al via venerdi il punto di ascolto antiviolenza dellassessorato al Welfare nelluniversita Aldo Moro
al via venerdi il punto di ascolto antiviolenza dellassessorato al Welfare nelluniversita Aldo Moro
Servizi sociali

Università di Bari, parte domani il punto di ascolto antiviolenza all'ex PalaPoste

L'iniziativa, in collaborazione fra ateneo e assessorato comunale al Welfare, sarà gestita dalla cooperativa Comunità San Francesco

Partirà venerdì 9 ottobre il punto di ascolto antiviolenza istituito a seguito della convenzione siglata tra l'Università degli studi di Bari "Aldo Moro" e l'assessorato comunale al Welfare. Lo sportello, attivo tutti i venerdì dalle ore 10 alle 12, si trova al secondo piano dell'ex palazzo Poste (prima stanza a sinistra), con ingresso da via Garruba: si potrà accedere mediante prenotazione contattando il numero328 8212906, attivo h 24, o il numero verde 800 202330, e scrivendo alla mail info@centroantiviolenza.it o in posta privata sulla pagina facebook del Centro antiviolenza comunale "Centro Antiviolenza Bari".

Il servizio, uno dei punti di ascolto del centro antiviolenza comunale attualmente gestito dalla cooperativa Comunità San Francesco, rappresenterà un ulteriore presidio della rete antiviolenza cittadina che fungerà da antenna territoriale di prevenzione e sensibilizzazione, accoglienza e orientamento delle studentesse, degli studenti e di tutto il personale docente e tecnico-amministrativo delle università baresi.
al via venerdi il punto di ascolto antiviolenza dellassessorato al Welfare nelluniversita Aldo Moro


Le attività, finanziate dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari nell'ambito del programma "Rafforzare la non violenza", comprendono in modo più ampio una serie di azioni innovative per contrastare la violenza in un'ottica di promozione dell'autonomia e dell'empowerment degli utenti.

«Il contrasto alla violenza di genere è un impegno che le istituzioni tutte devono perseguire perché si possa invertire una spirale drammatica che segnala, nel nostro Paese, numeri molto preoccupanti - ha dichiarato il rettore Stefano Bronzini. L'Università come luogo di formazione e di ricerca, quindi di impegno civile, ha l'obbligo di promuovere un cambio di passo culturale nelle nuove generazioni, una nuova sensibilità alle questioni che avviliscono la nostra vita quotidiana. In tale senso, l'iniziativa si integra con le molteplici altre azioni di sostegno psicologico e sociale che il nostro Ateneo sta progressivamente rafforzando nell'area dei servizi agli studenti, anche in collaborazione con altre istituzioni».

«Con l'attivazione dello sportello del Centro Antiviolenza nell'Università degli Studi di Bari, che si aggiunge a quello già presente nel Politecnico - ha sottolineato l'assessore al Welfare Francesca Bottalico - si consolida ulteriormente il percorso interistituzionale avviato dall'assessorato al Welfare nell'ambito della strategia di contrasto alla violenza di genere. L'efficacia di tali azioni è sostenuta non solo dall'incremento dei presidi di ascolto, tutela e accompagnamento, che rappresentano antenne fondamentali sul territorio, ma anche e soprattutto da interventi culturali ed educativi rivolti a tutti e a tutte.
Dopo aver promosso momenti formativi nelle scuole e attivato sportelli nei presidi cittadini del Welfare ed equipe itineranti nei Municipi, la collaborazione con l'Ateneo assume una rilevanza strategica che ci consente di accedere ad uno dei luoghi di crescita ed emancipazione per eccellenza e di offrire un sostegno concreto alle donne vittime di qualsiasi forma di violenza. Bari è la seconda città in Italia ad aver dato vita ad un intervento di questo tipo e per questo sento di dover ringraziare i rettori delle due università cittadine per la disponibilità che hanno mostrato da subito e per aver voluto costruire, insieme al Comune e al Centro Antiviolenza, questo fondamentale percorso di tutela e sensibilizzazione nell'interesse di tutta la comunità».
  • Francesca Bottalico
  • uniba
  • violenza di genere
  • stefano bronzini
Altri contenuti a tema
Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Dovrebbe essere in grado di inibire un enzima necessario alla replicazione virale utilizzando la strategia del “drug repurposing”
L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni Era docente di Statistica Medica presso la Scuola di Medicina e Chirurgia
Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Il docente di Igiene: «Immunità dopo sette giorni dalla somministrazione della seconda dose»
Mola di Bari, minacce e aggressioni alla ex compagna. Arrestato 33enne Mola di Bari, minacce e aggressioni alla ex compagna. Arrestato 33enne L'uomo non si era mai rassegnato alla decisione di lei di interrompere la relazione
Tamponi rapidi per i senza fissa dimora, il Rotary Bari ovest ne dona 300 al Comune Tamponi rapidi per i senza fissa dimora, il Rotary Bari ovest ne dona 300 al Comune Sono già stati assegnati al centro diurno Area 51 e saranno effettuati all'ingresso degli utenti nelle strutture cittadine
Incendio all'ex Socrate, il caso diventa un "affaire" politico Incendio all'ex Socrate, il caso diventa un "affaire" politico Residenti, comitati e associazioni contestano la liceità dello sgombero, ma il Comune sta già trovando altre soluzioni
Emergenza freddo, l'unità di strada del Comune di Bari distribuisce 400 kit Emergenza freddo, l'unità di strada del Comune di Bari distribuisce 400 kit Gli interventi procederanno fino al 23 dicembre fra le persone più esposte all'emergenza sanitaria e al calo delle temperature
"Scatole gentili", a Bari i cittadini donano regali natalizi alle persone in difficoltà "Scatole gentili", a Bari i cittadini donano regali natalizi alle persone in difficoltà La distribuzione degli oltre 1000 pacchi partirà da domani, a cura di due associazioni e degli educatori di strada
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.