Ospedale Di Venere JPG
Ospedale Di Venere JPG
Attualità

Pronto soccorso al collasso, Usppi: "Intervenire immediatamente"

La richiesta del sindacato ad Asl Bari, probabile manifestazione nei prossimi giorni

Le organizzazioni sindacali USPPI/medici, nelle persone Segretario Regionale Usppi Medici, Rocco Indellicato, del segretario nazionale e regionale Puglia della confederazione sindacale USPPI, Nicola Brescia, hanno scritto, al direttore generale Antonio Sanguedolce della Asl di Bari, denunciando la gravissima carenza di personale medico dei pronto soccorso "Di Venere e San Paolo" della Asl Bari, con conseguente difficoltà e rischio, visto l'alto numero di contagi Covid, per la assistenza in emergenza e urgenza sino al rischio di collasso del sistema .

Le carenze sono determinate dalla mancata programmazione ed attuazione tempestiva degli arruolamenti necessari rispetto alle necessità conosciute dei pronto soccorso dei due Ospedali Di Venere e San Paolo della ASL/BA. In sostanza – secondo l'Usppi - dalla incapacità gestionale e dal disinteresse burocratico alla emergenza ed urgenza. Non è possibile trasferire in mobilità d'urgenza, dagli ospedali Di Venere e San Paolo, un dirigente medico per coprire il pronto soccorso di Corato. Il Di Venere e il San Paolo, sono sotto organico, da troppi mesi e non riescono a coprire i turni già massacranti di lavoro di luglio . Sono al Collasso !!! Gli Ospedali baresi !!! Il Presidente Emiliano deve intervenire con immediatezza al fine di evitare l'inasprimento della vertenza che potrebbe avere risvolti DRAMMATICI !!!

Così come non viene attuato, per ragioni incomprensibili ma evidentemente non estranee all'interesse di qualche gestore del sistema, il programma di trasformazione dei pronto soccorso e di attivazione dei Punti di primo intervento, che dovrebbe anche esso contribuire a dare certezza al sistema dell'emergenza.

Criticità estrema anche nel S.E.T. 118 dove oramai emergono quotidianamente, anche sulla stampa, le inefficienze e le contraddizioni di una gestione "doppia" del 118 – gestione Policlinico e gestione Asl/Ba, un 118 con due teste è inaccettabile, mette in pericolo la sicurezza degli operatori e la funzione stessa del sistema, comunque molto oneroso per i contribuenti. La situazione appare gravissima e direttamente portatrice di rischio grave per gli utenti e i pazienti gravi che si rivolgono al 118 e ai pronto soccorso di questa ASL BA, così come per gli operatori dell'emergenza costretti ad operare in situazione di grave carenza e difficoltà.

I sindacati chiedono al direttore generale Sanguedolce, un immediato intervento per correggere le suddette gravi situazioni di rischio per la salute dei cittadini e per garantir almeno la assistenza in emergenza e urgenza ai pazienti che per necessità grave si rivolgono al 118 ed ai pronto soccorso di questa ASL BA.

In caso di ulteriore inerzia o ritardo le rappresentanze sindacali saranno costrette a denunciare direttamente la situazione alle competenti autorità di governo e giudiziarie. Non è esclusa la possibilità che venga effettuata una manifestazione di protesta dei medici dei pronto soccorso Di Venere e San Paolo di Bari, nei prossimi giorni, dinanzi alla direzione generale Asl/Bari, per poi sportarsi presso la presidenza della giunta regionale.
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Vertenza Natuzzi, raggiunto l'accordo per la cassa integrazione Vertenza Natuzzi, raggiunto l'accordo per la cassa integrazione La Cigs interesserà complessivamente 449 addetti e vigerà per il periodo 14 Febbraio - 31 Dicembre 2023
Cgil in piazza contro la manovra finanziaria, Gesmundo: «​È assurda, squilibrata e iniqua». Cgil in piazza contro la manovra finanziaria, Gesmundo: «​È assurda, squilibrata e iniqua». Corteo questa mattina in centro città sotto la pioggia, sarà presente anche il segretario nazionale Landini
Baritech, spunta una proposta. Solo 48 ore per renderla reale Baritech, spunta una proposta. Solo 48 ore per renderla reale In riunione Sepac si è presentato un procuratore di alcune aziende, tempi sempre più ristretti
Spiraglio per il futuro della Baritech, si decide tutto a fine mese Spiraglio per il futuro della Baritech, si decide tutto a fine mese Un imprenditore si è dichiarato disposto anche ad assumere i 115 dipendenti
Nessuna novità sul futuro del Palace, Saiga non si presenta in task force regionale Nessuna novità sul futuro del Palace, Saiga non si presenta in task force regionale Timore per i 42 dipendenti a cui scade la cassa integrazione il 31 dicembre
Crisi Baritech, i dipendenti occupano la struttura Crisi Baritech, i dipendenti occupano la struttura La decisioni in seguito alla notizia che si stia provvedendo alla vendita del capannone
Vertenza Baritech, 117 dipendenti senza futuro. Serie di manifestazioni Vertenza Baritech, 117 dipendenti senza futuro. Serie di manifestazioni A partire da domani i sindacati hanno organizzato diverse proteste
Sit-in delle guardie giurate in piazza: «No alla valigette implodenti» Sit-in delle guardie giurate in piazza: «No alla valigette implodenti» La manifestazione nella giornata di ieri, i sindacati: «Attendiamo risposte oppure metteremo in atto altre proteste»
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.