Le signore a Bari Vecchia mentre preparano i cavatelli
Le signore a Bari Vecchia mentre preparano i cavatelli
Attualità

Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times, un'inchiesta sul "crimine della pasta"

Il famoso quotidiano americano ha fatto un viaggio per le strade borgo antico per indagare sul caso che fa discutere l'opinione pubblica

Elezioni Regionali 2020
Buone, genuine, fatte in casa e simbolo di una tradizione secolare da una parte, prive di certificati di tracciabilità e senza fatturazione, quindi illegali, dall'altra. Il caso delle orecchiette di Bari vecchia finisce sul famoso quotidiano americano The New York Times. Nel suo pezzo il giornalista Jason Horowitz dedica una vera e propria inchiesta allo "scandalo" (lo chiama "A crime of pasta", il crimine della pasta nel suo articolo) che ha infiammato l'opinione pubblica barese.

Nell'autunno in corso è scoppiato il caso di un ristorante del centro cittadino sanzionato dalla guardia di finanza perché trovato in possesso delle rinomate orecchiette prodotte a mano dalle massaie del borgo antico, squisite ma purtroppo in contraddizione con i termini di legge, che prevedono la somministrazione di prodotti certificati e certificabili all'interno delle attività di ristorazione.

Nel suo viaggio a Bari vecchia Horowitz dedica un focus all'Arco basso e alla produzione artigianale della tipica pasta barese, che in molti casi rappresenta la principale fonte di reddito per le "grandmothers" (le nonne, come si legge nell'articolo) e le loro famiglie. Le signore di Bari vecchia si alzano presto la mattina, tirano fuori mattarello, acqua e farina e iniziano a produrre la massa da cui si ricava il prelibato taglio di pasta.

Un cortocircuito, quello legge-tradizione-marketing territoriale, che il NYT non ha mancato di sottolineare, ricordando non solo come l'enogastronomia tradizionale barese sia diventata una potente attrazione per i turisti di tutto il mondo, ma anche e soprattutto come rinomati marchi del calibro di Dolce&Gabbana abbiano scelto nel recente passato proprio Bari vecchia e la produzione di orecchiette e cavatelli per le loro campagne pubblicitarie.

«Qui è sempre tutto fresco. Se nessuno le compra ce le mangiamo noi», ha detto una delle massaie a Horowitz, che nel suo articolo racconta al pubblico statunitense il caratteristico modo di vivere del centro storico di Bari, fra panni stesi ad asciugare al sole, gente che spazza le strade "armata" di scopa e secchio, e le immancabili orecchiette a fare da cornice al via vai di turisti e baresi per le strade del borgo antico.

«La gente del posto si chiede se l'improvviso zelo italiano per le regole, che in molti casi vengono ignorate, condurrà a una sopraffazione dell'orgoglio locale che ha portato a Bari tanti turisti e molta buona stampa», si legge nel pezzo di Horowitz, che riporta anche i timori delle "nonne" in merito al loro commercio di pasta, nonostante le rassicurazioni verbali del sindaco Antonio Decaro. Una domanda, certo posta non senza qualche stereotipo (la legge spesso ignorata, per esempio) che assilla anche l'opinione pubblica barese: è giusto sacrificare la tradizione e la bontà di un prodotto genuino, una calamita per turisti e avventori stranieri, sul freddo altare della legge? Ognuno si fabbrichi la propria verità.
  • Bari vecchia
Altri contenuti a tema
Bari vecchia, sì al nuovo lungomare di Santa Scolastica. Approvato progetto definitivo Bari vecchia, sì al nuovo lungomare di Santa Scolastica. Approvato progetto definitivo Un intervento da 16 milioni di euro. Decaro: «Entro fine agosto contiamo di bandire la gara d'appalto»
Un boato nella notte a Bari vecchia, giù il controsoffitto della scuola Corridoni Un boato nella notte a Bari vecchia, giù il controsoffitto della scuola Corridoni I vigili del fuoco hanno transennato la zona, in mattinata il controllo da parte dei tecnici del Comune per la stima dei danni
1 Bari vecchia, a bagno nei campi di calcetto con la piscina gonfiabile Bari vecchia, a bagno nei campi di calcetto con la piscina gonfiabile Lo scatto dell'area sportiva ai piedi della muraglia ha fatto il giro dei social
Bari, 19 anni fa l'omicidio di Michele Fazio, Decaro: «Lottare perché non accada più» Bari, 19 anni fa l'omicidio di Michele Fazio, Decaro: «Lottare perché non accada più» Cerimonia ieri sera nella città vecchia, presente il sindaco e il presidente Emiliano. Messa tenuta da don Angelo Cassano di Libera
Cinema, libri e musica: l'estate culturale post-Covid in piazza San Pietro a Bari vecchia Cinema, libri e musica: l'estate culturale post-Covid in piazza San Pietro a Bari vecchia Presentato il programma delle associazioni Veluvre e Daido. Decaro: «Iniziamo a riappropriarci dei nostri spazi»
Giornate Fai, a Bari vecchia un tour delle edicole votive Giornate Fai, a Bari vecchia un tour delle edicole votive Durante il tour anche una tappa nel complesso monumentale di Santa Chiara, per ammirare l'opera dell'artista David Tremlett
Giornate Fai, domani e sabato visite guidate alle edicole votive di Bari vecchia Giornate Fai, domani e sabato visite guidate alle edicole votive di Bari vecchia Il numero degli ingressi sarà contingentato per le disposizioni sul contenimento del Covid-19
Le edicole votive di Bari vecchia candidate per i "Luoghi del cuore" Fai, al via le votazioni Le edicole votive di Bari vecchia candidate per i "Luoghi del cuore" Fai, al via le votazioni Decima edizione del censimento che chiama gli italiani a scegliere i beni che più amano. In palio un finanziamento per il restauro
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.