestati un ruolo determinante viene attribuito al imprenditore nel settore del gioco Baldassarre D'Ambrogio detto "Dario" nonché a diverse appartenenti a storiche organizzazioni criminali della città di Bari quali gli Anemolo gli Strisciuglio e i Capriati. L'indagine è scaturita da una coraggiosa denuncia per usura ed estorsione sporta da un piccolo imprenditore barese titolare di una rivendita di tabacchi. Il focus investigativo avviato sulla attività di noleggio degli apparecchi da intrattenimento da parte del D'Ambrogio ha consentito di acclarare come il contesto denunciato dal tabaccaio non rappresentasse affatto un caso isolato. Le indagini durate oltre due anni hanno permesso di svelare un più ampio e diffuso sistema di malaffare esistente nella città di Bari, e nei paesi limitrofi, finalizzato all'imposizione del noleggio delle apparecchiature da intrattenimento da società riconducibili al d'ambrogio presso esercizi commerciali realizzato anche mediante sodalizi criminali sui rispettivi territori di riferimento. Le indagini durate oltre 2 anni hanno permesso di svelare un più ampio diffuso sistema di malaffare esistente nella città di Bari e nei paesi limitrofi. Dalle indagini è emerso che il clan Strisciuglio nel 2012 avrebbe acquistato le quote di due sale da gioco a Bari sottoscrivendo con il venditore due contratti di compravendita delle relative quote sociali per un corrispettivo dichiarato di 50 mila euro, che le indagini hanno quantificato in oltre 430 mila euro, versati con cadenza mensile in quote frazionate di 22 mila e 500 euro. Inoltre sono stati sequestrati beni appartenenti agli indagati per un valore complessivo superiore a 7,5 milioni di euro.
  • Procura di Bari
Altri contenuti a tema
Presunte speculazioni sulle mascherine, perquisizioni in un'azienda di Bari Presunte speculazioni sulle mascherine, perquisizioni in un'azienda di Bari Si allarga l'inchiesta della magistratura sul rincaro del costo dei dispositivi di protezione individuale
Decreto Coronavirus, quasi 2mila le denunce in provincia di Bari Decreto Coronavirus, quasi 2mila le denunce in provincia di Bari Dalla Procura decine di richieste di condanna penale per chi ha violato le restrizioni
Fake news sul Coronavirus, Procura di Bari indaga su un falso decreto Fake news sul Coronavirus, Procura di Bari indaga su un falso decreto Nel mirino dei pm un provvedimento del Ministero della Salute non vero. Fascicolo a carico di ignoti
Accuse sessiste a Melini, Colella presenta un esposto in Procura Accuse sessiste a Melini, Colella presenta un esposto in Procura L'ex consigliere pentastellato dichiarato non colpevole lo scorso 3 marzo chiede di andare fino in fondo
2 Crac Ferrovie Sud Est, Procura di Bari chiede il processo per gli ex vertici di Bnl Crac Ferrovie Sud Est, Procura di Bari chiede il processo per gli ex vertici di Bnl Tra i reati contestati anche la bancarotta fraudolenta impropria
Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Stessa misura anche proposta per "l'ape regina" Sabina Began e per il pr milanese Peter Faraone
Popolare di Bari, la Procura: «Amministrazione salvò la banca a spese di 70mila azionisti» Popolare di Bari, la Procura: «Amministrazione salvò la banca a spese di 70mila azionisti» L'accusa degli inquirenti: «Sottratti 800 milioni dall'istituto per finanziare impresse fallimentari legate a Jacobini»
Fallimento As Bari calcio, chiesto il processo per gli ex membri del Cda Fallimento As Bari calcio, chiesto il processo per gli ex membri del Cda Rischia di finire davanti ai giudici anche Antonio Matarrese, già presidente della Federcalcio
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.