Ospedale San Paolo
Ospedale San Paolo
Servizi sociali

A cinque ospedali della ASL Bari assegnati i Bollini rosa dalla Fondazione Onda  

Riconoscimento per i centri che si distinguono per i servizi sanitari dedicati all’universo femminile

Gli Ospedali della ASL di Bari sono sempre più a misura di donna. Quest'anno sono cinque i presidi ospedalieri premiati con i "Bollini rosa" dalla Fondazione Onda per il biennio 2024-2025: anche l'ospedale San Giacomo di Monopoli ha ottenuto il prestigioso riconoscimento a livello nazionale, e insieme a San Paolo, Di Venere, Perinei, e Umberto I di Corato, entra nella rete dei 367 ospedali italiani che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, ma anche quelle che riguardano trasversalmente uomini e donne in ottica di genere.

La cerimonia di premiazione è avvenuta oggi a Roma dove, a ritirare il riconoscimento per l'Ospedale San Giacomo, a cui sono andati ben due bollini rosa, è intervenuta Chiara Priolo, assistente sociale, in rappresentanza della direzione medica di presidio. Nel dettaglio sono complessivamente nove i "bollini rosa", assegnati alle strutture della ASL: tre per Ospedale della Murgia Fabio Perinei, uno per Ospedale Di Venere di Carbonara di Bari, due all'Ospedale San Paolo, uno all'Ospedale Umberto I di Corato, due all'Ospedale San Giacomo.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l'assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da circa 500 domande, ciascuna con un valore prestabilito, suddivise in 15 aree specialistiche più una sezione dedicata ai servizi generali per l'accoglienza delle donne e una alla gestione dei casi di violenza sulle donne e sugli operatori sanitari. Tre i criteri di valutazione tenuti in considerazione, la presenza di: specialità cliniche che trattano problematiche di salute tipicamente femminili e trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, tipologia e appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e servizi clinico-assistenziali in ottica multidisciplinare gender-oriented, l'offerta di servizi relativi all'accoglienza delle utenti alla degenza della donna a supporto dei percorsi diagnostico-terapeutici (volontari, mediazione culturale e assistenza sociale) e infine il livello di preparazione dell'ospedale per la gestione di vittime di violenza fisica e verbale.
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Supporto psicologico per gli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Bari Supporto psicologico per gli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Bari La ASL ha rinnovato il progetto a sostegno del personale spesso colpito da stress lavoro-correlato
Problemi costanti al CUP di Santo Spirito, Picaro rassicura l'utenza Problemi costanti al CUP di Santo Spirito, Picaro rassicura l'utenza Interlocuzione del consigliere regionale con il direttore ASL Sanguedolce
ASL Bari e Teatro pubblico pugliese insieme per un progetto sul GAP ASL Bari e Teatro pubblico pugliese insieme per un progetto sul GAP La presentazione avverrà alle ore 10 di questa mattina
Asl Bari, screening oncologici: mammografie quasi raddoppiate in un anno Asl Bari, screening oncologici: mammografie quasi raddoppiate in un anno Il 2023 si è concluso con una straordinaria performance nei programmi di prevenzione
I colori sopra il grigio: così 20 ragazzi hanno “riacceso” i muri del Centro Colli Grisoni I colori sopra il grigio: così 20 ragazzi hanno “riacceso” i muri del Centro Colli Grisoni A Bari il progetto "Extramurale-s": la cura passa anche attraverso la creatività
ASL Bari, rimosso un liposarcoma ad origine dal retroperitoneo ASL Bari, rimosso un liposarcoma ad origine dal retroperitoneo Intervento dell'équipe di Chirurgia Generale ad indirizzo oncologico diretta dal dottor Aurelio Costa su una donna di 66 anni
ASL Bari, il 2023 del servizio 118: 96mila emergenze e più di 5mila codici rossi ASL Bari, il 2023 del servizio 118: 96mila emergenze e più di 5mila codici rossi 864 operatori impiegati, tra medici, infermieri, autisti e soccorritori. Rinnovato completamente il parco mezzi: 55 ambulanze e 10 automediche ibride nuove
Giuseppe è il primo nato nel 2024 a Bari, è venuto al mondo 46 minuti dopo mezzanotte Giuseppe è il primo nato nel 2024 a Bari, è venuto al mondo 46 minuti dopo mezzanotte Sono state otto le nascite nella notte al Di Venere, al Policlinico la prima è stata una femminuccia dopo le 7
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.