policlinico grandi ustionati
policlinico grandi ustionati
Enti locali

Policlinico di Bari, riapre il Centro grandi ustionati: polo per la cura con cellule staminali

Torna in attività l’unità operativa di Chirurgia plastica al terzo piano del padiglione Asclepios, dopo i lavori di ristrutturazione

Riapre da oggi al terzo piano del padiglione Asclepios, dopo i lavori di ristrutturazione e di ammodernamento, il Centro grandi ustionati, annesso all'Unità operativa complessa di Chirurgia plastica, del Policlinico di Bari.

Il Centro, diretto dal professor Giuseppe Giudice, è composto di un'area di Terapia sub-intensiva per il ricovero di 8 pazienti con ustioni fino al 15%-20% della superficie corporea e di un'area di Terapia intensiva per il ricovero di 2 pazienti con ustioni gravi superiori al 20% della superficie corporea, accolti in box singoli e dotati di apparecchiature per il monitoraggio dei parametri vitali.
box ustionigiuseppe giudicebox singolo centro ustionistanza chirurgia plasticastanza chirurgia plasticavasca balneoterapia
Sono presenti, inoltre, due sale di balneoterapia per il lavaggio dei pazienti e i percorsi dei pazienti, del personale, dei visitatori e del materiale sono studiati per assicurare flussi separati. Il centro Ustioni di Bari rappresenta un'eccellenza non solo per l'attività clinica ma anche per l'attività scientifica: numerose sono le ricerche sviluppate dal gruppo barese, pubblicate sulle riviste internazionali più importanti del settore.

I medici pugliesi, infatti, risultano essere pionieri nell'uso delle cellule staminali per la rigenerazione tissutale e tra i primi a utilizzare una metodica innovativa per la rimozione precoce del tessuto morto. Attraverso queste tecniche innovative vengono trattati i pazienti ustionati al Policlinico di Bari.

«Il Centro grandi ustionati del Policlinico di Bari rappresenta un'eccellenza assoluta per il trattamento dei grandi ustionati, riconosciuto a livello nazionale, e assicura la cura a pazienti in condizioni cliniche complesse che giungono dalla nostra Regione ma soprattutto dalle Regioni limitrofe come Basilicata, Calabria e Molise – commenta il direttore del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore - L'obiettivo è incrementare i posti letto e rendere la struttura uno dei punti di riferimento più importanti d'Italia».

Il Centro di Bari è stato tra i primi a utilizzare un metodo innovativo per la rimozione precoce del tessuto morto dei pazienti ustionati: il trattamento viene eseguito direttamente a letto con l'uso di un prodotto naturale senza il tradizionale ricorso alla chirurgia in sala operatoria. Si tratta di una tecnica mini-invasiva adottata per l'escarectomia (la rimozione precoce del tessuto morto) attraverso una sostanza a base di enzimi arricchiti con bromelina. Con un duplice vantaggio sia per il paziente sia per l'ospedale: da un lato consente di eseguire l'escarectomia a letto del degente e dunque senza alcuna perdita ematica; dall'altro annulla i costi di occupazione delle sale operatorie e la necessità di emostrasfusioni.

Il gruppo barese è tra i pionieri di un'altra tecnica di avanguardia: l'utilizzo di cellule staminali adulte prelevate dal grasso corporeo che induce la rigenerazione tissutale, evitando il prelievo di cute per la copertura dei tessuti lesi dall'ustione.

«Considero le cellule staminali una grande scommessa per il futuro dei pazienti grandi ustionati – afferma il professor Giuseppe Giudice – una metodica questa che permette alla nostra disciplina di essere meno interventistica e più rigenerativa. L'utilizzo di cellule staminali, infatti, consente una migliore cicatrizzazione, riducendo l'incidenza di esiti cicatriziali invalidanti e consentendo ai pazienti un reinserimento più rapido e completo nel contesto sociale e lavorativo».

L'obiettivo della direzione generale del Policlinico di Bari è quello di ampliare la struttura attuale, peraltro già esistente e fornita di tutte le attrezzature necessarie, aumentando la ricettività del Centro fino a 8 ricoveri in Terapia Intensiva. La realizzazione di un'area di rianimazione dedicata a questo tipo di patologia, in grado di affrontare anche problemi clinici di elevata complessità consentirebbe, al Centro di Bari, di diventare tra i più importanti Centri grandi ustionati di Italia.
  • Policlinico
Altri contenuti a tema
Policlinico di Bari, primi 10mila vaccini antinfluenzali per operatori sanitari e studenti di Medicina Policlinico di Bari, primi 10mila vaccini antinfluenzali per operatori sanitari e studenti di Medicina Migliore: «L'ospedale ha a disposizione scorte anche per i pazienti che vorranno farlo. Con il Covid ancora più importante la profilassi»
Covid, il vescovo Cacucci celebra messa per malati e operatori sanitari al Policlinico di Bari Covid, il vescovo Cacucci celebra messa per malati e operatori sanitari al Policlinico di Bari La funzione religiosa sarà trasmessa in diretta streaming sul canale ufficiale dell'ospedale. Presente anche Emiliano
Policlinico di Bari, da domani vaccinazioni antinfluenzali per personale sanitario e studenti di Medicina Policlinico di Bari, da domani vaccinazioni antinfluenzali per personale sanitario e studenti di Medicina Profilassi gratuita per i pazienti appartenenti alle fasce a rischio che sarà svolta direttamente nei reparti ospedalieri
Policlinico di Bari, mamma positiva al Covid partorisce in sicurezza nel reparto di Ginecologia Policlinico di Bari, mamma positiva al Covid partorisce in sicurezza nel reparto di Ginecologia La bambina neonata è risultata positiva al tampone. Il direttore della clinica: «Assistenza sempre garantita a tutte le pazienti»
Regionali, ex malata di Covid presidente del seggio nel Policlinico di Bari Regionali, ex malata di Covid presidente del seggio nel Policlinico di Bari La storia di Asia Iurlo: «Ho accettato perché sono sensibile al tema della democrazia». Oltre 200 le rinunce
Policlinico di Bari, firmata la stabilizzazione per 26 dipendenti precari Policlinico di Bari, firmata la stabilizzazione per 26 dipendenti precari Si tratta di 19 infermieri e 5 medici, un biologo e un farmacista. Età media dei nuovi assunti di 35 anni
Braccia meccaniche e mini tagli di precisione: al Policlinico di Bari arriva il secondo robot Braccia meccaniche e mini tagli di precisione: al Policlinico di Bari arriva il secondo robot Si chiama “DaVinci” ed è riconosciuto come la migliore apparecchiatura per la chirurgica robotica applicata all'urologia alla ginecologia e alla toracica
Covid-19, una mamma ricoverata al Policlinico di Bari: «Una prova difficile, state attenti» Covid-19, una mamma ricoverata al Policlinico di Bari: «Una prova difficile, state attenti» Il post su Facebook della 36enne: «Ho la polmonite e sono attaccata all'ossigeno. Una malattia cattivissima»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.