capaci
capaci
Attualità

Anniversario della strage di Capaci, Emiliano: «Falcone e Livatino persone meravigliose»

Il presidente della Regione Puglia ricorda i suoi inizi da magistrato ad Agrigento. Oggi un lenzuolo bianco esposto sulla facciata dei municipi italiani

Era il 23 maggio 1992 quando un attentato ordito da Cosa nostra uccise il magistrato antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo, provocando il ferimento di altre 23 persone. Una bomba piazzata dall'organizzazione mafiosa siciliana fece saltare un intero tratto dell'autostrada A29 alle 17:52, in territorio di Capaci.

A ricordare la figura di Giovanni Falcone e di tutte le persone morte a causa della mafia è il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che in un post su Facebook parla delle sue memorie di Giovanni Falcone e di Rosario Livatino, anch'egli ucciso dalla criminalità organizzata. «Nel giorno dell'anniversario della morte di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti della scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo il mio pensiero va indietro nel tempo quando, giovanissimo magistrato, mi fu assegnata come prima sede la Procura di Agrigento - scrive Emiliani. Lì ho avuto l'onore di conoscere Giovanni Falcone e di lavorare al fianco di Rosario Livatino che era il sostituto procuratore che mi ha insegnato il mestiere. Erano persone anche umanamente meravigliose, non dovete immaginarli come distaccati e severi, erano persone meravigliose anche nel tratto privato. Io ero un giovanissimo magistrato che non aveva neanche il coraggio di parlare davanti a Falcone e lui invece si dedicava a noi con grande attenzione perché sapeva che il futuro della lotta alla mafia camminava sulle gambe dei giovani magistrati che allora arrivavano in Sicilia».

Emiliano, poi, rende omaggio alle figure di Antonio Montinaro e Rocco Dicillo, agenti della scorta di origine pugliese: «Proprio in questa giornata particolare noi vogliamo ribadire con forza che la lotta alla mafia e alla illegalità deve continuare ad essere parte integrante della nostra scelta civile. Nei prossimi giorni si terrà un vertice, richiesto da me, con tutti i prefetti e i procuratori distrettuali antimafia per valutare quello che sta accadendo. È chiaro che se qualcuno pensa di colpirci alle spalle, non solo a Capaci ma anche approfittando di una pandemia, la pagherà cara come l'hanno pagata cara dopo questo vigliacco attentato. Il 23 maggio è un giorno nel quale tutti insieme dobbiamo fare memoria della grandezza dei servitori dello Stato che, questa volta, erano medici, infermieri, operatori sanitari, allora furono poliziotti. Voglio ricordare, infine, che ben due dei componenti della scorta erano pugliesi: Antonio Montinaro e Rocco Dicillo. E poi c'era Vito Schifani, la cui vedova parlava nel Duomo di Palermo. Noi rivendichiamo con grande orgoglio la pugliesità di questi due nostri ragazzi».

Per la giornata di oggi, l'Associazione nazionale comuni italiani ha organizzato un flash mob in ricordo di Falcone e dei morti di Capaci. «Il 23 maggio esponiamo dai balconi delle nostre case e dai palazzi comunali un lenzuolo bianco per ricordare le vittime della strage di Capaci e il sacrificio di donne e uomini dello Stato che hanno combattutto e combattono ogni giorno le mafie», dice Antonio Decaro, presidente Anci e sindaco di Bari.
  • Antonio Decaro
  • Michele Emiliano
  • antimafia
  • anci
  • mafia
Altri contenuti a tema
Estorsioni, rapina e lesioni, arresti tra Bari e Putignano Estorsioni, rapina e lesioni, arresti tra Bari e Putignano Le indagini hanno permesso di documentare le diversie azioni compiute, da maggio a ottobre dello scorso anno
Decaro annuncia il restyling del lungomare di Santo Spirito: «Lavori entro l'anno» Decaro annuncia il restyling del lungomare di Santo Spirito: «Lavori entro l'anno» Non mancano però le polemiche sull'attuale situazione del traffico e dei parcheggi
Scuola in Puglia, Emiliano: «Tutti in DDI, per andare in presenza richiesta formale» Scuola in Puglia, Emiliano: «Tutti in DDI, per andare in presenza richiesta formale» Il presidente della Regione Emiliano chiarisce il testo dell'ordinanza emessa ieri
Bari, arrestati dieci affiliati al clan di Cosola, pene per oltre 60 anni di reclusione Bari, arrestati dieci affiliati al clan di Cosola, pene per oltre 60 anni di reclusione Sono stati riconosciuti colpevoli definitivamente, a vario titolo, dei delitti di “associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, coercizione elettorale in concorso"
Ex Socrate a Bari, dopo l'incendio il sit-in e l'incontro con Decaro Ex Socrate a Bari, dopo l'incendio il sit-in e l'incontro con Decaro Dal Comune parlano di: «Massima disponibilità ai soggetti presenti all’incontro e alle associazioni coinvolte per riattivare un tavolo di co–progettazione»
Provincia di Bari, interdittiva antimafia per imprenditore caseario Provincia di Bari, interdittiva antimafia per imprenditore caseario I due soci dell'azienda, sembrerebbe legati al clan Parisi, avrebbero anche minacciato di ritorsioni fisiche un rivenditore di prodotti caseari
Covid, domani a Bari parte la campagna vaccinale. Decaro: «Spero lo facciano tutti» Covid, domani a Bari parte la campagna vaccinale. Decaro: «Spero lo facciano tutti» In mattinata sono previste al Policlinico le prime 505 dosi che saranno distribuite in Puglia. Il sindaco: «La nostra città avrà una luce speciale»
Covid, salgono a due i casi con variante inglese in Puglia Covid, salgono a due i casi con variante inglese in Puglia Il 21 e 22 dicembre sono stati analizzati i tamponi delle due pazienti rientrate dal Regno unito e trovate positive
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.