valerio di cesare
valerio di cesare
Calcio

SSC Bari, Di Cesare: «Col Portici contava solo vincere. Goal più bello? Quello al Rotonda»

Il difensore-bomber parla il giorno dopo la gara: «Spiace per la squalifica, a questi arbitraggi ormai ci siamo abituati. Siamo un grande gruppo»

«Ieri contava vincere, siamo a un passo dall'obiettivo e questo è fondamentale. La partita più importante dell'anno; con un pareggio o una sconfitta potevamo dare speranze alla Turris. Ci sta che qualcuno potesse sentire di più la pressione, in questa categoria si gioca con quattro under e per ragazzi di 20 anni non è facile qui al San Nicola. Siamo un bel gruppo; l'esultanza è stata dovuta all'importanza della partita. Dopo il goal di Simeri eravamo tutti in campo ad abbracciarci». Parole e musica di Valerio Di Cesare, che interviene in sala stampa dopo la vittoria del suo Bari per 2-1 contro il Portici, con cui i biancorossi prenotano il biglietto per la Serie C.

Un successo arrivato con il cuore, in un momento in cui la brillantezza atletica proprio non c'è: «Sono otto mesi che spingiamo al massimo, poi le squadre contro di noi danno tutto per poi perdere la partita dopo. Quest'anno va così», dice Di Cesare. L'esperto difensore, però, non ci sarà giovedì prossimo a Troina per squalifica: «Ci sta dopo aver giocato quasi tutte le partite prendere 5 ammonizioni. Poi il fallo che ho fatto ieri poteva anche non essere da giallo. Era il mio primo in 90', forse è stato un po' eccessivo. Ormai siamo abituati a questi arbitraggi, ma io mi avveleno ugualmente perché sembra che lo facciano apposta. Mi è sembrato un anno eterno, non vedo l'ora che finisca. Mi dispiacerebbe non poter festeggiare a Troina. Sarà una partita difficile, su un campo sintetico con fondo in cemento. All'andata mi piacquero come squadra, vincemmo 1-0 con un goal mio, o forse autogoal. Vorranno regalare gioia alla città. Anche per la Turris sarà difficile in casa della Palmese, ma noi non dobbiamo guardarli».

Mancherà in difesa e mancherà in attacco. Di Cesare, difensore goleador con ben sette marcature, l'ultima in ordine di tempo proprio ieri: «I miei 7 goal sono una cosa secondaria; faccio il difensore non mi aspettavo di segnare così tanto. Potevo farne di più, un paio me li sono mangiati come all'andata con il Portici o contro il Città di Messina. Ho preso due pali, poi in qualche occasione i portieri hanno fatto belle parate. Dipende dalle annate; a Bari in precedenza ne avevo fatto solo uno. Il più bello? Contro il rotonda di sinistro a giro, poi quello contro il Locri».

Archiviare il prima possibile la matematica promozione in C, per poi affrontare la poule scudetto: «Pensiamo a vincere il campionato, poi cercheremo di vincere anche quella - continua Di Cesare. Otto punti a tre dalla fine è un bel margine; è normale che Troina sarà un'altra partita importante. Andremo lì per vincere».

Senatore, leader, mentore di tanti giovani. Ma occhio a chiamarlo capitano: «Ce n'è solo uno ed è Ciccio Brienza. Quando non gioca lui c'è Cacioli, solo dopo c'è Di Cesare. Io ho avuto capitani che avevano solo la fascia; siamo sette vecchi che parlano ai ragazzi, ma l'unico vero capitano è Ciccio. I giovani devono stare tranquilli; ormai siamo arrivati alla fine e in questa categoria sono fondamentali. Devono continuare a lavorare così», conclude il difensore.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Stavolta vinCiamo noi Stavolta vinCiamo noi Il Bari stacca il pass per la Serie C e saluta l'anno di purgatorio. Il successo di mister e gruppo
Il Bari promosso in Serie C, la festa dei tifosi all'aeroporto. Il video Il Bari promosso in Serie C, la festa dei tifosi all'aeroporto. Il video I sostenitori biancorossi sono andati ad accogliere la squadra di ritorno da Troina
Il Bari festeggia la promozione, De Laurentiis: «Nostro regalo a una città ferita» Il Bari festeggia la promozione, De Laurentiis: «Nostro regalo a una città ferita» Il presidente: «Malumori? Solo ricostruzioni assai fantasiose». Decaro: «Vincere il campionato è sempre un'impresa»
Il Bari è in Serie C, Cornacchini: «Vincere non è mai facile. Sono contento». Simeri: «Ce lo meritiamo» Il Bari è in Serie C, Cornacchini: «Vincere non è mai facile. Sono contento». Simeri: «Ce lo meritiamo» Il tecnico festeggia: «Tutti hanno fatto tantissimo. Partita simbolo? Ad Acireale». Il bomber: «La squalifica più bella della mia vita, poi ho fatto i goal promozione»
Simeri stende il Troina. Il Bari può far festa: è promozione in Serie C Simeri stende il Troina. Il Bari può far festa: è promozione in Serie C Il centravanti conquista e trasforma il rigore con cui i biancorossi guadagnano i 3 punti che valgono la vittoria del campionato
Troina-Bari, le probabili formazioni. Out Neglia e Brienza, tocca a Liguori? Troina-Bari, le probabili formazioni. Out Neglia e Brienza, tocca a Liguori? Dubbi sul modulo per Cornacchini. In caso di 4-4-2 si fa largo l'opzione Iadaresta al fianco di Simeri in attacco
Verso Troina-Bari, Cornacchini: «Andremo lì per fare risultato pieno. In difesa Cacioli-Mattera» Verso Troina-Bari, Cornacchini: «Andremo lì per fare risultato pieno. In difesa Cacioli-Mattera» Il tecnico parla alla vigilia: «Siamo alla fine di un percorso logorante. Dobbiamo tenere alta la tensione e restare concentrati»
Troina-Bari, un traghetto dedicato al trasporto dei tifosi biancorossi Troina-Bari, un traghetto dedicato al trasporto dei tifosi biancorossi La decisione predisposta per motivi di ordine pubblico, partenza alle 11 da Villa San Giovanni. Neglia e Brienza non convocati
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.