Giovanni Cornacchini
Giovanni Cornacchini
Calcio

Bari-Portici 2-1, Cornacchini: «Bravi a tirar fuori qualcosa in più». Simeri: «Un goal per chiedere scusa»

Il mister nel post gara: «Ci manca un po' di brillantezza; il primato logora. Vediamo il traguardo, chiudiamola». Il centravanti: «Dopo il goal di mio cognato pensavo saltasse il matrimonio»

Una vittoria di carattere, di sofferenza: il Bari batte 2-1 il Portici e si guadagna la possibilità di vincere il campionato con un successo a Troina giovedì prossimo. «Di difficoltà ce ne sono sempre, in tutte le categorie - dice il tecnico del Bari Giovanni Cornacchini nel post gara. Partendo tardi stiamo vivendo un momento non brillante, dovevamo tirare fuori qualcosa da dentro. Bravi i ragazzi a ottenere una vittoria fondamentale. È logorante essere sempre in testa, ci sono 10 giovani abituati ad altri palcoscenici, è dura anche per i grandi. Non sono tranquillo ma sereno, faccio quello che posso sempre».

Dopo il vantaggio di Valerio Di Cesare la squadra si è un po' seduta, concedendo il pareggio a Di Prisco, cognato di Simeri. Proprio l'attaccante con una grande girata di testa l'ha risolta a 12' dalla fine: «Potevamo evitare di concedere quel goal, il contraccolpo c'è stato - ammette il mister. Ho provato a tenerli su perché non era successo niente. Si è vista stanchezza, dobbiamo essere bravi a finire bene perché ormai il traguardo è vicino. A livello di occasioni siamo stati superiori, il Portici ha giocato un buon calcio forse perché erano più freschi di noi. Qualche difficoltà è fisiologica, anche mentalmente abbiamo speso tante energie».

Due protagonisti in positivo nella partita: Turi, rientrato fra i titolari dopo tantissimo tempo, e Simeri, bomber decisivo con la sua zuccata. «Sono felice per Turi, un ragazzo straordinario. Simeri veniva da mille difficoltà fisiche e dalla squalifica, ma per noi è un giocatore importante», dice il mister.

Stanchezza, quindi, alla base di questo periodo poco brillante del Bari. In casa del Troina nel giovedì santo i biancorossi avranno il loro destino nelle mani: «Dobbiamo pensare a noi, come sempre. Recuperiamo perché spendiamo sempre tanto. Feola si è fatto male per tanto tempo, a centrocampo non avevamo altre soluzioni over, ma non ho mai chiesto niente. Lavorare con l'obiettivo da raggiungere è dura, rincorrere è più facile», la disamina di Cornacchini.

A dare una grossa mano, come aveva chiesto l'allenatore alla vigilia, è stato il pubblico del San Nicola: «Mi aspettavo che non ci fischiassero perché i giovani ne soffrono. Il pubblico è stato eccezionale. Per me questa di Bari è stata una bellissima avventura, ma sapevo che sarebbe stata dura perché il pubblico è esigente».
Simone Simeri

Contento anche Simeri, tornato al goal dopo sei giornate, gli infortuni e la squalifica: «Questo goal è il modo migliore per chiedere scusa dopo quello che ho fatto a Palmi - dice l'attaccante. Sono state due settimane di inferno, dopo dei piccoli infortuni che mi hanno lasciato fuori. Ho pagato in campo e fuori, questo goal lo dedico a tifosi e società. Mi sento importante come tutti, non c'è uno più importante degli altri». E sul goal aggiunge: «Non era una palla molto alta, devi essere bravo a non girarla sul secondo palo. Il colpo di testa non è la mia dote principale, ma quando c'è bisogno do il meglio anche in questo».

Curiosità di giornata, Michele Di Prisco, autore del goal per i campani, è il fratello della futura signora Simeri: «Pensavo saltasse il matrimonio dopo il goal di mio cognato. Poi si è messa bene per fortuna», scherza l'attaccante. «Nel primo tempo abbiamo dato tutto, nella ripresa abbiamo gestito e provato a far goal al momento giusto. Non abbiamo sofferto, anche se il Portici ha fatto una grande partita. Andiamo a Troina per vincere e festeggiare».

