Arresto terrorista
Arresto terrorista
Cronaca

Confermato il fermo del terrorista preso a Bari. Era affiliato all'organizzazione armata Daesh

L'uomo sui social inneggiava al martirio e all'attentato di Strasburgo. Nel mirino aveva la Città del Vaticano

Novità in merito al presunto terrorista somalo fermato quattro giorni fa a Bari. Il GIP del Tribunale di BARI ha convalidato il provvedimento di fermo, disposto dalla DDA di Bari ed eseguito dalla DIGOS del capoluogo lo scorso 13 dicembre, nei confronti del ventenne cittadino somalo Mohsin Ibrahim Omar, noto come Anas Khalil, indagato per i reati di associazione con finalità di terrorismo, istigazione e apologia del terrorismo, aggravate dall'utilizzo del mezzo informatico e telematico.

L'incipit dell'indagine chiamata Yousuf arriva grazie ad alcune informazioni trasmesse alla Digos di Bari dalla DCPP/UCIGOS - acquisite in ambito di collaborazione internazionale da AISI ed AISE - che indicavano lo straniero come elemento affiliato all'organizzazione fondamentalista islamica armata Daesh in Somalia e in contatto con una sua cellula operativa. La militanza nello stato islamico di Ibrahim Omar si è concretizzata anche attraverso l'apologia di atti terroristici operata su piattaforme social, in particolare su Facebook, dove ha diffuso post e foto in cui esaltava il "martirio". Apologia e condivisione che ha manifestato anche in occasione dell'attentato di Strasburgo.

Sulla scorta di queste informazioni la DDA della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese ha immediatamente disposto l'attivazione di un complesso impianto investigativo, coordinato a livello centrale dal Servizio per il Contrasto al Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS con il supporto dell'AISI e del Federal Bureau of Investigation (FBI) statunitense. L'urgenza di eseguire il provvedimento restrittivo è stata dettata dai riferimenti all'elaborazione di possibili progettualità ostili in relazione alle imminenti festività natalizie e alle chiese, in quanto luoghi frequentati solo da cristiani.

L'indagine condotta dalla DDA e delegata alla DIGOS di Bari ha ben presto confermato la validità delle informazioni sul conto di Ibrahim Omar, consentendo anzi di acquisire gravi indizi di colpevolezza posti alla base, assieme al concreto pericolo di fuga, del provvedimento di fermo eseguito nei suoi confronti. L'attività investigativa, tra l'altro, ha consentito di documentare la totale adesione dello straniero all'ideologia del c.d. stato islamico e la sua organicità alla componente armata somalo-keniota di Daesh.

Sono poi stati raccolti elementi di fatto circa l'intenso indottrinamento operato da IBRAHIM OMAR su un altro straniero in corso di identificazione, al quale impartiva vere e proprie istruzioni teorico-operative sul concetto di jihad armato.
Social Video1 minutoIndagine Yousuf
  • Polizia di Stato
  • Terrorismo
Altri contenuti a tema
Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Gli agenti hanno controllato anche la regolarità degli occupanti sul territorio nazionale. Una donna è stata trasferita nel Cpr di Roma
Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un ausiliario del traffico. Sul posto 118, vigili e Polizia
Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne L'uomo si è introdotto in un garage in centro per commettere il furto, provando anche a sfuggire all'arresto degli agenti
San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia Squadra volante al lavoro per risalire all'identità dei responsabili. Trovati anche documenti e targhe rubate
Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia L'uomo, un 79enne malato di Alzheimer, era uscito di casa ma non era rientrato, si indaga per comprendere l'accaduto
Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Le manette della Polizia sono scattate dopo la perquisizione del suo appartamento, a Modugno in zona Cecilia
Bari, sorpresi a bruciare rifiuti. Denunciati Bari, sorpresi a bruciare rifiuti. Denunciati I due, un 32enne barese e un 23enne nigeriano, si trovavano in un'area recintata in via Camillo Rosalba
Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone In manette finisce un 68enne. I fatti contestati risalgono al marzo del 2014; la vittima aveva un contenzioso aperto con il killer
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.