Don Vito Piccinonna
Don Vito Piccinonna
Attualità

Aumentano a Bari i cittadini che si rivolgono alla Caritas. Intervista a Don Vito Piccinonna

Il direttore: "Necessario che le politiche di welfare vadano sempre più a braccetto con le politiche urbanistiche e con quelle lavorative"

La Caritas di Bari-Bitonto è costituita dalle 126 parrocchie presenti su un territorio comprendente la Città di Bari e 22 paesi. Negli ultimi tempi ha registrato un aumento del 50% dei beneficiari che si rivolgono ai centri di ascolto parrocchiali. Le Richieste più comuni riguardano beni e servizi materiali (86%), pagamento delle utenze domestiche (72%), lavoro (66%), sussidi economici (59%), assistenza sanitaria (36%). Ne abbiamo parlato con Don Vito Piccinonna, direttore della Caritas di Bari-Bitonto

Qual è attualmente la situazione a Bari? Che tipo di servizi offre la Caritas alle persone in difficoltà?

Le parrocchie con i loro parroci e i centri di ascolto sono il primo presidio di prossimità e di vicinanza ove la prima carità che si dona è fatta dalla relazione, dal sentirsi riconosciuti e chiamati spesso per nome in una società che tende a massificare i volti e le storie. Le parrocchie non separano le persone. per cui l'essere e il fare comunità è la prima risorsa che tante persone possono vivere e sperimentare. Sovente si viene incontro con spazi e tempi di relazione, ci si avvale della possibilità di ricevere degli alimenti, si può venire incontro al pagamento di alcune utenze. Molte parrocchie hanno anche dei doposcuola per i bimbi più in difficoltà. Accanto alle parrocchie ci sono diversi servizi della Caritas diocesana che vanno dal centro di ascolto e l'osservatorio delle povertà e delle risorse, l'accoglienza per le persone senza dimora e i padri separati, l'accoglienza di nuclei famigliari provenienti con i corridoi umanitari e universitari; pensiamo anche all'attenzione che con altre realtà abbiamo messo su per l'emporio della salute col fornire farmaci per persone e famiglie in difficoltà. Si pensi all'impegno quotidiano delle mense diffuse sul territorio diocesano (12 su Bari e 3 in altri paesi della diocesi). Sono da aggiungere progetti ricavati dall'8x1000 che di anno in anno permettono delle attenzioni particolari. In questo anno la ludopatia è al centro di un progetto "Riprendi_Te". A tutto questo si aggiunga anche l'impegno di altre realtà di ispirazione cattolica come pure l'impegno delle Fondazioni presenti sul territorio diocesano: la Fondazione Antiusura, la Fondazione Giovanni Paolo ll (particolarmente impegnata su dimensione famiglia ed educazione) e la Fondazione SS. Medici su Bitonto (impegnata dal punto di vista assistenziale e sanitario).

Che tipo di attività avete previsto per i senza tetto e i senza dimora a Bari?

La Caritas attualmente attraverso una cooperativa accoglie in via Curzio dei Mille a Bari persone senza dimora, uomini, e continua a coordinare le mense presenti su tutto il territorio che fanno capo a parrocchie e istituti religiosi. Sebbene sia grave la situazione di queste persone, siamo invitati a non chiudere gli occhi anche sulle altre tantissime povertà che riguardano tante altre fasce di persone. Non dobbiamo chiudere gli occhi sul dramma delle persone con disabilità e le loro famiglie, spesso lasciate sole, come pure non possiamo sottacere quella che durante il Covid è apparsa con i suoi toni drammatici relativamente alla povertà educativa. Sentiamo necessario che le politiche di welfare a tutti i livelli vadano sempre più a braccetto con le politiche urbanistiche e con quelle lavorative, ricordando che il lavoro è necessario per la dignità delle persone. Questo tempo non ha bisogno di elemosine ma di una solidarietà lunga.

Farete dei pranzi o delle cene solidali durante le feste di Natale?

I poveri non mangiano solo a Natale. Confesso che il buonismo natalizio mi ha un po' stancato in questi anni. Le realtà caritative mettono quotidianamente il loro impegno e la loro generosità a disposizione di chi non ha nulla. Ovviamente anche a Natale. Ma non solo a Natale.

Per i dormitori ci sono regole diverse a causa del Covid?

Ovviamente sì. Sentiamo importante proteggere e accompagnare. Sono state previste dal Comune di Bari delle regole condivise tra tutti i luoghi di accoglienza ed è più che giusto poterli osservare al meglio per il bene di queste persone e della città in cui vivono.

Che periodo è il natale per le persone seguite dalla Caritas?

Un Natale difficile perché se già per tutti il futuro appare a tratti confuso e con contorni non ben delineati questo vale ancor di più per chi fa più fatica. Ed è proprio per questo che serve un balzo in avanti e comunitario da parte delle nostre città. Non va lasciato nessuno indietro. C'è tanta paura da parte di chi non ce la fa e spesso molta indifferenza da parte di chi potrebbe fare di più. Occorre una scelta comunitaria di bene e di prossimità, di inclusione, in vista di uno sviluppo integrale delle persone, di ciascuna e di tutte. Nessuna esclusa.

  • Welfare
Altri contenuti a tema
Screening gratuiti dell'udito, al via il 23 maggio a Bari Screening gratuiti dell'udito, al via il 23 maggio a Bari Iniziativa dell'assessorato al Welfare con istituto acustico Maico e progetto Sciam
A Bari arriva la "Casa del dopo di noi", programma di sostegno alle persone con disabilità A Bari arriva la "Casa del dopo di noi", programma di sostegno alle persone con disabilità Il Comune ha pubblicato il bando per l'erogazione dei fondi per oltre 620 mila euro
Comune di Bari, l'appello ai cittadini: «Donate 5x100 a interventi contro disagio giovanile» Comune di Bari, l'appello ai cittadini: «Donate 5x100 a interventi contro disagio giovanile» L'assessorato al Welfare chiede un aiuto anche per azioni di promozione della salute mentale
Prevenzione e benessere, Bari apre i battenti la nuova "Casa della salute dei bambini", Prevenzione e benessere, Bari apre i battenti la nuova "Casa della salute dei bambini", A Carrassi un servizio gratuito e aperto a tutta la città. Un sostegno alle famiglie in difficoltà economiche
Emergenza Ucraina, pubblicati elenchi di interpreti e mediatori culturali Emergenza Ucraina, pubblicati elenchi di interpreti e mediatori culturali Figure che faciliteranno l'accesso dei profughi agli sportelli di accoglienza dell'assessorato al Welfare
"Sciam", in via Calefati un emporio sociale e servizio di prevenzione per la terza età "Sciam", in via Calefati un emporio sociale e servizio di prevenzione per la terza età Il progetto mira a offrire percorsi di accesso alle cure rivolti a persone di età superiore ai 65 anni
Emergenza Ucraina, a Bari si cercano strutture ricettive per accogliere i profughi Emergenza Ucraina, a Bari si cercano strutture ricettive per accogliere i profughi Online l'avviso pubblico dopo l'accordo quadro tra Regione Puglia e le associazioni di categoria
"Noi di una certa età", via al programma per il contrasto alla solitudine degli anziani "Noi di una certa età", via al programma per il contrasto alla solitudine degli anziani L'iniziativa è dell'Opera Don Guanella, finanziata dall'assessorato comunale al Welfare con 31.450 euro
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.