Sushi
Sushi
Cronaca

Panico da Coronavirus a Bari, si svuotano i ristoranti cinesi e giapponesi

L'allarmismo infondato sta mietendo le prime vittime, e via Facebook corrono gli appelli dei ristoratori e dei dipendenti

Il panico da Coronavirus è arrivato a Bari e sta mietendo le prime vittime. A pagare le conseguenze di un allarmismo infondato sono i cittadini cinesi che abitano in città e coloro che hanno ristoranti cinesi e giapponesi. Una situazione che sta diventando preoccupante, con i ristoranti che si stanno svuotando a causa della paura nei confronti del virus.

Non importa che l'Istituto Superiore di Sanità abbia specificato che il nuovo Coronavirus non si trasmette per via alimentare e che quindi mangiare cinese non è pericoloso, il panico che sta correndo, soprattutto via social, a causa anche di video di dubbia provenienza, sta facendo allontanare i baresi dai ristoranti cinesi e giapponesi.

Da alcuni giorni diversi ristoranti stanno provando tramite Facebook a far comprendere l'assurdità del "boicottarli". Yuzu Sushi ha addirittura postato le fatture da cui è possibile evincere la provenienza 100% italiana delle materie prime con cui cucinano. Un post nato in quanto: «Pur essendo Bari una città non a rischio - raccontano - molta gente ha iniziato a spaventarsi per questo virus e ha iniziato a evitare i locali cino-giappo. Molti vecchi clienti ci hanno suggerito di mettere le fatture e le provenienze dei nostri prodotti e lo abbiamo fatto. Noi vogliamo tranquillizzare i nostri clienti con la verità, e noi di Yuzu offriamo prodotti freschi e di origine italo-europea, nessuno proveniente dalla Cina».

Un dipendente di un altro ristorante di Bari ieri affidava anch'esso ai social la sua amarezza: «Ad oggi, io e i miei cari colleghi siamo senza lavoro, perché qualcuno non si informa bene. Volevo solo dirvi che, almeno per quanto riguarda il ristorante dove lavoro (anzi lavoravo, dato che finché c'è questa paura nessuno si fa vivo e il ristorante è vuoto) la pulizia è all'ordine del giorno, il cibo è tutto rigorosamente italiano, e i nostri colleghi cinesi non si sono mossi da Bari».

Un problema che potrebbe diventare anche più grande di quanto non sia ora, in quanto se si dovesse continuare ad evitare certi ristoranti il problema diventerebbe non solo dei titolari, ma anche di chi ci lavora e di chi fornisce loro le materie prime. Un effetto domino che potrebbe avere ricadute preoccupanti sull'economia italiana, e non cinese.


  • Cibo sano
  • Cibo
Altri contenuti a tema
Bari, carote scadute ai bambini con "Frutta e Verdura nelle scuole" Bari, carote scadute ai bambini con "Frutta e Verdura nelle scuole" Succede all'Istituto Comprensivo Persone-Levi al quartiere Libertà
Spesa per il cenone, in Puglia cresce la richiesta di polpi e seppie Spesa per il cenone, in Puglia cresce la richiesta di polpi e seppie Coldiretti avverte: "Occhio alle truffe come il filetto di brosme spacciato per baccalà"
Cento pacchi di beni alimentari donati ai bisognosi a Natale grazie a "Nutri-Amo" Cento pacchi di beni alimentari donati ai bisognosi a Natale grazie a "Nutri-Amo" Il progetto è promosso dall’associazione Mama Happy - centro servizi famiglie accoglienti e finanziato dall’assessorato al Welfare comunale
Cibo di strada, successo a Bari, stasera ultimo appuntamento Cibo di strada, successo a Bari, stasera ultimo appuntamento In piazzale Lorusso tante prelibatezze provenienti dalla cucina nazionale e internazionale
Amanti del pollo fritto state allerta, a Bari arriva KFC Amanti del pollo fritto state allerta, a Bari arriva KFC L'apertura alla stazione centrale in seguito all'accordo sottoscritto nel 2018 con Grandi Stazioni Retail
Spreco alimentare, ogni pugliese butta nel bidone 80 chili di cibo Spreco alimentare, ogni pugliese butta nel bidone 80 chili di cibo In tutta la Puglia in un anno vengono gettate 310mila tonnellate. Cosa fare? Ecco alcuni consigli
Sequestro di pesce a Polignano, Selecta Spa chiarisce la sua estraneità ai fatti Sequestro di pesce a Polignano, Selecta Spa chiarisce la sua estraneità ai fatti Il marchio compariva nelle foto fornite dalla Guardia di Finanza, ecco la nota esplicativa dell'azienda
Decaro consegna una targa al panificio Fiore di Bari Decaro consegna una targa al panificio Fiore di Bari Domenica a Bologna aveva ottenuto il riconoscimento per la migliore d'Italia
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.