coronavirus
coronavirus
Attualità

Nuovi anticorpi per la terapia del Covid, ecco lo studio tutto barese

È stato presentato da un team dell'Università di Bari e potrebbe essere una svolta nella cura della malattia

Elezioni Regionali 2020
Un lavoro condotto da un team tutto di Bari, coordinato in questo progetto dal Dott. Ciro Leonardo Pierri del Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica, presenta per la prima volta una possibile conformazione "post-fusione" della proteina "spike" del virus SARS-CoV-2, responsabile della fusione dell'involucro proteico del virus con le membrane delle cellule umane mediante l'interazione "chiave-serratura" tra proteina "spAike" virale (che funge da chiave) e recettore ACE2 umano (che funge da serratura).

Lo studio, sostenuto dall'Associazione AIRM e dal MIUR ha permesso di far luce su alcuni dettagli molecolari dei meccanismi di infezione da SARS-CoV-2, ancora sconosciuti, ed è stato messo a disposizione della comunità scientifica dal 16 aprile 2020 sulla piattaforma biorxivdove è stato visualizzato nella sua prima versione da oltre 5000 ricercatori in tutto il mondo. Una versione più completa del lavoro è stata ora pubblicata, dopo revisione tra pari, su Cell Molecular Life Sciences, un importante giornale del gruppo Springer.

I risultati delle analisi condotte hanno almeno due implicazioni nella gestione della emergenza COVID-19. La prima implicazione riguarda la possibilità di disegnare nuovi anticorpi terapeutici ad alta affinità per la proteina "spike" del virus SARS-CoV-2, responsabile della pandemia. I suddetti anticorpi, una volta validate le analisi strutturali, potrebbero essere impiegati per prevenire l'interazione tra proteina "spike" virale e proteina "ACE2" umana, riducendo di fatto le complicazioni dovute all'infezione. Lo studio propone, inoltre, un "framework" molecolare, in cui sono presenti simultaneamente proteina "spike" virale, recettore umano "ACE2" e possibili anticorpi terapeutici neutralizzanti. Questo framework molecolare permetterà di disegnare anticorpi terapeutici anche contro futuri coronavirus che usino le interazioni tra la proteina-chiave "spike" virale e la proteina-serratura "ACE2" umana.

La seconda implicazione riguarda la possibilità di utilizzare le conoscenze acquisite circa le variazioni conformazionali della proteina-chiave "spike" virale e delle sue interazioni con la proteina-serratura "ACE2" umana e/o con possibili anticorpi terapeutici, per sviluppare kit diagnostici quantitativi ad alta sensibilità e specificità per la rivelazione di infezioni viralidovute a SARS-CoV-2. Allo studio hanno preso parte i giovanissimi dottori Ivan Mercurio e Francesco Busto, attualmente studenti del corso di laurea magistrale in Biotecnologie Industriali e Ambientali dell' Università di Bari. Inoltre allo studio hanno partecipato un'altra ricercatrice del dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica, la dott.ssa Anna De Grassi e il dottor. Vincenzo Tragni, attualmente dottorando del corso di dottorato in "Biodiversità Agricoltura e Ambiente.
  • uniba
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Caso Covid al Di Venere, negativi i tamponi del personale e delle degenti di Ginecologia Caso Covid al Di Venere, negativi i tamponi del personale e delle degenti di Ginecologia Lo comunica Asl Bari: «Avviata verifica interna per appurare se tutti i protocolli di sicurezza siano stati rispettati»
Bari, donna positiva al Coronavirus al Di Venere. Chiusa ginecologia Bari, donna positiva al Coronavirus al Di Venere. Chiusa ginecologia La paziente è stata trasferita ma non avrebbe avuto contatti con nessun altro all'interno del reparto
Commessa positiva al Covid-19, a Bari chiude profumeria in via Sparano Commessa positiva al Covid-19, a Bari chiude profumeria in via Sparano La donna residente nel Brindisino è asintomatica ma moglie di un contagiato. Tutti i dipendenti sono ora in isolamento
Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Una campagna realizzata in collaborazione con Fondazione Ania. Screening all’undicesimo reggimento a Bari e alla scuola allievi di Taranto
Coronavirus, in Puglia sette nuovi casi su oltre 2mila tamponi Coronavirus, in Puglia sette nuovi casi su oltre 2mila tamponi Sono tre le positività registrate in provincia di Bari. Non ci sono decessi
Ritorno a scuola in presenza, c'è il protocollo di sicurezza firmato da Ministero e sindacati Ritorno a scuola in presenza, c'è il protocollo di sicurezza firmato da Ministero e sindacati Orari scaglionati per ingressi e uscite e percorsi separati. Segnaletica sul distanziamento e sanificazione costante degli spazi. Critiche le opposizioni
Covid-19, dal 3 giugno 27mila persone si sono segnalate alla Asl Bari Covid-19, dal 3 giugno 27mila persone si sono segnalate alla Asl Bari L'ambulatorio Coronavirus dell'azienda sanitaria locale esegue 30 tamponi al giorno
In Puglia la prima fabbrica pubblica di Dpi in Italia, a Bari parte la produzione In Puglia la prima fabbrica pubblica di Dpi in Italia, a Bari parte la produzione Il plesso industriale si trova in via Corigliano, nella sede dell’ex Ciapi, diventata di proprietà della Regione
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.