traffico armi e droga bari matera
traffico armi e droga bari matera
Cronaca

Traffico di armi e droga fra le province di Bari e Matera, concluse le indagini su 24 sospettati

I fatti si riferiscono al periodo luglio 2016-settembre 2017. Sotto la lente d'ingrandimento della polizia anche falsi incidenti stradali

Elezioni Regionali 2020
Un sospetto traffico di armi e droga fra le province di Bari e Matera finisce sotto la lente d'ingrandimento della polizia di Stato. La Questura del capoluogo lucano ha notificato, su disposizione della Procura della Repubblica di Matera, un avviso di conclusione delle indagini ex art.415 bis c.p.p. a 24 persone, ritenute responsabili a vario titolo di detenzione e porto illegali di armi e munizioni, spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato, spesa di banconote false, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, ricettazione, truffa a compagnia d'assicurazione per falso incidente stradale e spari in luogo pubblico.

Le indagini, condotte dalla squadra mobile di Matera, sono state avviate a seguito di segnalazioni di colpi d'arma da fuoco esplosi nella periferia e in provincia di Matera. I reati si riferiscono a fatti commessi nella provincia di Matera e in quella di Bari dal mese di settembre 2016 a luglio 2017.

Delle 24 persone indagate, 15 sono residenti a Matera, 4 in provincia, 4 nella provincia di Bari e una in provincia di Pordenone.

L'immediata identificazione degli autori di tali atti, avvenuta anche attraverso la visione di immagini di telecamere presenti nelle zone interessate, ha portato gli investigatori a individuare un fiorente traffico di armi e droga provenienti dalla vicina Puglia, in particolare da Altamura, Gravina di Puglia e Santeramo in Colle.

Nel corso dell'attività sono state eseguite numerose perquisizioni e sequestri. In particolare, sono state sequestrare nove pistole, tutte clandestine e di diverso calibro e marca, un teaser (arma in grado di produrre scariche elettriche), diversi coltelli e centinaia di munizioni; per il possesso di tali armi, nove persone sono state arrestate in flagranza di reato.

Sono stati riscontrati anche alcuni falsi incidenti stradali, dichiarati allo scopo di ottenere i rimborsi dalle compagnie assicurative. Alcuni indagati, dopo aver falsamente denunciato lo smarrimento delle proprie carte di identità, le consegnavano a loro complici che sostituivano le fotografie e le cedevano a cittadini di nazionalità albanese, i quali utilizzavano tali documenti falsificati per potersi recare in altri Paesi dell'area Schengen. Durante l'indagine due albanesi sono stati arrestati a Milano mentre erano in procinto di imbarcarsi su un aereo diretto in Gran Bretagna.

Notevole era la spregiudicatezza di alcuni degli attuali indagati. Sei di loro, in passato, hanno vessato un extracomunitario che frequentava il loro stesso bar. In numerose occasioni lo hanno deriso, insultato per il colore della sua pelle, picchiato e minacciato con una pistola, costringendolo a dar loro soldi o a pagare le loro consumazioni.

Dopo che quest'ultimo aveva presentato denuncia, i sei avevano continuato a minacciarlo, al fine di costringerlo a ritirare l'atto, senza però riuscirci. Per questi fatti, quattro di loro sono stati già condannati in primo grado dal Tribunale di Matera per estorsione aggravata e continuata, mentre altri due hanno optato per il patteggiamento.

Altri soggetti, ora imputati, sono accusati della commissione di altri reati, in particolar modo dello spaccio di stupefacenti a Matera, quali hashish, marijuana e cocaina, droga venduta a decine di assuntori. Nel corso dell'indagine sono state sequestrate diverse centinaia di grammi di queste sostanze.
  • Droga
  • Polizia di Stato
  • Armi
Altri contenuti a tema
Picchia la moglie davanti ai due figli, arrestato 20enne al Libertà Picchia la moglie davanti ai due figli, arrestato 20enne al Libertà L'uomo è stati rintracciato dalla polizia in via Dante. Per la donna frattura del setto nasale
Con oltre 5 chili di cocaina e 50 di marjuana nel camion frigo, dalla Calabria al porto di Bari Con oltre 5 chili di cocaina e 50 di marjuana nel camion frigo, dalla Calabria al porto di Bari E' finito con il sequestro il viaggio di un corriere della droga sulla Salerno Reggio Calabria, la finanza lo intercetta e lo arresta
Bomba d'acqua su Capitolo, fiume di fango in strada. Intervengono i sommozzatori Bomba d'acqua su Capitolo, fiume di fango in strada. Intervengono i sommozzatori Vigili del fuoco e polizia in soccorso delle persone intrappolate nei veicoli
Scippano un cellulare e aggrediscono i poliziotti, arrestati due giovani Scippano un cellulare e aggrediscono i poliziotti, arrestati due giovani I malviventi sono stati seguiti da un amico della vittima, che ha allertato gli agenti
Controlli sulle norme anti-Covid della polizia, scattano le multe a Bari Controlli sulle norme anti-Covid della polizia, scattano le multe a Bari Agenti impegnati nel verificare il rispetto del distanziamento sociale e l'utilizzo delle mascherine
Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato. Arrestato 32enne Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato. Arrestato 32enne L'uomo aveva stabilito il suo quartier generale all'interno di un edificio sulla provinciale per Ceglie del Campo
Monopoli, guida in stato di ebrezza o senza assicurazione: 3 patenti ritirate e 16 multe Monopoli, guida in stato di ebrezza o senza assicurazione: 3 patenti ritirate e 16 multe Serata di controlli per il locale commissariato di polizia di Stato, in collaborazione con la stradale di Bari
Bari, tentano furto all'interno di un'auto. Arrestati due pregiudicati Bari, tentano furto all'interno di un'auto. Arrestati due pregiudicati I malviventi sono stati intercettati dalla polizia all'altezza di Torre a Mare. Denunciato 41enne per inosservanza del Daspo urbano
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.