avviciniamoci asl bari
avviciniamoci asl bari
Attualità

“Avviciniamoci”, più semplice accedere a visite ed esami: la ASL Bari lancia i nuovi percorsi di tutela

Attivati due numeri telefonici dedicati alla disabilità grave e alle patologie oncologiche

Accedere a visite ed esami nei tempi giusti e con modalità facilitate, qualora il Cup non riesca a garantirli. Soluzioni mirate per affrontare un sistema complesso: è quanto intende offrire la ASL Bari con il progetto "Avviciniamoci", percorsi di tutela pensato per offrire risposte più vicine ai bisogni sanitari della popolazione, in linea con quanto stabilito dal Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa.

Chiaro l'obiettivo e ben definiti i primi destinatari: l'area della disabilità grave e quella delle patologie oncologiche. Si accede attraverso due distinti numeri telefonici dedicati. Alle persone con disabilità grave sarà garantito (tramite il numero 080-5849090) l'accesso a visite ed esami attraverso un'organizzazione centralizzata che ne favorirà l'erogazione nella struttura più vicina al loro domicilio (anche eventualmente raggruppando prestazioni diverse in un'unica giornata).

Alle persone con patologia oncologica, che non abbiano ottenuto risposte dal sistema di presa in carico per la programmazione degli esami propedeutici alla visita di controllo e follow up, il team dedicato (numero 080-5849080) assicurerà le prenotazioni necessarie e strettamente inerenti alla patologia oncologica, nel rispetto dei tempi previsti dal codice di priorità.

Entrambe le modalità di accesso possono essere attivate ogniqualvolta non si riesca ad ottenere soddisfazione dagli ordinari canali di prenotazione di visite ed esami attraverso il sistema CUP, sia esso fisico (sportelli), telefonico (numero verde 800 345477) oppure online (il portale della Salute, la APP PugliaSalute).

L'avvio del nuovo servizio, attivo proprio da oggi, è stato presentato stamane nella sede della Direzione generale ASL Bari dal Direttore generale, Antonio Sanguedolce, dalla Responsabile Unica Liste d'Attesa (RULA), Gaetana Pagano, e da Caterina Morcavallo, dirigente medico in staff alla Direzione generale, che hanno studiato e messo a punto il percorso.

La parte operativa del servizio è gestita da un'équipe infermieristica dedicata interamente a tale attività. Le infermiere si occuperanno della presa in carico dei singoli casi, valutandone i requisiti d'accesso e organizzando le prenotazioni delle prestazioni sanitarie, con un contatto che non si esaurisce necessariamente nella prima chiamata ma diviene dialogo costante sino al corretto e completo soddisfacimento del bisogno.
«L'obiettivo fondamentale dei percorsi di tutela – ha spiegato il Direttore generale Sanguedolce – è quello di avvicinare i servizi della ASL ai cittadini, rimuovendo tutti gli ostacoli che essi potrebbero incontrare nel loro percorso di cura e accompagnarli durante ogni passaggio. Il tema delle liste d'attesa non si risolve con la bacchetta magica, ma bisogna lavorarci costantemente passo dopo passo. Oggi mettiamo un ulteriore mattone nel sistema che ci permette di dare una risposta immediata ai cittadini attraverso il contatto diretto con i nostri operatori sanitari».

Requisiti per poter accedere ai percorsi di tutela:

1. Utenti con disabilità grave ai sensi art. 3, comma 3, Legge 104/92, in possesso del certificato di accertamento della condizione emesso dalla commissione medica presso la ASL di cui all'art. 4 della Legge 104/92. Le prestazioni devono essere riportate esclusivamente su ricetta dematerializzata.
2. Utenti con patologia oncologica e in possesso del codice di esenzione 048; le prestazioni che possono essere gestite attraverso questo percorso devono essere inerenti alla patologia oncologica ed essere del tipo: esami di controllo intra-terapia e post-terapia oncologica, oppure follow-up; le prestazioni devono essere riportate esclusivamente su ricetta dematerializzata.

Quando ci si può rivolgere al servizio?

1. Se attraverso i consueti canali prenotativi messi a disposizione dalla ASL (presso sportelli CUP, farmaCUP, call center, portale etc.…) l'utente con disabilità grave non ha ancora trovato disponibilità rispondenti agli ambiti territoriali di garanzia, può chiedere di accedere al percorso di tutela dedicato.
2. Se attraverso i consueti canali prenotativi messi a disposizione dalla ASL (presso sportelli CUP, call center, portale etc.…) l'utente con codice di esenzione 048 non ha trovato disponibilità nei tempi dettati dalla necessità di eseguire visite di controllo/follow-up già programmate dallo specialista, o se il paziente non è ancora stato preso in carico dallo specialista per l'organizzazione degli esami di controllo/follow-up inerenti alla patologia oncologica, può chiedere di accedere al percorso di tutela dedicato.


Come si accede al Percorso di tutela?

1. L'utente con disabilità grave può telefonare al numero 080-5849090 attivo dal lunedì al venerdì mattina dalle ore 10:00 alle ore 12:00. Un team dedicato raccoglierà tutte le informazioni necessarie per gestire la richiesta.
2. L'utente con codice di esenzione 048 può telefonare al numero 080-5849080 attivo dal lunedì al venerdì mattina dalle ore 10:00 alle ore 12:00. Un team dedicato raccoglierà tutte le informazioni necessarie per gestire la richiesta nel rispetto dei tempi previsti dal codice di priorità.
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Supporto psicologico per gli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Bari Supporto psicologico per gli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Bari La ASL ha rinnovato il progetto a sostegno del personale spesso colpito da stress lavoro-correlato
Problemi costanti al CUP di Santo Spirito, Picaro rassicura l'utenza Problemi costanti al CUP di Santo Spirito, Picaro rassicura l'utenza Interlocuzione del consigliere regionale con il direttore ASL Sanguedolce
ASL Bari e Teatro pubblico pugliese insieme per un progetto sul GAP ASL Bari e Teatro pubblico pugliese insieme per un progetto sul GAP La presentazione avverrà alle ore 10 di questa mattina
Asl Bari, screening oncologici: mammografie quasi raddoppiate in un anno Asl Bari, screening oncologici: mammografie quasi raddoppiate in un anno Il 2023 si è concluso con una straordinaria performance nei programmi di prevenzione
I colori sopra il grigio: così 20 ragazzi hanno “riacceso” i muri del Centro Colli Grisoni I colori sopra il grigio: così 20 ragazzi hanno “riacceso” i muri del Centro Colli Grisoni A Bari il progetto "Extramurale-s": la cura passa anche attraverso la creatività
ASL Bari, rimosso un liposarcoma ad origine dal retroperitoneo ASL Bari, rimosso un liposarcoma ad origine dal retroperitoneo Intervento dell'équipe di Chirurgia Generale ad indirizzo oncologico diretta dal dottor Aurelio Costa su una donna di 66 anni
ASL Bari, il 2023 del servizio 118: 96mila emergenze e più di 5mila codici rossi ASL Bari, il 2023 del servizio 118: 96mila emergenze e più di 5mila codici rossi 864 operatori impiegati, tra medici, infermieri, autisti e soccorritori. Rinnovato completamente il parco mezzi: 55 ambulanze e 10 automediche ibride nuove
Giuseppe è il primo nato nel 2024 a Bari, è venuto al mondo 46 minuti dopo mezzanotte Giuseppe è il primo nato nel 2024 a Bari, è venuto al mondo 46 minuti dopo mezzanotte Sono state otto le nascite nella notte al Di Venere, al Policlinico la prima è stata una femminuccia dopo le 7
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.