I ragazzi di Flick Lab
I ragazzi di Flick Lab
Scuola e Lavoro

A Bari i cervelli rimangono e creano una App per i disturbi di linguaggio

Tre giovani della nostra città, grazie alla vittoria del bando PIN, hanno sviluppato "Il Castello delle Parole"

Una App completamente pensata e strutturata per essere di supporto ai bambini nell'apprendimento, specialmente a coloro che hanno problemi. Si chiama "Il Castello delle Parole" ed è tutta barese. Autori sono, infatti, tre giovani della nostra città che dopo aver vinto il bando PIN Puglia con la loro idea hanno dato vita a Flick Lab. Si tratta di Chiara Lavopa, logopedista, Giacomo Pennacchia, sviluppatore informatico e Pietro Fanelli, responsabile commerciale.

«Quando abbiamo iniziato non esistevano molte app di questo tipo – dice ai microfoni di Bariviva Chiara Lavopa - io mi occupo di bambini da sempre e devo ringraziare la dott.ssa Isabella Roppa, anche lei logopedista, con la quale ho fatto tirocinio al Giovanni XXIII e che ha dato un grande apporto al progetto. Il fatto è che anche quelle che esistevano non erano specifiche come "Il castello delle Parole" che è strutturata per essere utilizzata da tutti i bambini nella fase di passaggio dalla scuola dell'infanzia alla scuola primaria. Per un bambino è una fase molto importante, si passa dal linguaggio verbale a quello scritto. La nostra app contiene esercizi propedeutici che possono aiutare tutti, ma che dobbiamo dire funziona anche con bambini con gravi disturbi di linguaggio che potrebbero in futuro sviluppare disturbi di apprendimento. Si affianca agli strumenti già in uso e funziona da supporto».

Nei mesi scorsi, grazie al supporto della preside Rossella Peparello, è anche partita una sperimentazione in alcune scuole baresi, la 'Regina Margherita', la 'Principessa Jolanda' e e la 'Diomede Fresa". Uno strumento che va ad integrare un progetto più ampio denominato "Nativi Digitali" in cui tablet e lavagne digitali fanno già parte della strumentazione utilizzata. D'altronde, come sottolinea Lavopa: «Spesso sia i genitori che gli insegnanti faticano a darci ascolto, l'idea non è semplice da mandare giù e da accettare per le scuole "tradizionali"».

L'obiettivo ora è riuscire a portare l'app in altre scuole, in modo tale da poterla migliorare sempre di più grazie anche all'utilizzo sul campo, d'altronde. «è uno strumento più facilmente proponibile ai bambini – conclude Lavopa – essendo molto specifica ed essendo gli stessi bambini di oggi più abituati alla tecnologia».

Nel frattempo è stato anche pubblicato un articolo in merito sulla rivista "Dislessia" grazie al supporto del prof. Enrico Savelli dell'Università di San Marino. L'articolo dal titolo "Il castello delle parole: una nuova app per il miglioramento della competenze metafonologiche. Presentazione dello strumento e dei primi dati sperimentali" è firmato da Lavopa e Isabella Roppa e dimostra ancora di più come alla base del progetto ci siano competenze importanti e specifiche. Speriamo che altre scuole baresi decidano di dare fiducia a tre giovani della nostra terra.

La app è disponibile per iOs e Android, in versione demo gratuita per poterla conoscere e completa a pagamento.
  • Scuola
  • App
Altri contenuti a tema
Maturità 2019 a Bari, arriva la doppia prova di latino e greco al Classico Maturità 2019 a Bari, arriva la doppia prova di latino e greco al Classico Matematica e fisica per lo scientifico, annunciate in anticipo dal ministro Bussetti ecco tutte le novità
Buchi nei soffitti e calcinacci nei bagni, che succede all'Istituto Panetti di Bari? Buchi nei soffitti e calcinacci nei bagni, che succede all'Istituto Panetti di Bari? Alcuni studenti hanno fotografato la situazione di degrado in cui versa la scuola superiore che frequentano: "Intervenite"
Scuole baresi al freddo, tra polemiche e denunce si cerca di correre ai ripari Scuole baresi al freddo, tra polemiche e denunce si cerca di correre ai ripari Sopralluogo di Irma Melini in diversi plessi, alla Mazzini-Modugno lavori fermi e umidità
Bari, tutti a scuola con l'ombra dello sciopero di docenti e personale ATA Bari, tutti a scuola con l'ombra dello sciopero di docenti e personale ATA Proclamata l'astensione dal lavoro di tutti i dipendenti per le giornate del 7 e 8 gennaio
Monopoli, video antiabortista durante Religione Monopoli, video antiabortista durante Religione Denuncia da parte del Movimento 5stelle al ministro Bussetti
Salone dello Studente 2018, Professione Militare risponde presente Salone dello Studente 2018, Professione Militare risponde presente Tre giorni di incontri e risposte a Bari, tra formazione professionale e sanità
Bimbo iperattivo emarginato a scuola, il parere di educatori e pedagogisti Bimbo iperattivo emarginato a scuola, il parere di educatori e pedagogisti Abbiamo interpellato degli esperti per comprendere quali siano gli atteggiamenti da adottare in classe per casi del genere
Educatori in Puglia, Caradonna: «Anche partisse stanotte il servizio, qualcuno dovrà risarcire i danni» Educatori in Puglia, Caradonna: «Anche partisse stanotte il servizio, qualcuno dovrà risarcire i danni» Il presidente provinciale della ANMIC Bari molto critico sulla vicenda che sembra vedere uno spiraglio di luce da domani
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.