la discarica abusiva in strada martinez
la discarica abusiva in strada martinez

Copertoni, frigoriferi, divani, amianto e altri rifiuti: in via Martinez una discarica a cielo aperto

La denuncia dell'associazione Sos Città fra i quartieri Poggiofranco e Carbonara: «Amministrazione bonifichi subito l'area»

«In via Martinez, alle porte di Bari, una strada di collegamento "interna" tra Poggiofranco e Carbonara, c'è un esempio di così tanta inciviltà, c'è un esempio di come l'uomo è in grado di distruggere lo stesso mondo in cui vive». A raccogliere la segnalazione di numerosi cittadini indignati è Sos Città, associazione cittadina impegnata per il rispetto dell'ambiente e del decoro urbano, che produce una ricca documentazione fotografica sullo stato di totale degrado dell'area.
20 fotoLa discarica a cielo aperto in strada Martinez
La discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada MartinezLa discarica a cielo aperto in strada Martinez
«Per quanto possa sembrare periferia, in realtà ci troviamo in una zona molto centrale e molto trafficata. A due passi dalla discarica è presente uno dei circoli più importanti e storici della città, un asilo nido frequentatissimo e centinaia di residenze private eppure, nonostante le tante segnalazioni fatte, il fenomeno non accenna ad arrestarsi - raccontano Danilo Cancellaro e Dino Tartarino, presidente e vicepresidente di Sos Città. Noi siamo indignati perché è inammissibile che una città come Bari possa tollerare fenomeni come questo. Siamo di fronte ad una vera e propria discarica abusiva in cui chiunque si sente libero di venire ad scaricare quello che vuole, nell'assoluta indifferenza di tutti. Frigoriferi, divani, materassi, materiali di risulta, vetri, vecchi mobili, addirittura amianto, estremamente tossico per la nostra salute. Abbiamo soprannominato un rudere la "casa degli orrori" perché lì dentro si può trovare tutto quello che fa male all'ambiente. Inoltre è pericolante, pericolosa e accessibile a tutti perché aperta».L'appello dell'associazione è rivolto a tutti, ma in primis al sindaco Antonio Decaro e all'assessore all'Ambiente Pietro Petruzzelli. «È inutile ora individuare i responsabili. Quello che bisogna fare adesso, con coscienza, è bonificare l'area per restituire decoro e dignità alla zona, ma soprattutto mettere in sicurezza il rudere abbandonato utilizzato come discarica per prevenire il fenomeno ed evitare che qualcuno possa seriamente farsi male. Questa è una situazione che persiste da anni e seppur trattasi di un intervento di carattere straordinario, non si può far finta di nulla, non può far finta che non esiste. Situazioni simili a Bari non possono e non devono esserci in un'ottica di costante crescita della città intrapresa già da diversi anni. Ci auguriamo che questa volta le istituzioni intervengano concretamente», concludono Cancellaro e Tartarino.
  • Rifiuti
  • sos città
Altri contenuti a tema
Errori nel porta a porta a Bari, Petruzzelli: «Si rischia di vanificare il progetto» Errori nel porta a porta a Bari, Petruzzelli: «Si rischia di vanificare il progetto» Sopralluogo dell'assessore nei quartieri interessati per stoppare sul nascere chi non differenzia correttamente
Gravina e Altamura aree idonee allo stoccaggio di rifiuti radioattivi, i sindaci non ci stanno Gravina e Altamura aree idonee allo stoccaggio di rifiuti radioattivi, i sindaci non ci stanno Pubblicato oggi da Sogin un elenco dei siti dove in cui tali materiali di bassa e media attività potrebbero essere sistemati in via definitiva
Discarica abusiva di rifiuti speciali a Monopoli, scatta il sequestro dell'area Discarica abusiva di rifiuti speciali a Monopoli, scatta il sequestro dell'area Il legale rappresentante della società resasi responsabile di tale scempio ambientale è stato immediatamente denunciato alla competente Autorità Giudiziaria
Bari, rifiuti e bidoni in fiamme a Japigia Bari, rifiuti e bidoni in fiamme a Japigia La segnalazione via Facebook dalla pagina "Gli amici del muretto di via Pascazio"
Stanic, scoperto con materiale di risulta illegale sul tre ruote. Denunciato Stanic, scoperto con materiale di risulta illegale sul tre ruote. Denunciato I rifiuti erano probabilmente destinati allo smaltimento illecito in qualche fondo incustodito
Gestione e stoccaggio abusivo di rifiuti, sequestri e denunce a Bari Gestione e stoccaggio abusivo di rifiuti, sequestri e denunce a Bari La polizia locale ha provveduto a controlli al quartiere Stanic in un'area adibita a rimessaggio, deposito con box e locali concessi in locazione e garage
Rifiuti speciali tombati in campagna, denunciato un uomo di Bari Rifiuti speciali tombati in campagna, denunciato un uomo di Bari Insieme a lui nei guaio anche un soggetto di Locorotondo. Le accuse sono inquinamento ambientale e per omessa bonifica
Bari, su via Capruzzi con materiale di risulta senza autorizzazione Bari, su via Capruzzi con materiale di risulta senza autorizzazione L'uomo residente a Putignano è stato bloccato dalla polizia locale
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.