aldo moro
aldo moro
Eventi e cultura

A Bari un itinerario in memoria di Aldo Moro. Maselli: «Importante ricordare la sua figura»

Un percorso di cinque tappe nei luoghi più rappresentativi della presenza dello statista in città

Bari pronta a tracciare un percorso simbolico che intende onorare la memoria di Aldo Moro in occasione del quarantennale dal suo omicidio, attraverso la realizzazione di cinque targhe in pietra da posizionare in altrettanti luoghi cittadini che hanno segnato la vita dell'uomo e del politico. La giunta comunale questa mattina ha acceso il semaforo verde alla proposta dell'assessore alle Culture e al Turismo Silvio Maselli.

Con questo gesto, l'amministrazione comunale e la città tutta intendono offrire ai cittadini un'occasione per conoscere alcuni periodi trascorsi da Aldo Moro a Bari, città in cui si è formato, ha insegnato e a cui era particolarmente legato.

Le targhe saranno, quindi, collocate presso l'Istituto d'arte "Renato Moro", in viale Vittorio Veneto, dove è ubicato il busto bronzeo dell'ispettore centrale Renato Moro, forgiato dallo scultore barese Sblendorio e inaugurato proprio da Aldo Moro l'11 maggio 1961; in via San Francesco d'Assisi 13, dove era ubicato, fino a qualche anno fa, il tribunale militare nel quale Aldo Moro ha esercitato la funzione di sostituto procuratore militare da novembre del 1942 al 30 giugno 1944, in piazza Garibaldi, presso la parrocchia Santa Maria del Rosario, dove Aldo Moro ha frequentato la chiesa gestita dai padri domenicani dal 1934 al 1946, quando fu eletto deputato dell'Assemblea Costituente; in via Crisanzio 119, edificio presso il quale Aldo Moro esercitò la professione legale con Del Prete e De Robertis, in via Gioacchino Murat 51/F, luogo in cui dove ha abitato con i genitori Renato Moro e Fida Stinchi e i quattro fratelli dal 1934 al 1939.

«Aldo Moro è stato tra i più importanti statisti del Novecento - ha commentato Silvio Maselli. Ricordarne la grandezza e l'importanza per la città di Bari e per la democrazia italiana, in occasione del quarantennale dalla sua morte violenta, peraltro non priva di ombre inquietanti, ci sembra necessario e utile, anche al fine di tramandare alle future generazioni l'amore per la storia, favorendo una rinnovata consapevolezza».
  • Silvio Maselli
  • aldo moro
Altri contenuti a tema
Giunta comunale Bari, lascia Maselli. Entra nel vivo il toto-assessori Giunta comunale Bari, lascia Maselli. Entra nel vivo il toto-assessori Dopo la conferma di Decaro filtrano nuove indiscrezioni sulla sua squadra per i prossimi cinque anni
Terminati i lavori nello Spazio Murat in piazza Ferrarese. Inaugurazione il 17 giugno Terminati i lavori nello Spazio Murat in piazza Ferrarese. Inaugurazione il 17 giugno Gli interventi avevano interessato le strutture antisismiche, gli impianti di areazione e antincendio
Comunali Bari 2019, i commenti del centrosinistra alla vittoria di Decaro Comunali Bari 2019, i commenti del centrosinistra alla vittoria di Decaro Le voci e le analisi del voto raccolte nella giornata di ieri nel comitato del rieletto primo cittadino
Bari ricorda Aldo Moro a 41 anni dall'omicidio. Decaro: «Un esempio per tutti» Bari ricorda Aldo Moro a 41 anni dall'omicidio. Decaro: «Un esempio per tutti» Questa mattina la cerimonia davanti alla targa sulla facciata del Piccinni in memoria dello statista ucciso dalle Brigate Rosse
Bari e Torino, un gemellaggio culturale nel nome di Leonardo da Vinci Bari e Torino, un gemellaggio culturale nel nome di Leonardo da Vinci Presentata a Santa Scolastica la mostra "Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro”, che si svolgerà nel capoluogo piemontese dal 15 aprile al 14 luglio
Sannicandro, annullato il seminario su Aldo Moro con il fondatore delle BR Sannicandro, annullato il seminario su Aldo Moro con il fondatore delle BR Troppe polemiche piovute sugli organizzatori. Loizzo: «Evitare strumentalizzazione di iniziativa dal contenuto storico»
Seminario a Bari con uno dei fondatori delle Brigate Rosse, scoppia la polemica Seminario a Bari con uno dei fondatori delle Brigate Rosse, scoppia la polemica Alberto Franceschini risulta tra gli intervistati in un convegno su Moro, il nipote di una vittima: «No a terroristi in cattedra»
Valorizzare gli edifici dei totalitarismi del '900 in chiave turistica, due eventi pubblici a Bari Valorizzare gli edifici dei totalitarismi del '900 in chiave turistica, due eventi pubblici a Bari Il 6 e 7 marzo appuntamento presso il liceo Salvemini di Japigia. Maselli: «Promuovere conoscenza del razionalismo architettonico»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.