antonio decaro. <span>Foto anci</span>
antonio decaro. Foto anci
Politica

Assemblea Anci, Decaro: «Per battere il virus le istituzioni siano unite»

Il presidente dell'associazione comuni e sindaco di Bari: «Ripartiamo chiedendo scusa per le nostre mancanze»

«I cittadini possono sconfiggere il virus stando distanti, ma per noi istituzioni l'unica possibilità di sconfiggerlo è stare uniti. Senza distinzioni politiche, ideologiche, territoriali». Lo ha detto il presidente dell'Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, aprendo l'assemblea nazionale dell'associazione.

«Lo dobbiamo a noi stessi, ai nostri figli, al nostro Paese. Ma lo dobbiamo ancora di più – ha sottolineato Decaro - a medici, infermieri, operatori sanitari e volontari che in questi mesi stanno dando al nostro Paese la loro vita, mostrandoci ogni giorno, dietro le tute ingombranti e le mascherine asfissianti, il significato delle parole: sacrificio, dedizione, professionalità e responsabilità».

«Spesso - ha insistito Decaro richiamando tutti alla responsabilità e all'unità - sembriamo tutti come Penelope, perché nel continuo gioco di rimpalli e scarica barile, ciò che di giorno a fatica riusciamo a costruire, di notte ci affrettiamo a demolire. Così la nostra irresponsabilità e i nostri egoismi, i nostri tatticismi, le nostre polemiche, la nostra ossessiva ricerca di un effimero consenso, demoliscono gli sforzi e il lavoro che si compiono negli ospedali, nei laboratori di ricerca, nelle case e nelle vite di quelle persone che da febbraio scorso sono chiamate a rinunce e sacrifici».

Decaro cita Antonio Gramsci e sprona tutti ad «Avere la forza e il coraggio di essere protagonisti della ripartenza dell'Italia». Chiudendo il suo intervento alla 37esima assemblea nazionale dei sindaci, Antonio Decaro auspica «Un rinnovato spirito di comunità e solidarietà» e invita i colleghi a ripartire «Chiedendo scusa, umilmente, per le nostre mancanze, diventando, noi per primi nella nostra azione quotidiana, esempio per tutti quei cittadini che oggi hanno paura e non hanno fiducia nel futuro di questo Paese».

Il presidente dell'Anci invita dunque a chiedere «Scusa a tutti i medici e al personale sanitario se non abbiamo una risposta all'altezza dei loro turni massacranti e della loro stanchezza, a tutti ai bambini e alle bambine delle scuole italiane, e alle loro famiglie, se li abbiamo costretti a scegliere tra due diritti fondamentali e inalienabili, come quello all'istruzione e quello alla salute, ai malati, costretti a vivere un doppio dolore, quello della malattia e quello, a volte peggiore, della separazione dai propri affetti, agli imprenditori. Chiediamo scusa noi sindaci, a nome di tutta la classe dirigente italiana. Perché siamo abituati a prenderci anche le responsabilità di altri. Chiediamo scusa – insiste - perché non ci siamo mostrati adeguati a fronteggiare questa maledetta pandemia».

Questa – avverte Decaro – «Non è una resa. La nostra non è una sconfitta. L'Italia non si arrenderà. Tornerà l'Italia. E sarà più bella e più forte di prima. Noi ce la stiamo mettendo tutta».
  • Antonio Decaro
  • anci
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, calano i positivi in Puglia: sono 554 su novemila tamponi analizzati Covid, calano i positivi in Puglia: sono 554 su novemila tamponi analizzati Registrati 31 decessi
Bari, tamponi rapidi gratuiti nella stazione centrale Bari, tamponi rapidi gratuiti nella stazione centrale Il servizio è offerto dalla Croce Rossa italiana e sarà attivo a partire dal 15 maggio
Covid, sono 615 i nuovi casi positivi in Puglia Covid, sono 615 i nuovi casi positivi in Puglia Registrati 209 contagi in provincia di Bari, 36 i decessi
Puglia, cala la pressione sulle terapie intensive: occupato il 29% dei posti disponibili Puglia, cala la pressione sulle terapie intensive: occupato il 29% dei posti disponibili Migliorata la situazione anche nei reparti di Malattie infettive e pneumologia, dove l’occupazione dei posti letto da parte di pazienti positivi al Covid è del 36%
Continua a scendere il numero dei nuovi casi Covid in Puglia, sono 648 su oltre 11mila test Continua a scendere il numero dei nuovi casi Covid in Puglia, sono 648 su oltre 11mila test In provincia di Bari i positivi registrati oggi sono 213, il totale dei decessi è pari a 24. I ricoverati sono 1.542
Covid, in Puglia 247 nuovi positivi: più di quattromila tamponi analizzati Covid, in Puglia 247 nuovi positivi: più di quattromila tamponi analizzati Trentadue nuovi contagi in provincia di Bari
Anniversario della morte di Moro e Impastato, Decaro: «Due uomini che non si sono arresi» Anniversario della morte di Moro e Impastato, Decaro: «Due uomini che non si sono arresi» Il primo cittadino ha presenziato ad un cerimonia in memoria del politico ucciso dalle Brigate Rosse
Bollettino Covid, in Puglia 646 nuovi casi su 8.631 test Bollettino Covid, in Puglia 646 nuovi casi su 8.631 test Sono 229 i nuovi positivi in provincia di Bari, mentre sono 25 i decessi odierni
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.