Università di Bari
Università di Bari
Scuola e Lavoro

Uniba protagonista al concorso “Sulle vie della parità”, secondo posto per le studentesse LELIA

Il progetto del gruppo formato da Camilla Checchia, Federica de Pascale, Sara Fischetti, Serena Mannarella, Elisabetta Ostuni, Carmela Palma

La giuria del concorso nazionale "Sulle vie della parità" VIII edizione-2020/2021, indetto dall'associazione Toponomastica femminile, ha attribuito il 2° PREMIO Università, per la sezione C3 Percorsi ViWoP, al progetto di Camilla Checchia, Federica de Pascale, Sara Fischetti, Serena Mannarella, Elisabetta Ostuni, Carmela Palma del Dipartimento di Lettere, Lingue e Arti. Italianistica e Culture Comparate dell'Università di Bari.

Il progetto delle studentesse del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Moderne, coordinato dal prof. Pierpaolo Martino con la collaborazione della dottoranda di ricerca Maria Giulia Laddago dal titolo"V per Virginia! Creare spazio dai margini. Perché il pensiero di Virginia Woolf sulle questioni di genere è ancora attuale" è stato premiato con la seguente motivazione:

"In questo trattato a più voci frutto dell'analisi compiuta presso il Dipartimento Lelia Università degli Studi di Bari Aldo Moro, si mettono in luce, a livello accademico, partendo dall'analisi di diversi scritti woolfiani, i ruoli di genere stabiliti dal patriarcato, penalizzanti per le donne, e si analizzano le vie per il raggiungimento dell'emancipazione femminile, identificandole pincipalmente con lo studio e l'indipendenza economica. Il pensiero della Woolf emerge ancora attualissimo dai brevi saggi che formano il volume ed è valorizzato da illustrazioni creative. Le analisi e il confronto con l'attualità consentono ulteriore sviluppo di riflessione. La Toponomastica femminile diviene in questo progetto il mezzo indicato alle nuove generazioni per raggiungere la parità e superare la differenza tra i generi, attraverso l'intitolazione a Virginia Stephen Woolf del laboratorio di lingue dell'Istituto comprensivo "Balilla – Imbriani" in collaborazione con il Dipartimento Lelia Università degli Studi di Bari Aldo Moro, con il fine di sensibilizzare la scolaresca sul tema della parità di genere, promuovendo riflessioni sulla visibilità delle donne negli spazi pubblici, sull'uso di un linguaggio più inclusivo e sulla promozione di percorsi educativi e didattici volti a contrastare le discriminazioni di genere."

Il progetto "V per Virginia! Creare spazio dai margini. Perché il pensiero di Virginia Woolf sulle questioni di genere è ancora attuale" è composto da: Phyllis and Rosamond. Una questione di genere di Sara Fischetti e Serena Mannarella; La donna e l'arte. Alla ricerca di uno spazio tutto per sé di Elisabetta Ostuni; Abitare il margine di Camilla Checchia; Ruoli di genere: rincorsa all'emancipazione di Carmen Palma e Federica De Pascale.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Poche donne iscritte ad Informatica, Fisica e Scienze a Bari, arrivano agevolazioni sulle tasse Poche donne iscritte ad Informatica, Fisica e Scienze a Bari, arrivano agevolazioni sulle tasse Il rettore Bronzini: «Vogliamo favorire una più ampia partecipazione delle donne anche ai corsi di studio tradizionalmente "maschili"»
Università di Bari, da domani "graduale ripresa delle attività in presenza" Università di Bari, da domani "graduale ripresa delle attività in presenza" Si prosegue con lezioni a distanza, ma gli esami saranno in modalità mista. Le lauree tornano dal vivo
Il Covid non ferma Uniba, attivati 60 percorsi di competenze trasversali Il Covid non ferma Uniba, attivati 60 percorsi di competenze trasversali L’Università di Bari Aldo Moro, anche in tempo di pandemia, progetta il futuro con nuove iniziative formative
Studiare in università ai tempi del Coronavirus? Arriva la App per prenotare il posto Studiare in università ai tempi del Coronavirus? Arriva la App per prenotare il posto Disponibile da poco per gli studenti dell'ateneo, per registrarsi necessario utilizzare la mail istituzionale
Dall'università di Bari una cura per un grave tumore dei bambini, grazie anche al crowfunding Dall'università di Bari una cura per un grave tumore dei bambini, grazie anche al crowfunding Un gruppo di ricerca coordinato dal professor Antonio Scilimati è impegnato nello studio del Glioma Pontino Intrinseco Diffuso
Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Dovrebbe essere in grado di inibire un enzima necessario alla replicazione virale utilizzando la strategia del “drug repurposing”
L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni Era docente di Statistica Medica presso la Scuola di Medicina e Chirurgia
Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Il docente di Igiene: «Immunità dopo sette giorni dalla somministrazione della seconda dose»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.