Undicesimo centro in stagione, ma Simeri non pensa alla classifica marcatori, solo al risultato di squadra: «Gli obiettivi personali li abbiamo accantonati tutti quanti fin dall'inizio - ricorda il bomber. Ho messo da parte l'egoismo da attaccante puro, i 9 assist che ho fatto lo dimostrano. Ognuno si mette a disposizione, non importa chi è capocannoniere. A tutti interessa vincere il campionato. Anche la Serie C non è categoria per il Bari, io posso dare ancora tanto e spero che il mio percorso in biancorosso continui a lungo. Bisogna arrivare subito in Serie B».

Insomma, un goal per scacciare i fantasmi dell'ultimo periodo, ma anche per limare qualche spigolatura caratteriale: «Ogni volta che andavo a protestare mi veniva in mente la scena di Palmi - racconta l'attaccante. È un mio limite, devo migliorare; questa settimana è servita per mettere tutto a posto, con il rientro e il compleanno. Gli arbitri come gli avversari vogliono mettersi in mostra contro di noi, una difficoltà in più. Sono il primo a doversene fare una ragione».




  • ssc bari
  • giovanni cornacchini
Altri contenuti a tema
SSC Bari, il 17 luglio amichevole con la Fiorentina a Moena SSC Bari, il 17 luglio amichevole con la Fiorentina a Moena Ufficializzato il primo appuntamento con una squadra di Serie A durante il ritiro estivo a Bedollo che partirà il 12 luglio
Bari for Special, la squadra biancorossa a Coverciano per le finali del torneo di "Quarta categoria" Bari for Special, la squadra biancorossa a Coverciano per le finali del torneo di "Quarta categoria" Dal 21 al 23 giugno sui campi del centro federale la sfida di calcio a 7 fra le formazioni di ragazzi con disabilità. Prima partita contro la Juventus
La SSC Bari diventa società per azioni. Luigi De Laurentiis amministratore unico La SSC Bari diventa società per azioni. Luigi De Laurentiis amministratore unico Depositati i rogiti notarili nella sede di Filmauro come disposto dalla Figc con il passaggio al professionismo
SSC Bari, nasce la Scuola calcio ufficiale. De Laurentiis: «Tassello importante» SSC Bari, nasce la Scuola calcio ufficiale. De Laurentiis: «Tassello importante» La cantera biancorossa al via grazie alla collaborazione con l'Intesa sport club. Il presidente: «Ricostruiamo rapporto col territorio»
Settore giovanile SSC Bari, il 3 e 5 giugno i raduni selettivi Settore giovanile SSC Bari, il 3 e 5 giugno i raduni selettivi Appuntamento al campo Capocasale per i calciatori nati fra il 2002 e il 2005
SSC Bari, la stagione si chiude ad Avellino. Il pagellone dei biancorossi SSC Bari, la stagione si chiude ad Avellino. Il pagellone dei biancorossi La sconfitta in casa degli irpini mette fine alla poule scudetto della squadra di Cornacchini. Tutti promossi, o quasi
Avellino-Bari 1-0, Cornacchini: «C'è rammarico, non meritavamo di perdere» Avellino-Bari 1-0, Cornacchini: «C'è rammarico, non meritavamo di perdere» Il tecnico nel post-gara: «Preso un goal evitabile, c'era una rete regolare». Hamlili: «Stagione molto positiva»
La poule scudetto del Bari finisce qui. Sconfitta 1-0 ad Avellino: i biancorossi sono fuori La poule scudetto del Bari finisce qui. Sconfitta 1-0 ad Avellino: i biancorossi sono fuori Decide la rete di De Vena a inizio ripresa. Tre goal annullati alla squadra di Cornacchini per fuorigioco, dopo una prestazione di buon livello
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.